IngForum il forum di Ingegneri.info
Oggi è martedì 15 ottobre 2019, 11:24

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 44 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Verifica alle condizioni statiche
MessaggioInviato: lunedì 8 aprile 2019, 15:49 
Non connesso

Iscritto il: martedì 22 maggio 2007, 0:22
Messaggi: 2334
Per la Verifica alle condizioni statiche di strutture esistenti si intende:

a) Verifica a SLU statica con coeff. gamma pari ad (Tab. 2.6.I):
1,1 per carichi permanenti strutturali,
1,5 per carichi permanenti non strutturali
1,5 per i carichi accidentali

b) Verifica a SLU statica dove i coeff. gamma sono pari ad (Tab. 2.6.I) solo se ci conosce bene l’intensita’ dei carichi:
1,1 per carichi permanenti strutturali,
1,1 per carichi permanenti non strutturali
1,5 per i carichi accidentali

c) Verifica a SLU con coeff. gamma unitari (tipo tensione ammissibili)


Grazie


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Verifica alle condizioni statiche
MessaggioInviato: giovedì 11 aprile 2019, 12:13 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 9 luglio 2003, 11:52
Messaggi: 38101
il punto 8.5.5 delle ntc2018 dice:

8.5.5. AZIONI
I valori delle azioni e le loro combinazioni da considerare nel calcolo, sia per la valutazione della sicurezza sia per il progetto degli interventi, sono quelle definite dalla presente norma per le nuove costruzioni, salvo quanto precisato nel presente capitolo.
Per i carichi permanenti, un accurato rilievo geometrico-strutturale e dei materiali potrà consentire di adottare coefficienti parziali modificati, assegnando a γG valori esplicitamente motivati. I valori di progetto delle altre azioni saranno quelli previsti dalla presente norma.


trattandosi di valutazione di una situazione esistente e quindi non in una fase di progettazione per cui i permanenti strutturali sono suscettibili di modifiche, credo la b)

_________________
"l'ingegnere sa quello che fa, e fa quello che sa" (Michele Pagano)


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Verifica alle condizioni statiche
MessaggioInviato: martedì 16 aprile 2019, 9:49 
Non connesso

Iscritto il: martedì 22 maggio 2007, 0:22
Messaggi: 2334
... grazie

Anche perche', in zone a bassa sismicita', il piu' delle volte e' la verifica statica che da maggiori problemi rispetto quella sismica.

Estremizzando si potrebbe porre anche coefficienti unitari per quanto riguarda i carichi permanenti.


Ho posto questa domanda perche alcuni colleghi, su indagini di vulnerabilita' sismica su edifici esistenti, verificano alle condizioni statiche considerando una combinazione di carico quasi permanente...


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Verifica alle condizioni statiche
MessaggioInviato: martedì 16 aprile 2019, 13:17 
Non connesso

Iscritto il: martedì 16 giugno 2009, 21:51
Messaggi: 1087
ci può stare 1,1 secondo me ma perchè non hai mai preso in cosiderazione 1.3 ?!

con il Quasi permanente che verifiche fannno?! Sicuramente non credo sia corretto quelle di resistenza agli SLU....


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Verifica alle condizioni statiche
MessaggioInviato: martedì 16 aprile 2019, 14:49 
Non connesso

Iscritto il: martedì 22 maggio 2007, 0:22
Messaggi: 2334
massilaze ha scritto:
ci può stare 1,1 secondo me ma perchè non hai mai preso in cosiderazione 1.3 ?!

con il Quasi permanente che verifiche fannno?! Sicuramente non credo sia corretto quelle di resistenza agli SLU....



Perche' 1,3 ? ... Se mi permette di usare 1,1


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Verifica alle condizioni statiche
MessaggioInviato: martedì 16 aprile 2019, 14:51 
Non connesso

Iscritto il: martedì 22 maggio 2007, 0:22
Messaggi: 2334
alexalex ha scritto:
massilaze ha scritto:
ci può stare 1,1 secondo me ma perchè non hai mai preso in cosiderazione 1.3 ?!

con il Quasi permanente che verifiche fannno?! Sicuramente non credo sia corretto quelle di resistenza agli SLU....



Perche' 1,3 ? ... Se mi permette di usare 1,1



Con i quasi permanenti verificano a SLU statico sostenendo che per una struttura esistente vanno bene


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Verifica alle condizioni statiche
MessaggioInviato: mercoledì 17 aprile 2019, 1:51 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 27 settembre 2004, 18:50
Messaggi: 2837
Località: Brescia
Nelle verifiche di vulnerabilità sismica in particolare, e in generale in tutte le verifiche statiche e sismiche di edifici esistenti, non esiste l'obbligo di effettuare le "verifiche statiche secondo le NTC 2018", se non delle parti potenzialmente interessate (per quella verifica statica) da eventuali interventi in progetto, oppure per opere abusive, oppure per esplicita richiesta volontaria del committente.

