Autorizzazione Unica Ambientale (AUA): cosa contiene e come viene rilasciata? | Ingegneri.info

Autorizzazione Unica Ambientale (AUA): cosa contiene e come viene rilasciata?

Contenuti, durata, normativa, procedura e regolamenti per l’Aua, Autorizzazione unica ambientale, per le micro, piccole e medie imprese e gli impianti non soggetti ad Aia

image_pdf

Che relazioni ci sono tra l’Autorizzazione integrata ambientale (AIA), la valutazione d’impatto ambientale (VIA) e l’autorizzazione unica ambientale (AUA)? Qual è il corretto procedimento per il rilascio dell’AUA? L’ingegnere chimico Cristina Zanette affronta il tema, con l’ausilio di tabelle riepilogative, attraverso un punto di vista aggiornato e specifico di un’esperta in materia di sistemi di gestione ambientale nel volume “Ambiente – Manuale normo-tecnico 2018”.
Il contenuto di seguito è tratto e rielaborato dal manuale, curato da Erica Blasizza e già disponibile per l’acquisto su Shop.Wki.it. Clicca il box di seguito per avere un dettaglio sui contenuti.

Il regolamento che disciplina l’AUA è il D.P.R. 13 marzo 2013, n. 59, entrato in vigore il 13 giugno 2013, che determina le condizioni e le modalità di rilascio dell’Autorizzazione Unica Ambientale come forma di semplificazione degli adempimenti amministrativi in materia ambientale, in particolare nei settori delle emissioni in atmosfera, degli scarichi di acque reflue, della gestione dei rifiuti e dell’inquinamento acustico.
Il provvedimento individua nel SUAP (sportello unico per le attività produttive) il referente delle imprese per lo svolgimento del procedimento di AUA.
Come indicato all’art. 1 del D.P.R. n. 59/2013 la disciplina di AUA si applica:
• alle PMI (micro, piccole e medie imprese);
• agli impianti non soggetti alle disposizioni in materia di autorizzazione integrata ambientale (AIA);
mentre non si applica ai progetti sottoposti alla Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) laddove la normativa statale e regionale disponga che il provvedimento finale di VIA comprende e sostituisce tutti gli altri atti di assenso, comunque denominati, in materia ambientale (ai sensi dell’art. 26, comma 4, del D.Lgs. n. 152/2006).
Quindi, con riferimento alle attività soggette a VIA, l’AUA può essere richiesta se l’atto finale di valutazione non include gli altri atti di assenso in materia ambientale necessari per la realizzazione e l’esercizio dell’opera o dell’impianto.
Inoltre nei casi in cui si proceda alla verifica di assoggettabilità, l’AUA può essere richiesta solo dopo che l’autorità competente abbia valutato di non sottoporre i relativi progetti a VIA (come definito nell’art. 3, comma 4, D.P.R. n. 59/2013).

Contenuti e durata dell’AUA

L’Autorizzazione Unica Ambientale contiene tutti gli elementi previsti dalle normative di settore per le autorizzazioni e gli altri atti che sostituisce e definisce le modalità per lo svolgimento delle attività di autocontrollo, ove previste, individuate dall’autorità competente tenendo conto della dimensione dell’impresa e del settore di attività.
L’Autorizzazione Unica Ambientale ha durata pari a 15 anni a decorrere dalla data di rilascio.
In caso di scarichi contenenti sostanze pericolose (di cui all’art. 108 del D.Lgs. n. 152/2006), i gestori degli impianti autorizzati devono presentare, almeno ogni quattro anni, una comunicazione contenente gli esiti delle attività di autocontrollo all’autorità competente, la quale può procedere all’aggiornamento delle condizioni autorizzative qualora dalla comunicazione emerga che l’inquinamento provocato dall’attività e dall’impianto è tale da renderlo necessario. Tale aggiornamento non modifica la durata dell’autorizzazione.

