IngForum il forum di Ingegneri.info
Oggi è giovedì 21 novembre 2019, 20:23

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 18 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Norme vigenti 1979
MessaggioInviato: lunedì 9 gennaio 2017, 13:38 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 24 ottobre 2007, 14:39
Messaggi: 19262
Località: Ferrara
Salve, sto seguendo una pratica di SCIA in sanatoria relativa a un edificio in cui è stata ampliata l'apertura su un muro portante, portandola da 90 a 160cm, mediante realizzazione di semplice architrave in c.a. con arco decorativo.
L'intervento è stato realizzato nel 1979, in occasione di una ristrutturazione con sopraelevazione, in cui però tale apertura non risulta nei progetti depositati e approvati all'epoca. Siccome ora l'edificio viene venduto, comparando le piante attuali con quelle concessionate risulta questa difformità, per la quale il comune richiede una sanatoria.
Tra gli allegati da presentare è compresa l'asseverazione da parte del tecnico che l'intervento rispetta le norme tecniche vigenti all'epoca.
Per tanto chiedo: trattandosi di eidificio in muratura quale norma posso prendere come riferimento? DM 20/11/87? Il comune non era considerato zona sismica, quindi che sappia io per gli edifici in muratura non erano richiesti particolari requisiti in tal senso, ma chiedevo conferma...
Nel caso di DM-87, per asseverare il rispetto della norma che verifiche devo fare nel caso di realizzazione di apertura su parete portante? Solo verifica ai carichi verticali riferita alla muratura in cui viene realizzata l'apertura?

_________________
L'evoluzione c'entra. Sempre.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Norme vigenti 1979
MessaggioInviato: lunedì 9 gennaio 2017, 18:47 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 27 agosto 2009, 10:14
Messaggi: 3085
Località: Pescara
Segnalo che in linea di principio l'accertamento di conformità ex art 36 DPR380/01 richiede la doppia conformità, ovvero l'idoneità strutturale sia nel momento in cui si è prodotto l'abuso che nel momento in cui si chiede la sanatoria.
Ne consegue che secondo tale principio dovresti verificare l'abuso con le attuali norme (NTC) (riporto qui il un testo a mio avviso molto ben fatto). Questa interpretazione è stata confermata anche dalla cassazione (se non ricordo male qualche mese fa) ed è quella che, per esempio, adotta il GC di Pescara.
Lo stesso GC tra l'altro, consapevole dell'inutilità di verifiche relative alla normativa dell'epoca, praticamente adesso richiede solo la verifica rispetto alle NTC.
In ogni caso, qui un utile riferimento.

_________________
‎"Il progetto sismico è in realtà un problema per architetti." (Geoffrey Wood)


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Norme vigenti 1979
MessaggioInviato: lunedì 9 gennaio 2017, 23:17 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 24 ottobre 2007, 14:39
Messaggi: 19262
Località: Ferrara
non vedo nessun link....
comunque se ho capito bene, di fatto non sarebbe sanabile questo intervento, se non intervenendo oggi ad esempio con una cerchiatura che rispetti le attuali NTC....
Ma a quel punto non sarebbe più una "sanatoria", tanto varrebbe farlo passare per nuovo intervento risparmiandosi l'oblazione. E magari costerebbe ancora meno "richiudere" l'apertura fino alle sue dimensioni originarie....
C'è qualcosa che mi sfugge? :roll:

Eppure, operando in Emilia Romagna, la legge regionale (L.R.19/2008) parla di rispetto delle normative vigenti all'epoca, come confermatomi dal tecnico del Comune con cui ho parlato, che mi ha richiesto appunto un'asseverazione in tal senso.... perciò cosa dovrei fare? :roll:

_________________
L'evoluzione c'entra. Sempre.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Norme vigenti 1979
MessaggioInviato: lunedì 9 gennaio 2017, 23:25 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 8 giugno 2015, 18:02
Messaggi: 347
Cita:
non vedo nessun link....

Ci sono i collegamenti ipertesto in corrispondenza dei due avverbi "qui"


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Norme vigenti 1979
MessaggioInviato: martedì 10 gennaio 2017, 8:43 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 27 agosto 2009, 10:14
Messaggi: 3085
Località: Pescara
Ecco il link http://www.staticaesismica.it/staticaes ... ativa.html sulla cronistoria normativa.
Per quanto riguarda l'interpretazione ecco http://www.tecnolabingegneria.it/minibl ... ta-statica
Per rispondere alla domanda, francamente stando alle interpretazioni che conosco io direi che non è sanabile e che se trattasi di semplice allargamento forse conviene ripristinare l'ultima situazione legittimata.
Tuttavia se l'interpretazione che ne dà il comune (anche alla luce della normativa regionale) è quella di rispetto della sola normativa vigente all'epoca dell'abuso direi che puoi procedere con la sanatoria così come avevi ipotizzato.
L'unico suggerimento che mi viene in mente di darti è quello di richiedere un PdC al posto della SCIA perchè con il primo costringi il comune ad autorizzare la sanatoria. Capisco che spiegare queste cose al committente è un casino ma la scia è una grandissima rogna per le sanatorie!

