IngForum il forum di Ingegneri.info
Oggi è martedì 12 novembre 2019, 0:25

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 44 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: Verifica alle condizioni statiche
MessaggioInviato: mercoledì 17 aprile 2019, 16:09 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 27 settembre 2004, 18:50
Messaggi: 2838
Località: Brescia
alexalex ha scritto:
se e' cosi' va bene, evito verifiche molto gravose non richieste


Le verifiche a SLV invece corrispondono alle combinazioni a seguire, giusto?

http://i64.tinypic.com/20icni8.png

In zona a bassa sismicita' la verifica risulta condizionata maggiormente dalla parte "statica" ovvero dai carichi gravitazionali (G1-G2-Q) e quindi occorrerebbe che le strutture costituenti il mio fabbricato, prima della valutazione dello Ze, siano verificate almeno per quei carichi giusto?


scusa ma ho un po di confusione in testa

Yess... se non verificano le statiche con G1+G2+Psi2Q, la verifica sismica non parte neanche

_________________
http://www.sismicainlombardia.it
http://www.tecnolabingegneria.it/miniblog


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Verifica alle condizioni statiche
MessaggioInviato: mercoledì 17 aprile 2019, 16:33 
Non connesso

Iscritto il: martedì 16 giugno 2009, 21:51
Messaggi: 1088
perchè in realtà è sotto alla colonna EQU

e poco prima di quella tabella dice:

2.6.1. STATI LIMITE ULTIMI

[omissis]

Per la progettazione di componenti strutturali che non coinvolgano azioni di tipo geotecnico, le verifiche nei confronti degli stati
limite ultimi strutturali (STR) si eseguono adottando i coefficienti ??F riportati nella colonna A1 della Tabella 2.6.I.




poi per quanto riportato da Pasquale si può un scendere.... però credo sia cmq contestabile


L'altro approccio (quasi permanente) invece è contestabilissimo perchè le NTC dicono espressamente che anche per gli edifici esistenti valgono i principi
per le strutture nuove


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Verifica alle condizioni statiche
MessaggioInviato: mercoledì 17 aprile 2019, 16:36 
Non connesso

Iscritto il: martedì 16 giugno 2009, 21:51
Messaggi: 1088
Approfondirò quanto scritto da ENterprice anche se

8.3. VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA
La valutazione della sicurezza di una struttura esistente è un procedimento quantitativo, volto a determinare l’entità delle azioni
che la struttura è in grado di sostenere con il livello di sicurezza minimo richiesto dalla presente normativa. L’incremento del livello
di sicurezza si persegue, essenzialmente, operando sulla concezione strutturale globale con interventi, anche locali.


pertanto secondo me se è richiesta una verifica globale o locale non puoi prescindere dalle combinazioni della nomra


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Verifica alle condizioni statiche
MessaggioInviato: mercoledì 17 aprile 2019, 17:10 
Non connesso

Iscritto il: martedì 22 maggio 2007, 0:22
Messaggi: 2348
enterprise ha scritto:
alexalex ha scritto:
se e' cosi' va bene, evito verifiche molto gravose non richieste


Le verifiche a SLV invece corrispondono alle combinazioni a seguire, giusto?

http://i64.tinypic.com/20icni8.png

In zona a bassa sismicita' la verifica risulta condizionata maggiormente dalla parte "statica" ovvero dai carichi gravitazionali (G1-G2-Q) e quindi occorrerebbe che le strutture costituenti il mio fabbricato, prima della valutazione dello Ze, siano verificate almeno per quei carichi giusto?


scusa ma ho un po di confusione in testa

Yess... se non verificano le statiche con G1+G2+Psi2Q, la verifica sismica non parte neanche



Quindi se devi fare una vulnerabilita' sismica e non sei verificato con G1+G2+Psi2Q come procedi? E' corretto:

1) Progetti gli interventi che verificano le sezioni non verificate con G1+G2+Psi2Q (con fibre di cabonio, placcaggi metallici, ecc..)
2) Nel modello "verificato" calcoli ze che sicuramente sara' <1 perche' a SLV hai un incremento delle sollecitazioni dato dall'azione sismica
3) Valuti gli interventi da farsi per raggiungero lo ze voluto dalla committenza (miglioramento o adeguamento)

e' corretto?


