Audit di Sge: l'importanza della comunicazione e della formazione del personale | Ingegneri.info

Audit di Sge: l’importanza della comunicazione e della formazione del personale

La ISO 50001 richiede - oltre alla competenza - una pianificata e dettagliata azione di comunicazione e formazione del personale dei dipendenti

wpid-26969_auditsge.jpg
image_pdf

Lo standard ISO 50001, come le altre normative sui sistemi di gestione, richiede che il personale in grado di provocare con le proprie attività di lavoro degli effetti significativi sulle prestazioni energetiche dell’impresa debba essere competente in modo tale da garantire una corretta applicazione del Sistema di Gestione dell’Energia e delle prassi da questo previste. Il concetto di competenza deve essere declinato dall’impresa in termini di istruzione, formazione e/o esperienza; queste tre diverse declinazioni del concetto di competenza devono essere fornite dall’impresa al proprio personale, qualora questo non ne sia in possesso, attraverso appositi programmi di formazione e addestramento.
Accanto alla competenza, l’impresa deve provvedere a una sensibilizzazione, non solo del personale che ha ruoli diretti e specifici in materia di energia, ma di tutti i dipendenti. Le modalità mediante le quali condurre il processo di sensibilizzazione possono essere diverse: campagne di informazione, volantini, schermi informativi, articoli nella sezione newsletter della rete Intranet. Accanto a queste, la formazione può essere indirizzata a specifici aspetti tecnici, come ad esempio per l’utilizzo di una nuova tecnologia. Allo stesso tempo può anche includere azioni di formazione non connesse al settore dell’energia in maniera indiretta, come l’acquisizione di competenze professionali dell’Energy Manager in materia di comunicazione o Project Management.
L’impatto (reale o potenziale) che le abitudini e le attività operative possono avere sugli usi e consumi energetici devono essere noti a chiunque operi all’interno dell’impresa, così come a coloro i quali operano indirettamente per essa. In questo modo ognuno può essere consapevole di come i propri comportamenti contribuiscano al raggiungimento (o al mancato raggiungimento) di obiettivi e traguardi energetici, e di come scostamenti da quanto previsto nelle procedure correntemente utilizzate potrebbero generare conseguenze sulla prestazione energetica complessiva della impresa.
Le attività di formazione e addestramento erogate per garantire l’adeguata competenza al personale devono essere registrate e conservate per poter tracciare in ogni momento la storia di tali attività, così come per poter valutare nel tempo il fatto che le azioni svolte abbiano raggiunto i risultati desiderati (efficacia della formazione).
L’individuazione dei ruoli e dell’impatto che questi possono avere in termini di influenza sui consumi energetici può essere condotta avvalendosi di una TRA (Tasks, Responsabilities and Authorisation) matrix, vale a dire una matrice che racchiude compiti e responsabilità di tutti colori i quali, col loro operato, impattano sui consumi. Ciò consente non solo di mostrare le singole responsabilità, ma anche di creare motivazione e sostegno tra gli operatori che, poiché inclusi nella matrice, si sentono direttamente coinvolti.
Un altro aspetto che in qualche modo risulta correlato al tema della formazione e informazione è quello relativo alla comunicazione in merito alla prestazione energetica dell’impresa e al Sistema di Gestione dell’Energia.
Nello standard la forma di comunicazione primaria alla quale si fa riferimento è quella interna, a carattere obbligatorio e rivolta ai dipendenti al fine di aumentare il loro grado di sensibilità e coinvolgimento sulle tematiche energetiche. Una efficace comunicazione interna contribuisce in maniera indispensabile all’attuazione di un EnMS di successo, e lo scopo che questa persegue è duplice.
• In primo luogo, essa punta a comunicare regolarmente ai dipendenti gli aspetti più importanti dell’EnMS, integrando i risultati delle misurazioni, gli indicatori energetici e altri elementi inerenti la gestione energetica emersi durante i controlli interni. Tale comunicazione si dirama a tutti i livelli dell’impresa, assicurandone una diffusione fino al Top Management. 
• In secondo luogo, informare costantemente i dipendenti consente di aumentare la loro motivazione a una partecipazione attiva. Ciò vuol dire dare vita a una vera e propria cultura d’impresa che sprona i lavoratori a contribuire attivamente mediante suggerimenti volti al miglioramento.
Una seconda forma di comunicazione è quella verso l’esterno: essa risulta invece a carattere volontario, in quanto si rivolge al mondo esterno con l’intento di comunicare un’immagine positiva dell’azienda. In questo modo essa potrà valorizzare in vario modo il fatto di essere consapevole dell’importanza della tematica energetica e rispettosa dell’ambiente. Qualora si decida di attuarla, al fine di rendere la comunicazione efficace e mirata, può essere utile individuare una figura responsabile in grado di selezionare le giuste informazioni da diramare e capace di scegliere un efficace supporto informativo.

