IngForum il forum di Ingegneri.info
[phpBB Debug] PHP Warning: in file /home/prod.ingegneri.info/public_html/wp-content/themes/teknoring/tk-posts/taxonomy.php on line 210: array_keys() expects parameter 1 to be array, null given
Visita le sezioni:

Oggi è lunedì 10 dicembre 2018, 19:38

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 71 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 3, 4, 5, 6, 7, 8  Prossimo
Autore Messaggio
MessaggioInviato: martedì 7 agosto 2018, 9:48 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 6 ottobre 2008, 13:17
Messaggi: 1171
Alex_Drake ha scritto:
NORMATIVO ha scritto:
Per quanto riguarda il taglio Vc del pilastro le NTC parlano chiaro: "Vc è la forza di taglio nel pilastro al di sopra del nodo derivante dall'analisi in condizioni sismiche". Sebbene in letteratura Vc è definito sulla base dei momenti plastici delle travi e delle lunghezze dei pilastri, non penso sia opportuno assumere questa ipotesi di calcolo, sempre per il discorso della cogenza della norma.


Vero, ma la frase si apre con "In assenza di più accurate valutazioni...", quindi assumere Vc=taglio della combinazione è solo una semplificazione se non faccio le più accurate valutazioni

Simile espressione viene riportata anche prima dei meccanismi resistenti: "In assenza di modelli più accurati...".


Ok. Ma secondo te è più accurata una formulazione di Vc basata su di un semplice articolo in letteratura (come quello da te postato prima)? O ci vorrebbe qualcosa di più solido come ad es. una normativa di comprovata validità come espressamente richiesto dal Capitolo 12 delle NTC 2018?


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: martedì 7 agosto 2018, 9:56 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 10 settembre 2009, 20:37
Messaggi: 643
NORMATIVO ha scritto:
Alex_Drake ha scritto:
NORMATIVO ha scritto:
Per quanto riguarda il taglio Vc del pilastro le NTC parlano chiaro: "Vc è la forza di taglio nel pilastro al di sopra del nodo derivante dall'analisi in condizioni sismiche". Sebbene in letteratura Vc è definito sulla base dei momenti plastici delle travi e delle lunghezze dei pilastri, non penso sia opportuno assumere questa ipotesi di calcolo, sempre per il discorso della cogenza della norma.


Vero, ma la frase si apre con "In assenza di più accurate valutazioni...", quindi assumere Vc=taglio della combinazione è solo una semplificazione se non faccio le più accurate valutazioni

Simile espressione viene riportata anche prima dei meccanismi resistenti: "In assenza di modelli più accurati...".


Ok. Ma secondo te è più accurata una formulazione di Vc basata su di un semplice articolo in letteratura (come quello da te postato prima)? O ci vorrebbe qualcosa di più solido come ad es. una normativa di comprovata validità come espressamente richiesto dal Capitolo 12 delle NTC 2018?


Intanto preciso: voglio solo scavare nel significato, non ho nessuna verità in tasca o soluzione magica

-Esiste il meccanismo all'origine e Priestley lo spiega sicuramente meglio di me
-Esiste la normativa neozelandese NZS3101 che l'ha recepita anni fa in quella forma

Penso che le norma Neozelandesi rientrino a pieno titolo nel cap.12

_________________
ing. Alessandro Dragone
https://it.linkedin.com/in/alessandrodragone
http://ingegneristicamente.blogfree.net/


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: martedì 7 agosto 2018, 10:44 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 6 ottobre 2008, 13:17
Messaggi: 1171
@ Alex_Drake

Scavare per scavare tanto vale citare un'altra formulazione di Fardis (ma sono tutte di comprovata affidabilità?):

Immagine

La verità è che ad oggi la verifica dei nodi a tutt'oggi non ha trovato un universale razionale modello di calcolo.


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: martedì 7 agosto 2018, 11:23 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 10 settembre 2009, 20:37
Messaggi: 643
NORMATIVO ha scritto:
@ Alex_Drake

Scavare per scavare tanto vale citare un'altra formulazione di Fardis (ma sono tutte di comprovata affidabilità?):

Immagine

La verità è che ad oggi la verifica dei nodi a tutt'oggi non ha trovato un universale razionale modello di calcolo.


Quella formulazione è esattamente la (4.48) del Priestley da me citata.