Questo è quanto viene chiaramente indicato in 8.3 e 8.4.

Qualcuno potrebbe essere tratto in inganno dalla verifica "statica" che si fa applicando i carichi gravitazionali nella combinazione sismica delle azioni. Questa verifica, anche se effettuata con azione sismica bassissima oppure nulla, rimane pur sempre una verifica di tipo sismico, che va relazionata in termini di ZetaE (8.3), non di ZetaV.
Lo ZetaV si fa solo sulle porzioni interessate dagli interventi, e non in generale quando faccio un analisi di vulnerabilità sismica come quella della 3274, o quando faccio un intervento che non interessa staticamente quella porzione.

Le cosiddette verifiche statiche "propedeutiche" alle verifiche sismiche, o sono quelle sopra indicate (e cioè riferite ai carichi gravitazionali presenti nella combinazione sismica), oppure sono in generale quelle riconducibili genericamente alla idoneità statica della costruzione, condizione necessaria per poter procedere con qualsiasi tipo di verifica successiva. Ma questa idoneità statica non deve certo obbligatoriamente essere riferita alle NTC 2018! Proprio perché il susseguirsi di normative nuove metterebbe fuori uso formalmente e ufficialmente tutte le costruzioni esistenti, scuole comprese! E questo è proprio escluso esplicitamente nella circolare al punto C3.

_________________
http://www.sismicainlombardia.it
http://www.tecnolabingegneria.it/miniblog


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Verifica alle condizioni statiche
MessaggioInviato: mercoledì 17 aprile 2019, 12:00 
Non connesso

Iscritto il: martedì 22 maggio 2007, 0:22
Messaggi: 2334
enterprise ha scritto:
Nelle verifiche di vulnerabilità sismica in particolare, e in generale in tutte le verifiche statiche e sismiche di edifici esistenti, non esiste l'obbligo di effettuare le "verifiche statiche secondo le NTC 2018", se non delle parti potenzialmente interessate (per quella verifica statica) da eventuali interventi in progetto, oppure per opere abusive, oppure per esplicita richiesta volontaria del committente.

Questo è quanto viene chiaramente indicato in 8.3 e 8.4.

Qualcuno potrebbe essere tratto in inganno dalla verifica "statica" che si fa applicando i carichi gravitazionali nella combinazione sismica delle azioni. Questa verifica, anche se effettuata con azione sismica bassissima oppure nulla, rimane pur sempre una verifica di tipo sismico, che va relazionata in termini di ZetaE (8.3), non di ZetaV.
Lo ZetaV si fa solo sulle porzioni interessate dagli interventi, e non in generale quando faccio un analisi di vulnerabilità sismica come quella della 3274, o quando faccio un intervento che non interessa staticamente quella porzione.

Le cosiddette verifiche statiche "propedeutiche" alle verifiche sismiche, o sono quelle sopra indicate (e cioè riferite ai carichi gravitazionali presenti nella combinazione sismica), oppure sono in generale quelle riconducibili genericamente alla idoneità statica della costruzione, condizione necessaria per poter procedere con qualsiasi tipo di verifica successiva. Ma questa idoneità statica non deve certo obbligatoriamente essere riferita alle NTC 2018! Proprio perché il susseguirsi di normative nuove metterebbe fuori uso formalmente e ufficialmente tutte le costruzioni esistenti, scuole comprese! E questo è proprio escluso esplicitamente nella circolare al punto C3.



DM08 – Par. 8.3. “Le Verifiche agli SLU possono essere eseguite rispetto alla condizione di salvaguardia della vita umana (SLV) o, in alternativa, alla condizione di collasso (SLC)”


DM18 – Par. 8.3 “ La valutazione della sicurezza e la progettazione degli interventi sulle costruzioni esistenti potranno essere eseguite con riferimento ai soli SLU, salvo che per le costruzioni in classe d’uso IV, per le quali sono richieste anche le verifiche agli SLE specificate al § 7.3.6; in quest’ultimo caso potranno essere adottati livelli prestazionali ridotti. Per la combinazione sismica le verifiche agli SLU possono essere eseguite rispetto alla condizione di salvaguardia della vita umana (SLV) o, in alternativa, alla condizione di collasso (SLC), secondo quanto specificato al § 7.3.6

Nel DM08 non vi era l'obbligo, ma nel DM18 forse si.