LEGGI ANCHE: ISO 50001: strumenti gestionali per il miglioramento delle prestazioni energetiche del costruito

Audit di Sge: requisiti legali e analisi energetica

Audit di Sge: pianificazione energetica, obiettivi e traguardi

Audit di Sistemi di gestione dell’energia: requisiti del Sistema e politica energetica

I piani operativi dell’Energy Manager secondo la Iso 50001

Professione Energy Manager: chi è e cosa fa

La ISO 50001 come modello di diagnosi energetica

L’autore


Giancarlo Paganin

Ingegnere, professore associato di tecnologia dell’architettura presso il Dipartimento ABC “Architecture, Built environment and Construction engineering” del Politecnico di Milano, dove svolge attività di didattica e ricerca occupandosi dei temi relativi a: qualità del progetto; qualità e innovazione del prodotto e del processo edilizio; sicurezza nell’uso degli ambienti costruiti e sicurezza dei lavoratori; gestione e manutenzione dei patrimoni immobiliari; efficienza energetica in edilizia. Dal 2003 è chairman del Gruppo di Lavoro del CEN “Comitato Europeo di Normazione” TC 319/WG7 “maintenance of buildings”. Dal 1994 svolge attività nell’ambito dei sistemi di gestione e di ispezione su progetti e cantieri.

L’autore


Fabiana Olivieri

Ingegnere, laureata con lode in “Gestione del costruito” presso il Politecnico di Milano. Si è precedentemente occupata di sistemi di gestione dell’energia, di gestione della sostenibilità degli eventi, di implementazione di un sistema di gestione integrato nell’ambito di una organizzazione internazionale operante nella gestione di patrimoni immobiliari. Attualmente è impiegata nel settore Real Estate in ambito di consulenza strategica e di fattibilità d’investimento, valutazione economico/finanziaria di progetto nonché di analisi di highest and best use in ottica di valorizzazione di asset e portafogli immobiliari.

Riferimenti Editoriali


ISO 50001 – Strumenti gestionali per il miglioramento delle prestazioni energetiche del costruito

Il testo si colloca nell’ambito degli studi su un tema di grande attualità quale quello del miglioramento delle prestazioni energetiche degli edifici esistenti; la chiave di lettura è quella di un approccio che persegua il miglioramento dell’efficienza a partire da una visione sistemica della gestione energetica del patrimonio costruito. La visione proposta è quella descritta dai sistemi di gestione dell’energia che sono stati, negli ultimi anni, oggetto di grande interesse e attenzione da parte di organizzazioni che hanno voluto perseguire riduzioni significative dei propri consumi energetici e delle corrispondenti emissioni in atmosfera; tale attenzione ha portato recentemente allo sviluppo di uno standard internazionale – la norma ISO 50001 – che fissa i requisiti e descrive le caratteristiche principali dei sistemi di gestione dell’energia.

Il libro si articola in due sezioni: una introduttiva propone alcune chiavi di lettura del quadro di riferimento attualmente delineato per i processi di miglioramento delle prestazioni energetiche di processi e edifici; una di approfondimento che propone uno strumento metodologico e operativo, utilizzabile da organizzazioni di diversa natura, dal manifatturiero alla gestione dei patrimoni immobiliari, per valutare il proprio posizionamento rispetto alla conformità con i requisiti della norma UNI EN ISO 50001:2001 assunta come riferimento rappresentativo dei diversi modelli di sistemi di gestione dell’energia.

Autore:   •   Editore: Wolters Kluwer Italia   •   Anno:

Vai all’approfondimento tematico

Copyright © - Riproduzione riservata
Audit di Sge: l’importanza della comunicazione e della formazione del personale Ingegneri.info