_________________
ing. Alessandro Dragone
https://it.linkedin.com/in/alessandrodragone
http://ingegneristicamente.blogfree.net/


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: domenica 12 agosto 2018, 15:22 
Non connesso

Iscritto il: martedì 3 giugno 2008, 19:38
Messaggi: 315
Immagine
quanti bracci hanno le staffe nel nodo?


può tornare interessante questo video
https://www.youtube.com/watch?v=MKF7MmHvnU0


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: lunedì 13 agosto 2018, 9:05 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 10 settembre 2009, 20:37
Messaggi: 643
delaude ha scritto:
Immagine
quanti bracci hanno le staffe nel nodo?


Più che di numero di braccia parlerei di area efficace nella direzione di interesse, ossia di area proiettata.

_________________
ing. Alessandro Dragone
https://it.linkedin.com/in/alessandrodragone
http://ingegneristicamente.blogfree.net/


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: lunedì 13 agosto 2018, 11:10 
Non connesso

Iscritto il: lunedì 6 ottobre 2008, 13:17
Messaggi: 1171
delaude ha scritto:
Immagine
quanti bracci hanno le staffe nel nodo?



Una mia interpretazione della proiezione delle aree trasversali a taglio:

Immagine


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: lunedì 13 agosto 2018, 11:17 
Non connesso

Iscritto il: martedì 3 giugno 2008, 19:38
Messaggi: 315
per un pilastro quadrato l'area efficace in entrambe le direzioni dovrebbe essere 1.414 area di un ferro
quindi la disposizione delle staffe in figura è la più economica in caso di staffe chiuse, ma non lo è nel caso si utilizzino spilli.......?


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: martedì 4 dicembre 2018, 13:00 
Non connesso

Iscritto il: giovedì 12 luglio 2007, 7:48
Messaggi: 308
buongiorno a tutti

stavo ragionando con alcuni colleghi sulla difficoltà (spesso impossibilità) di far tornare le verifiche di resistenza sui nodi (interni), anche per edifici molto semplici e con travi non troppo armate.

A distanza di qualche mese dall'entrata in vigore delle nuove norme mi chiedevo se (e, nel caso, come) il problema fosse stato superato, perché stando alla lettera della norma (non bozza circolare) davvero io, come altri colleghi, non ne riesco a venire a capo (a meno di non raccontare che si mettono staffe di diametri importanti a n bracci e a passi ridicoli, sostanzialmente inapplicabile dal vero).

Il dubbio mi viene anche perché non è che si trovino contributi aggiornati sull'argomento da parecchio tempo (a parte un articolo di novembre su Ingenio che però arrivava circa alle stesse conclusioni) e sul forum vedo che il topic relativo alla questione è inattivo da un pezzo, per cui magari mi sono perso qualcosa e il problema è superato...

grazie mille a chi mi dirà come affronta la cosa, almeno per capire se siamo rimasti solo io e i miei "amichetti" ad affogare in questo "pantano normativo".


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
MessaggioInviato: martedì 4 dicembre 2018, 14:50 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 9 luglio 2008, 7:34
Messaggi: 489
giannyz ha scritto:
buongiorno a tutti

stavo ragionando con alcuni colleghi sulla difficoltà (spesso impossibilità) di far tornare le verifiche di resistenza sui nodi (interni), anche per edifici molto semplici e con travi non troppo armate.

A distanza di qualche mese dall'entrata in vigore delle nuove norme mi chiedevo se (e, nel caso, come) il problema fosse stato superato, perché stando alla lettera della norma (non bozza circolare) davvero io, come altri colleghi, non ne riesco a venire a capo (a meno di non raccontare che si mettono staffe di diametri importanti a n bracci e a passi ridicoli, sostanzialmente inapplicabile dal vero).

Il dubbio mi viene anche perché non è che si trovino contributi aggiornati sull'argomento da parecchio tempo (a parte un articolo di novembre su Ingenio che però arrivava circa alle stesse conclusioni) e sul forum vedo che il topic relativo alla questione è inattivo da un pezzo, per cui magari mi sono perso qualcosa e il problema è superato...

grazie mille a chi mi dirà come affronta la cosa, almeno per capire se siamo rimasti solo io e i miei "amichetti" ad affogare in questo "pantano normativo".


Secondo me alla fine, per la casette a due piani, tutti vanno avanti come si è sempre fatto con le NTC 2008


Top
 Profilo  
Rispondi citando  
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 71 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 3, 4, 5, 6, 7, 8  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  




Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010