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Verifica alle condizioni statiche
MessaggioInviato: mercoledì 17 aprile 2019, 17:16 
Non connesso

Iscritto il: martedì 16 giugno 2009, 21:51
Messaggi: 1088
ma che verifiche fai con quella combinazione ?! Allo SLU statico ? non ha senso... stai già sfruttando le risorse plastiche dei materiali
per una combinazione quasi permeante.... in questo modo stai già di fatto attestando che la tua struttura ha comprovati difetti...


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Verifica alle condizioni statiche
MessaggioInviato: mercoledì 17 aprile 2019, 17:25 
Non connesso

Iscritto il: martedì 16 giugno 2009, 21:51
Messaggi: 1088
[quote="enterprise"]Nelle verifiche di vulnerabilità sismica in particolare, e in generale in tutte le verifiche statiche e sismiche di edifici esistenti, non esiste l'obbligo di effettuare le "verifiche statiche secondo le NTC 2018", se non delle parti potenzialmente interessate (per quella verifica statica) da eventuali interventi in progetto, oppure per opere abusive, oppure per esplicita richiesta volontaria del committente.

Questo è quanto viene chiaramente indicato in 8.3 e 8.4.

Qualcuno potrebbe essere tratto in inganno dalla verifica "statica" che si fa applicando i carichi gravitazionali nella combinazione sismica delle azioni. Questa verifica, anche se effettuata con azione sismica bassissima oppure nulla, rimane pur sempre una verifica di tipo sismico, che va relazionata in termini di ZetaE (8.3), non di ZetaV.
Lo ZetaV si fa solo sulle porzioni interessate dagli interventi, e non in generale quando faccio un analisi di vulnerabilità sismica come quella della 3274, o quando faccio un intervento che non interessa staticamente quella porzione.

Le cosiddette verifiche statiche "propedeutiche" alle verifiche sismiche, o sono quelle sopra indicate (e cioè riferite ai carichi gravitazionali presenti nella combinazione sismica), oppure sono in generale quelle riconducibili genericamente alla idoneità statica della costruzione, condizione necessaria per poter procedere con qualsiasi tipo di verifica successiva. Ma questa idoneità statica non deve certo obbligatoriamente essere riferita alle NTC 2018! Proprio perché il susseguirsi di normative nuove metterebbe fuori uso formalmente e ufficialmente tutte le costruzioni esistenti, scuole comprese! E questo è proprio escluso esplicitamente nella circolare al punto C3.[/quote]


mi indichi il passaggio della circolare


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Verifica alle condizioni statiche
MessaggioInviato: mercoledì 17 aprile 2019, 17:50 
Non connesso

Iscritto il: martedì 22 maggio 2007, 0:22
Messaggi: 2348
massilaze ha scritto:
ma che verifiche fai con quella combinazione ?! Allo SLU statico ? non ha senso... stai già sfruttando le risorse plastiche dei materiali
per una combinazione quasi permeante.... in questo modo stai già di fatto attestando che la tua struttura ha comprovati difetti...


... lasciando perdere il discorso statico, prima di procedere con la valutazione di ze (o vulnerabilita') occorre che tutte le sezioni siano almeno verificate per la combinazione G1+G2+Psi2Q perche' altrimenti non esistera' alcuna accellerazione (e relativa PGA c) che verifiche le sezioni e quindi sara' impossibile ricavare un valore di ze


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Verifica alle condizioni statiche
MessaggioInviato: mercoledì 17 aprile 2019, 18:29 
Non connesso

Iscritto il: martedì 16 giugno 2009, 21:51
Messaggi: 1088
Dal punto di vista meramente di analisi si... ma dal punto di vista legale facendo quella verifica (con carichi allo SLE) e vedendo che non verifica ( allo SLU )
stai attestando gravi carenze strutturali... il che comporta la valutazione della sicurezza....
se succede qualcosa non credo la posizione del progettista sia assolutamente difendibile perché aveva gli elementi per dire che la struttura non era sicura...

