Siti del circuito Teknoring


La Community degli Ingegneri Italiani · Supplemento di Tecnici.it - Quotidiano di informazione scientifica e tecnica - ISSN 2284-0109 - Anno 7 n° 331 del 22/09/2014
Cerca
  • feed
  • Commenti 773
  • tweeter2.338
  • facebook 47.863
  • 166.993 utenti registrati
  homepage/ / / Il rifugio 'low carbon' sul Monte Bianco

Il rifugio 'low carbon' sul Monte Bianco

Apre al pubblico il 30 agosto lo spettacolare Gouter, costato 6,5 milioni di euro e che fa sfoggio delle piu' avanzate tecnologie di edilizia ad impatto zero

Di
Pubblicato sul Canale ambiente il 01 agosto 2012

Aprirà al pubblico il 30 agosto, per essere inaugurato pochi giorni dopo (7 e 8 settembre), lo spettacolare Rifugio del Goûter, posizionato a ben 3.835 metri d'altezza sul versante francese del Monte Bianco. Pur non essendo il più alto rifugio d'Europa (la Capanna Margherita Monte Rosa arriva a 4.554 m), il Goûter è sicuramente una struttura leader per parametri e tecnologie impiegate, da un lato volte a garantire il massimo confort in una posizione così d'eccezione, dall'altro a minimizzare l'impatto ambientale e paesaggistico a un'altezza simile.

La struttura interna del rifugio “low carbon”, realizzata in legno di provenienza locale, è ricoperta di un involucro esterno composto di pannelli inox resistenti a venti medi di 240 km/h e alle forti escursioni termiche. Per alimentare il rifugio si ricorrerà a un mix intelligente di fonti rinnovabili: impianti solari e termici assicureranno il 20% dell'elettricità necessaria e un impianto a biomassa garantirà l'80% del riscaldamento. L'acqua, inoltre, verrà riscaldata raccogliendo la neve sciolta e scivolata sulle pareti, e in generale un sistema combinato garantisce il recupero al 100% delle acque reflue. In termini di progettazione, inoltre, il rifugio impiega le più recenti tecniche per la costruzione di case passive: pannelli isolanti di fibra di legno riciclato, tripli vetri,ventilazione comfort per recuperare oltre il 75% di energia termica dall'aria espulsa.

Se il vecchio rifugio, in funzione dal 1962 e posizionato a 200 m di distanza, consumava una tonnellata di carbone l'anno, il nuovo Goûter sarà energeticamente autosufficiente, fatta eccezione per le bombole a gas, necessarie per la cottura degli alimenti.

Costo dell'operazione: 6,5 milioni di euro, finanziati dallo Stato francese, dai fondi dell'Unione Europea, dalla regione Rhone-Alpes e dal comune di Saint Gervais. Autore del progetto l'architetto di Ginevra Hervé Dessimoz, per lo studio Groupe-H.

Per un soggiorno al rifugio, che permetterà agli alpinisti di lasciare a casa sacchi a pelo e attrezzatura da bivacco, sarà possibile prenotare uno dei 100 letti disponibili solo tramite il sito internet dedicato.

V.R.




Photo Gallery



Articoli consigliati

  • Software più scaricati
  • Strutture

    Calcolo solaio in ferro - NTC 2008

    Il foglio di calcolo effettua la verifica secondo le N.T.C. 2008 di solai con struttura portante costituita da travi in... Scaricato 10423 volte
  • Strutture

    Legno EC5

    Foglio di calcolo in excel per l'analisi statica e sismica delle strutture lignee secondo la normativa Europea EC5 e la... Scaricato 10536 volte

Google+
News In Evidenza