IngForum il forum di Ingegneri.info
Oggi è venerdì 20 settembre 2019, 13:52

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 10 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: APE e libretto di impianto - Ancora
MessaggioInviato: venerdì 19 luglio 2019, 12:02 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 22 gennaio 2009, 21:33
Messaggi: 192
Devo redigere un APE per una singola u.i.u. da compravendere con installati una caldaia e 3 pompe di calore monosplit.
Vi è un libretto di impianto che:
a) riporta come responsabile di impianto il defunto vecchio proprietario;
b) come generatore di calore la sola caldaia senza i 3 split;
c) mancano le schede relative ai sistemi di regolazione, distribuzione ed emissione.
E' presente un rapporto di controllo di efficienza energetica rilasciato in occasione della sostituzione della precedente caldaia nel 2016 il quale dovrebbe ancora essere valido ex All.A DPR 74/2013.
Mi chiedo (e vi chiedo 8)) se posso emettere l'APE ? (una vecchia (2015) FAQ (nr.2.7) del MISE mi dice di no "Emettere un APE senza allegare il libretto di impianto comprensivo dei relativi allegati, tra cui anche un valido rapporto di controllo di efficienza energetica, significa dichiarare che l’impianto è stato ed è esercito dal responsabile in violazione di quanto previsto dal D.lgs.192/05 e dal DPR 74/2013 per cui è applicabile la sanzione amministrativa prevista dall’art. 15 dello stesso D.lgs. 192/05 e s.m.i. " come pure una indicazione netta più recente riportata sul sito http://sid.sviluppocampania.it/WebAccesso/Login.aspx "Si avvisa che non è possibile emettere certificato APE in mancanza del libretto di impianto (dotato degli allegati richiesti compreso un valido rapporto di controllo di efficienza energetica) "
O comunico al proprietario attuale, figlio del defunto, quale nuovo responsabile dell'impianto, di aggiornare il libretto ?
Cosa ne pensate ?


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: venerdì 19 luglio 2019, 23:28 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 9 luglio 2003, 11:52
Messaggi: 38031
alla data del sopralluogo la caldaia e gli altri apparecchi erano attivi ?
(intendo utilizzati e utilizzabili ?)

_________________
"l'ingegnere sa quello che fa, e fa quello che sa" (Michele Pagano)


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: sabato 20 luglio 2019, 8:04 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 22 gennaio 2009, 21:33
Messaggi: 192
pasquale ha scritto:
alla data del sopralluogo la caldaia e gli altri apparecchi erano attivi ?
(intendo utilizzati e utilizzabili ?)

Si.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: sabato 20 luglio 2019, 16:07 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 9 luglio 2003, 11:52
Messaggi: 38031
allora conviene prima fare aggiornare il libretto (non è tanto importante il nome del titolare, tanto c'è l'erede, quanto l'adempimento, oneroso, del controllo periodico) e poi fai l'APE

P.S. purtroppo si aumentano gli adempimenti a carico delle persone, molti del tutto inutili, che sembrano solo fatti per fare cassa, e invece si continua, da decenni, a proclamare che si sta "semplificando" ; evidentemente non si conosce il significato della parola "semplice" e di conseguenza di quelle derivate;
pardon per questo mio sfogo off-topic

_________________
"l'ingegnere sa quello che fa, e fa quello che sa" (Michele Pagano)


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: lunedì 22 luglio 2019, 9:24 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 24 ottobre 2007, 14:39
Messaggi: 19221
Località: Ferrara
Non so, io ste cose qui non le ho mai prese in considerazione ai fini APE: il fatto che il libretto non ci sia, o non sia in regola con i controlli, che dovrebbe azzeccarci con l'APE? Se il proprietario è fuori legge saranno fatti suoi, l'APE non è un documento di controllo, ma una fotografia dello stato di fatto dal punto di vista energetico. Se sull'APE c'è scritto che il libretto è scaduto, saranno affari del proprietario provvedere a metterlo a posto se vuole evitare sanzioni. Per quale motivo io certificatore "non posso emettere APE"? Dove sta scritto? Su una Faq? :roll:

_________________
L'evoluzione c'entra. Sempre.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: lunedì 22 luglio 2019, 10:46 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 15 ottobre 2009, 16:30
Messaggi: 184
boba74 ha scritto:
Non so, io ste cose qui non le ho mai prese in considerazione ai fini APE: il fatto che il libretto non ci sia, o non sia in regola con i controlli, che dovrebbe azzeccarci con l'APE? Se il proprietario è fuori legge saranno fatti suoi, l'APE non è un documento di controllo, ma una fotografia dello stato di fatto dal punto di vista energetico. Se sull'APE c'è scritto che il libretto è scaduto, saranno affari del proprietario provvedere a metterlo a posto se vuole evitare sanzioni. Per quale motivo io certificatore "non posso emettere APE"? Dove sta scritto? Su una Faq? :roll:


In Toscana adesso abbiamo un portale (SIERT) nella quale va indicato obbligatoriamente il Codice Catasto Impianti.
Senza questo non ha validità APE, per il resto, io almeno, non allego più il libretto (visto che c'è corrispondenza diretta col codice sopra e i controlli annuali)

Sono d'accordo con boba, lo stato di fatto è questo, se poi non viene fatta manutenzione o altro poco ci si può fare come tecnici.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: lunedì 22 luglio 2019, 17:10 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 22 marzo 2010, 15:08
Messaggi: 330
boba74 ha scritto:
Per quale motivo io certificatore "non posso emettere APE"? Dove sta scritto? Su una Faq? :roll:



In realtà sta scritto su un faq, la 2.7 dell'agosto 2016

"Emettere un APE senza allegare il libretto di impianto comprensivo
dei relativi allegati, tra cui anche un valido rapporto di controllo di
efficienza energetica, significa dichiarare che l’impianto è stato ed è
esercito dal responsabile in violazione di quanto previsto dal
D.lgs.192/05 e dal DPR 74/2013 per cui è applicabile la sanzione
amministrativa prevista dall’art. 15 dello stesso D.lgs. 192/05 e s.m.i.
Nell’APE, tra l’altro, nei casi in cui è istituito il catasto regionale degli
impianti termici, va indicato, nella quarta pagina, il codice del catasto
regionale dell’impianto termico che implica la regolare registrazione
e dotazione del libretto di impianto e dei relativi allegati.
All’atto dell’emissione dell’APE, se necessario, occorre quindi far
redigere il libretto di impianto e dotarlo degli allegati richiesti
compreso un valido rapporto di controllo di efficienza energetica. Solo
nel caso che l’impianto sia distaccato dalla rete del gas o dichiarato
dismesso o disattivato (al catasto degli impianti termici se operante)
può mancare il rapporto di controllo di efficienza energetica in corso
di validità.
La decadenza dell’APE in caso di non rispetto della periodicità dei
controlli di efficienza energetica si riferisce, quindi, ad un evento
successivo alla data di emissione.
In aggiunta a quanto sopra indicato si precisa che in assenza di
impianti per la climatizzazione invernale e produzione di acqua calda
sanitaria, dovendo redigere l’APE e non essendo previsti libretti di
impianto, la validità massima dell’APE è di dieci anni."


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: martedì 23 luglio 2019, 9:19 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 24 ottobre 2007, 14:39
Messaggi: 19221
Località: Ferrara
Anche in Emilia Romagna sta entrando in vigore il sistema Criter, dove gli impianti sono accatastati e nell'emissione dell'APE ci si dovrà scrivere il codice criter, che per il momento è facoltativo (se non viene inserito l'APE viene emesso ugualmente). Anche in Veneto non è possibile emettere un APE se non si inserisce il codice impianto, o viceversa si dovrà emettere APE come se l'edificio fosse privo di impianto.
Ma questi sono tutti provvedimenti regionali, quindi stabiliti da una procedura normata, a cui ovviamente dobbiamo attenerci.
Ma fino a prova contraria, se nulla vieta di emettere APE in assenza di libretto, non è certo una faq a poterlo impedire.
Poi, anche nella FAQ che hai citato non c'è scritto che "non si può", ma che è applicabile la sanzione (non al certificatore, ma a chi ha l'impianto non a norma), ma questo vale ugualmente a prescindere dall'APE, inoltre dice che laddove sia istituito il catasto impianti va indicato il codice, ma laddove non c'è non si dice nulla.
Quindi questo "dilemma" se fare o meno l'APE in caso di mancanza di libretto secondo me non si pone: se c'è un catasto impianti funzionante è materialmente impossibile farlo, se non c'è non sono certo io certificatore a dover "costringere" il proprietario a mettersi in regola, ognuno si assume le proprie responsabilità.

_________________
L'evoluzione c'entra. Sempre.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: martedì 23 luglio 2019, 10:01 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 22 gennaio 2009, 21:33
Messaggi: 192
boba74 ha scritto:
Non so, …….. :roll:

Ciao boba74, grazie per il supporto.
Conosco bene il tuo pensiero in merito a validità APE e libretto di impianto che hai più volte esternato in diversi post.
A parte la Faq del Ministero meglio riportata da mirco m. che, concordo con te, non ha rango normativo ma da solo una "indicazione" sulle possibili conseguenze per il proprietario in relazione alle sanzioni ex lege (queste si) cui si va incontro in mancanza di libretto di impianto (peraltro irrogabili anche senza emissioni di APE !), qui vi è un avviso (quello riportato su http://sid.sviluppocampania.it/WebAccesso/Login.aspx), chiaro ed univoco che, nonostante non sia esplicitata la norma cui si ispira, nega, in maniera quasi perentoria, la possibiità di emettere l'APE.
E questo crea disorientamento e dubbi.
Appare che si "spinga" sui certificatori per costringere i proprietari-committenti ad accollarsi obblighi/oneri che la legge, invece, gli impone.
Cioè, si pretende dai professionisti quello che la Pubblica Amministrazione (enti, istituti, enti locali, ecc.) non riesce a fare ossia ad esercitare quel potere (ad es. controlli sulla presenza dei libretti di impianto e sul loro contenuto) che la legge attribuisce loro a tutela dell'interesse pubblico e per il quale sono stati istituiti.
In definitiva, io vorrei procedere cosi.
Emettere APE considerando le 3 PdC solo per la climatizzazione estiva poiché il riscaldamento con una caldaia a condensazione. Nelle note aggiuntive riportare che "il libretto deve essere aggiornato e che la validità decennale del documento e subordinata al rispetto delle indicazioni art.4 DMise del 26.6.2015".
Cosa ne pensate.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: martedì 23 luglio 2019, 17:54 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 15 ottobre 2009, 16:30
Messaggi: 184
Aggiungo un quesito:
Se la caldaia non passa la prova fumi e quindi non è dotata di libretto conforme/rapporto di controllo, con dichiarazione del proprietario circa la non funzionalità-operatività dell'impianto, si può fare APE considerandolo senza impianto di riscaldamento?


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 10 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot], pelli e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  

Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010