8.2. CRITERI GENERALI

Le disposizioni di carattere generale contenute negli altri capitoli della presente norma costituiscono, ove applicabili, riferimento
anche per le costruzioni esistenti, ad esclusione di quanto indicato nella presente norma in merito a limitazioni di altezza, regole
generali, prescrizioni sulla geometria e sui particolari costruttivi e fatto salvo quanto specificato nel seguito.


8.3 VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA

La valutazione della sicurezza e la progettazione degli interventi sulle costruzioni esistenti potranno essere eseguite con riferimento
ai soli SLU, salvo che per le costruzioni in classe d’uso IV, per le quali sono richieste anche le verifiche agli SLE specificate al § 7.3.6;
in quest’ultimo caso potranno essere adottati livelli prestazionali ridotti.

Per la combinazione sismica le verifiche agli SLU possono essere eseguite rispetto alla condizione di salvaguardia della vita umana
(SLV) o, in alternativa, alla condizione di collasso (SLC), secondo quanto specificato al § 7.3.6


la presenza di questi due periodi uno di seguito all'altro sta a significare che devi verificare tutti gli SLU sia statici che sismici


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Verifica alle condizioni statiche
MessaggioInviato: mercoledì 17 aprile 2019, 18:43 
Non connesso

Iscritto il: martedì 16 giugno 2009, 21:51
Messaggi: 1088
Ancora più chiara la Circolare:

C8.2 CRITERI GENERALI
La conoscenza della costruzione, se da un lato contribuisce ad aumentare l’accuratezza delle verifiche di sicurezza e l’efficacia del
progetto degli interventi, dall’altro dipende, di fatto, dalla possibilità di effettuare indagini approfondite in relazione all’uso ed
alla natura/tipologia della costruzione stessa.
Le NTC, al fine di tener conto dei diversi possibili gradi di approfondimento, utilizzano i concetti di livello di conoscenza
(relativo a geometria, organizzazione strutturale, dettagli costruttivi e materiali) e di fattore di confidenza (che modifica i
parametri di capacità in ragione del livello di conoscenza).
È necessario che il progettista espliciti, nei documenti progettuali, le caratteristiche geometriche e strutturali della costruzione e il
grado di approfondimento raggiunto dalle indagini.
In generale, la valutazione della sicurezza consiste nell’identificazione delle criticità nei confronti delle azioni considerate, sia non
sismiche, come pesi propri, sovraccarichi e azioni climatiche, sia sismiche1
.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
 Oggetto del messaggio: Re: Verifica alle condizioni statiche
MessaggioInviato: mercoledì 17 aprile 2019, 19:19 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 27 settembre 2004, 18:50
Messaggi: 2838
Località: Brescia
massilaze ha scritto:
Approfondirò quanto scritto da ENterprice anche se

8.3. VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA
La valutazione della sicurezza di una struttura esistente è un procedimento quantitativo, volto a determinare l’entità delle azioni
che la struttura è in grado di sostenere con il livello di sicurezza minimo richiesto dalla presente normativa. L’incremento del livello
di sicurezza si persegue, essenzialmente, operando sulla concezione strutturale globale con interventi, anche locali.


pertanto secondo me se è richiesta una verifica globale o locale non puoi prescindere dalle combinazioni della nomra

Dici proprio bene, massilaze, SE E' RICHIESTA UNA VERIFICA. E' questo il punto.
In nessun passaggio le NTC chiedono di effettuare obbligatoriamente la verifica statica ai livelli di sicurezza delle NTC, se non nei casi indicati che ho già riportato. Ed anzi, esclude tale necessità, come ti ho detto, e ti riporto il passaggio del C8.3:

"Tra i casi per i quali è obbligatorio procedere alla verifica della costruzione è escluso il caso conseguente ad una eventuale variazione dell’entità delle azioni a seguito di una revisione o della normativa o delle zonazioni che differenziano le azioni ambientali (sisma, neve, vento) nelle diverse parti del territorio italiano"

In particolare, oltre ai casi di degrado, lesioni, funzionamento anomalo, errori progettuali, cambi d'uso, opere abusive, le verifiche statiche potrebbero essere richieste solo nel caso di porzioni strutturali potenzialmente interessate da interventi...

_________________
http://www.sismicainlombardia.it
http://www.tecnolabingegneria.it/miniblog


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 44 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  

Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010