Mi sembra strano non verificare staticamente un fabbricato esistente. Pero' sarei ben contento fosse il contrario


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Verifica alle condizioni statiche
MessaggioInviato: mercoledì 17 aprile 2019, 12:38 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 27 settembre 2004, 18:50
Messaggi: 2837
Località: Brescia
Il tema è il seguente: si tratta di capire quando è obbligatoria una "valutazione della sicurezza".

Ad esempio, nei casi indicati direttamente nell'8.3, la "valutazione della sicurezza" è obbligatoria:
– riduzione evidente della capacità resistente e/o deformativa della struttura o di alcune sue parti dovuta a: significativo degrado e decadimento delle caratteristiche meccaniche dei materiali, deformazioni significative conseguenti anche a problemi in fondazione; danneggiamenti prodotti da azioni ambientali (sisma, vento, neve e temperatura), da azioni eccezionali (urti, incendi, esplosioni) o da situazioni di funzionamento ed uso anomali;
– provati gravi errori di progetto o di costruzione;
– cambio della destinazione d’uso della costruzione o di parti di essa, con variazione significativa dei carichi variabili e/o passaggio ad una classe d’uso superiore;
– esecuzione di interventi non dichiaratamente strutturali, qualora essi interagiscano, anche solo in parte, con elementi aventi funzione strutturale e, in modo consistente, ne riducano la capacità e/o ne modifichino la rigidezza;
– ogni qualvolta si eseguano gli interventi strutturali di cui al § 8.4 ;
– opere realizzate in assenza o difformità dal titolo abitativo, ove necessario al momento della costruzione, o in difformità alle norme tecniche per le costruzioni vigenti al momento della costruzione.


In altri casi, la "valutazione della sicurezza", da relazionare ai livelli di sicurezza delle NTC, è obbligatoria soltanto in relazione alla materia sismica:
Ord. 3274 (edifici strategici e rilevanti), a seguito del terremoto di San Giuliano di Puglia.
È fatto obbligo di procedere a verifica, da effettuarsi a cura dei rispettivi proprietari, ai sensi del-le norme di cui ai suddetti allegati, sia degli edifici di interesse strategico e delle opere infrastrutturali la cui funzionalità durante gli eventi sismici assume rilievo fondamentale per le finalità di protezione civile, sia degli edifici e delle opere infrastrutturali che possono assumere rilevanza in relazione alle conseguenze di un eventuale collasso. Le verifiche di cui al presente comma dovranno essere effettua-te entro cinque anni dalla data della presente ordinanza e riguardare in via prioritaria edifici ed opere ubicate nelle zone sismiche 1 e 2, secondo quanto definito nell’allegato 1
Nel caso di opere progettate secondo le norme vigenti successivamente al 1984 e relative,rispettivamente, alla prima categoria per quelle situate in zona 1, alla seconda categoria per quelle in zona 2 ed alla terza categoria per quelle in zona 3, non è prescritta l’esecuzione di una nuova verifica di adeguatezza alla norma.


In altri casi ancora la "valutazione della sicurezza" è volontaria.

Laddove si ricade nell'obbligo di valutazione della sicurezza, in ogni caso, il paragrafo 8.3 prevede che:
Qualora le circostanze di cui ai punti precedenti riguardino porzioni limitate della costruzione, la valutazione della sicurezza potrà essere effettuata anche solo sugli elementi interessati e su quelli con essi interagenti, tenendo presente la loro funzione nel complesso strutturale, posto che le mutate condizioni locali non incidano sostanzialmente sul comportamento globale della struttura.

Se la valutazione della sicurezza è obbligatoria, è da fare di certo con ZetaV>100% (verifica per carichi antropici pienamente soddisfatte) sulle porzioni strutturali per cui è sempre obbligatorio farla. Mentre non è mai obbligatorio (secondo l'8.3) arrivare a ZetaE>100%.

_________________
http://www.sismicainlombardia.it
http://www.tecnolabingegneria.it/miniblog


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Verifica alle condizioni statiche
MessaggioInviato: mercoledì 17 aprile 2019, 15:53 
Non connesso

Iscritto il: martedì 22 maggio 2007, 0:22
Messaggi: 2334
se e' cosi' va bene, evito verifiche molto gravose non richieste


Le verifiche a SLV invece corrispondono alle combinazioni a seguire, giusto?

http://i64.tinypic.com/20icni8.png

In zona a bassa sismicita' la verifica risulta condizionata maggiormente dalla parte "statica" ovvero dai carichi gravitazionali (G1-G2-Q) e quindi occorrerebbe che le strutture costituenti il mio fabbricato, prima della valutazione dello Ze, siano verificate almeno per quei carichi giusto?


scusa ma ho un po di confusione in testa


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 44 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  

Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010