_________________
‎"Il progetto sismico è in realtà un problema per architetti." (Geoffrey Wood)


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Norme vigenti 1979
MessaggioInviato: martedì 10 gennaio 2017, 11:10 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 24 ottobre 2007, 14:39
Messaggi: 19262
Località: Ferrara
OK ora ho letto i link...
Perciò ricapitolando: trattandosi di edificio in muratura costruito prima del 2009 quindi non compreso nella 1086, non ha un certificato di collaudo e in questo caso non occorre fare alcuna idoneità statica.

Ho però un dubbio sul certificato di agibilità: va comunque richiesto anche per questo tipo di intervento, visto che in teoria dovrebbe già esserci relativamente all'intervento fatto all'epoca.... :roll:

_________________
L'evoluzione c'entra. Sempre.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Norme vigenti 1979
MessaggioInviato: martedì 10 gennaio 2017, 11:11 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 14 marzo 2011, 17:44
Messaggi: 7161
Località: Atene (Greece)
ferma restando la storia della doppia conformità e ferma restando che spesso si applica la versione meno rigida, cioè che viene richiesta dichiarazione di conformità all'epoca dell'operazione, a mio avviso la "difformità" riscontrata è in regola,
mi spiego.
l'operazione è del 1979.
il primo decreto sulle murature è del 1987.
dal ché risulta che nel 1979 potevano fare varianti strutturali "a piacimento".
conclusione: basta attestare che l'ampliamento da 90 a 160 è conforme all'epoca di realizzazione.
sempre che non riguardi un prospetto esterno. in tal caso - prospetto esterno - si rileva una difformità geometrica (non strutturale) del prospetto esterno.
quindi la conferma che chiedeva boba nel suo post d'apertura mi sembra conclusa.

p.s. il certificato di agibilità lo fai se ti obbliga il notaio a farlo, altrimenti no (io la penso così, cioè non faccio una cosa non espressamente richiesta; è il notaio che sa se può stipulare senza o con certificato).
il certificato di agibilità riguarda l'intera unità immobiliare, non il singolo fatto dell'unità.

_________________
Tra quello che noi riusciamo a malapena a vedere e quello che in realtà accade veramente c'è sempre molta differenza (Banondre, filosofo greco agnostico del II sec. d.C.).


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Norme vigenti 1979
MessaggioInviato: martedì 10 gennaio 2017, 12:08 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 27 agosto 2009, 10:14
Messaggi: 3085
Località: Pescara
Un po' off topic, ma il certificato di agibilità è richiesto espressamente dal DPR 380/01 (art. 24), non è un atto spontaneo; lo stesso DPR precisa che il certificato di agibilità può essere rilasciato anche per una singola UI.

_________________
‎"Il progetto sismico è in realtà un problema per architetti." (Geoffrey Wood)


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Norme vigenti 1979
MessaggioInviato: martedì 10 gennaio 2017, 12:48 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 24 ottobre 2007, 14:39
Messaggi: 19262
Località: Ferrara
OK, quindi per quanto riguarda l'intervento da sanare, trattandosi di apertura che viene "allargata" da 90 a 160 cm su un muro portante interno (niente modifiche prospettiche) in un periodo in cui non vi erano norme tecniche sulle murature, io sarei a posto e potrei asseverare questo e basta....
Riguardo al certificato di agibilità: ok che può essere fatto anche per una singola unità, ma se questo all'epoca "fu fatto" io dovrei essere a posto, o occorre farne un'altro?

E se invece mancava? Perchè in effetti ho recuperato tutta la documentazione presente in comune mediante accesso agli atti e ho trovato le seguenti cose:
-la richiesta di concessione relativa a ristrutturazione con sopraelevazione (aprile 1978),
-la concessione (ottobre 78) con i vari progetti allegati, in cui l'apertura in oggetto risulta da 90cm
-la comunicazione di inizio lavori (maggio 1979),
-l'approvazione della commissione edilizia (maggio 1979) successiva all'inizio lavori... :?
-una "certificazione", che certifica che i proprietari sono in possesso di concessione per detta ristrutturazione e che il fabbricato si trova in zona B2, (datata giungo 1979). :?

Poi più nulla. Perciò i lavori sono stati iniziati e finiti, ma a questo punto mi sorge il dubbio che sia mai stata data una chiusura lavori e un certificato di agibilità (per altro non so se a quell'epoca erano necessari, anche se immagino di sì...). :roll: :roll: :roll: :roll:

_________________
L'evoluzione c'entra. Sempre.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Norme vigenti 1979
MessaggioInviato: martedì 10 gennaio 2017, 12:50 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 14 marzo 2011, 17:44
Messaggi: 7161
Località: Atene (Greece)
boba74 ha scritto:
Poi più nulla. Perciò i lavori sono stati iniziati e finiti, ma a questo punto mi sorge il dubbio che sia mai stata data una chiusura lavori e un certificato di agibilità (per altro non so se a quell'epoca erano necessari, anche se immagino di sì...). :roll: :roll: :roll: :roll:

dichiari che l'immobile, nonostante quella "non difformità da 90 a 160", è conforme alle norme tecniche dell'epoca di realizzazione
e poi basta.
cioè: farai solo quello che chiederà il notaio.

(il 95% delle pratiche edilizie sono senza comunicazione di fine lavori).

_________________
Tra quello che noi riusciamo a malapena a vedere e quello che in realtà accade veramente c'è sempre molta differenza (Banondre, filosofo greco agnostico del II sec. d.C.).


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 18 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  

Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010