IngForum il forum di Ingegneri.info
Oggi è domenica 22 settembre 2019, 4:08

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 5 messaggi ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: domenica 27 gennaio 2019, 11:29 
Non connesso

Iscritto il: domenica 27 gennaio 2019, 10:52
Messaggi: 2
Salve a tutti di recente sono stato profondamente colpito da dalla notizia di Julen il bambino caduto in un pozzo e mi sono chiesto se nell' epoca moderna in cui viviamo è ancora ammissibile che un bambino cada un un pozzo ed ancor peggio che non esista un attrezzatura apposita che ne consenta un estrazione veloce o quantomeno un attrezzatura che consenta di monitorare le condizioni di vita del bambino e di creare quel minimo di habitat all interno del pozzo stesso che consenta di allungare la sopravvivenza di un bambino.

Immagino che costruire un macchinario del genere sia un impresa assolutamente anti economica ma in considerazione della grande utilità sociale che ne potrebbe derivare immagino che un tale progetto possa essere sostenuto anche da fondi pubblici.

Io personalmente immagino un attrezzo cilindrico dotato di vari attrezzi( luce, telecamera, altoparlante e microfono, un piccolo calorifero ed un tubicino che fornisca ossigeno, un termometro ambientale ed un igrometro e due bracci robotici studiati per manipolare agganciare o manipolare) che calato dall' alto con un argano possa o estrarre il bambino o stabilizzare monitorare ed essere di ausilio all'estrazione.

Cosa ne pensate? (Scusatemi per eventuali errori ma ho scritto tutto di getto con un cellulare)


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: domenica 27 gennaio 2019, 11:35 
Non connesso

Iscritto il: domenica 27 gennaio 2019, 10:52
Messaggi: 2
Io non sono un ingegnere e mi rendo conto che quello che ho scritto può sembrare infantile però 13 giorni per estrarre un bambino da un pozzo in un epoca in cui la robotica sta raggiungendo risultati stellari mi sembra eccessivo


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: martedì 29 gennaio 2019, 11:22 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 4 aprile 2012, 14:15
Messaggi: 1564
emanuelecro ha scritto:
Io non sono un ingegnere e mi rendo conto che quello che ho scritto può sembrare infantile però 13 giorni per estrarre un bambino da un pozzo in un epoca in cui la robotica sta raggiungendo risultati stellari mi sembra eccessivo

Primo: i pozzi aresiani non dovrebbero esistere o, se ci sono, vanno segnalati per evitare che qualcuno ci cada dentro.
Non essendo ingegnere probabilmente non ti rendi conto della difficoltà di estrarre qualcuno a 110 metri di profondità senza farlo soffocare.
E comunque un'epoca con l'apostrofo ;_9


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: martedì 29 gennaio 2019, 16:33 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 24 ottobre 2007, 14:39
Messaggi: 19221
Località: Ferrara
aggiungo inoltre, non per voler essere cinico, ma il fatto che sia successo e che la cosa abbia suscitato una grande eco mediatica come è giusto che sia (chi è un po' attempato si ricorderà anche di un fatto simile avvenuto in Italia al piccolo Alfredino), non significa che sia una cosa che succede tutti i giorni, si tratta di una tragedia per fortuna estremamente rara. Cause di morte di bambini di gran lunga più frequenti, per le quali varrebbe la pena di investire qualcosa in più, passano invece del tutto inosservate nei TG.
Per tornare all'attrezzatura, consideriamo che un pozzo artesiano è largo meno di una trentina di cm, non credo sia sufficiente mandare giù una fune con attaccato un gancio o altra attrezzatura di supporto per tirare su una persona, in questo caso un bambino, che per quanto ne sappiamo potrebbe anche essere incastrato a testa in giù, o in posizione innaturale, non in grado di muoversi (nè di afferrare alcunchè, sia esso un appiglio o cibo o acqua), per tanto occorre l'assistenza completa, che ad oggi significa arrivare nel punto in cui si trova il bambino mediante un secondo pozzo, per non mettere a rischio la stabilità del primo (che potrebbe parzialmente crollare o gettare materiale sul bambino stesso durante i tentativi di manovra.

Comunque endoscopi per pozzi dotati di telecamere o altro esistono già, e molto probabilmente li hanno anche usati in questo caso per determinare la posizione del bambino e capire le sue condizioni.

_________________
L'evoluzione c'entra. Sempre.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: martedì 29 gennaio 2019, 17:47 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 4 aprile 2012, 14:15
Messaggi: 1564
boba74 ha scritto:
aggiungo inoltre, non per voler essere cinico, ma il fatto che sia successo e che la cosa abbia suscitato una grande eco mediatica come è giusto che sia (chi è un po' attempato si ricorderà anche di un fatto simile avvenuto in Italia al piccolo Alfredino), non significa che sia una cosa che succede tutti i giorni, si tratta di una tragedia per fortuna estremamente rara. Cause di morte di bambini di gran lunga più frequenti, per le quali varrebbe la pena di investire qualcosa in più, passano invece del tutto inosservate nei TG.
Per tornare all'attrezzatura, consideriamo che un pozzo artesiano è largo meno di una trentina di cm, non credo sia sufficiente mandare giù una fune con attaccato un gancio o altra attrezzatura di supporto per tirare su una persona, in questo caso un bambino, che per quanto ne sappiamo potrebbe anche essere incastrato a testa in giù, o in posizione innaturale, non in grado di muoversi (nè di afferrare alcunchè, sia esso un appiglio o cibo o acqua), per tanto occorre l'assistenza completa, che ad oggi significa arrivare nel punto in cui si trova il bambino mediante un secondo pozzo, per non mettere a rischio la stabilità del primo (che potrebbe parzialmente crollare o gettare materiale sul bambino stesso durante i tentativi di manovra.

Comunque endoscopi per pozzi dotati di telecamere o altro esistono già, e molto probabilmente li hanno anche usati in questo caso per determinare la posizione del bambino e capire le sue condizioni.

sicuramente.
Chi non lavora nell'ambito non si rende conto.
avete presente cos'è un cunicolo di 110 m largo 30-40 cm??
Noi ci scervelliamo in azienda per le procedure di salvataggio che permettano il soccorso e l'estrazione di una persona in una vasca profonda 5 metri con apertura di entrata 50x60...e vi assicuro che non è una cosa facilissima.
Figuriamoci un bambino incastrato a 110 metri..ammesso che esista un robot che possa raggiungerlo, mi spieghi come fa a tirarlo su?? Come lo aggancia? Lo tira su per la maglietta? lo trascina per la testa così gli dà il colpo di grazia?? io mi sorprendo che siano riusciti ad estrarlo.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 5 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  

Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010