Procedura di AUA

All’art. 4 del D.P.R. n. 59/2013 è riportata la procedura per il rilascio dell’AUA che viene descritta di seguito:

Chi Cosa Come
Gestore Presentazione della domanda alla SUAP Il gestore, nel caso in cui sia assoggettato al rilascio, alla formazione, al rinnovo o all’aggiornamento di almeno uno dei titoli abilitativi sostituiti dall’AUA, presenta la domanda al SUAP, istituito presso il Comune ove si trova l’insediamento interessato dall’autorizzazione, per il rilascio dell’Autorizzazione Unica Ambientale corredata dai documenti, dalle dichiarazioni e dalle altre attestazioni previste dalle vigenti normative di settore relative agli atti di comunicazione, notifica e autorizzazione previste dall’AUA e applicabili alle attività del gestore.
SUAP Trasmissione e verifica domanda all’autorità competente e agli altri entri coinvolti Il SUAP:
– trasmette immediatamente la documentazione, in modalità telematica all’autorità competente e agli altri enti che intervengono nei procedimenti sostituiti dall’autorizzazione unica ambientale,
– e ne verifica, in accordo con l’autorità competente, la correttezza formale. Nella domanda sono indicati gli atti di comunicazione, notifica e autorizzazione, per i quali si chiede il rilascio dell’autorizzazione unica ambientale, nonché le informazioni richieste dalle specifiche normative di settore.
Autorità competente Richiesta integrazioni al gestore tramite il SUAP Qualora l’autorità competente riscontri la necessità di integrare la documentazione presentata, lo comunica tempestivamente e in modalità telematica al SUAP, precisando gli elementi mancanti ed il termine per il deposito delle integrazioni.
Il SUAP deve richiedere al gestore di integrare la documentazione presentata entro 30 giorni dal ricevimento dell’istanza, precisando gli elementi mancanti ed il termine per il deposito delle integrazioni.
Decorso tale termine, in assenza di comunicazioni di richiesta di integrazioni, l’istanza si intende correttamente presentata.
In caso di richiesta di integrazioni, il termine per il rilascio dell’AUA è sospeso fino al deposito dei documenti richiesti e, se l’impresa non produce la documentazione richiesta entro la scadenza indicata, l’istanza per il rilascio dell’AUA si intende archiviata.
Il gestore ha la possibilità di chiedere una proroga in ragione della complessità della documentazione da presentare; in tal caso, il termine è sospeso per il tempo della proroga.
SUAP Convocazione conferenza dei servizi A questo punto il regolamento prevede che:
a) se l’Autorizzazione Unica Ambientale sostituisce i titoli abilitativi per i quali la conclusione del procedimento è fissata in un termine inferiore o pari a 90 giorni, l’autorità competente adotta il provvedimento nel termine di 90 giorni dalla presentazione della domanda e lo trasmette immediatamente al SUAP che, rilascia il titolo. La conferenza di servizi è sempre indetta dal SUAP nei casi previsti dalla legge 7 agosto 1990, n. 241, e  nei casi previsti dalle normative regionali e di settore  che disciplinano il rilascio, la formazione, il rinnovo o l’aggiornamento dei titoli abilitativi compresi nell’Autorizzazione Unica Ambientale.
b) se l’Autorizzazione Unica Ambientale sostituisce i titoli abilitativi per i quali almeno uno dei termini di conclusione del procedimento è superiore a 90 giorni, il SUAP (salvo quanto previsto al comma 7 del D.P.R. n. 59/2013 che prevede la convocazione dal parte della Provincia), indice, entro 30 giorni dalla ricezione della domanda, la conferenza di servizi. In tale caso, l’autorità competente adotta l’Autorizzazione Unica Ambientale entro 120 giorni dal ricevimento della domanda o, in caso di richiesta di integrazione della documentazione in occasione della conferenza di servizi, entro il termine di 150 giorni  dal  ricevimento  della  domanda. In entrambi i casi l’autorità competente promuove il coordinamento dei soggetti competenti, anche nell’ambito della conferenza di servizi.
Autorità competente Adozione provvedimento di AUA
Trasmissione del provvedimento al SUAP
SUAP Rilascio AUA
SUAP Trasmissione domanda all’autorità competente a) Qualora sia necessario acquisire esclusivamente l’Autorizzazione Unica Ambientale ai fini del rilascio, della formazione, del rinnovo o dell’aggiornamento di titoli abilitativi interessati, il SUAP trasmette la relativa documentazione all’autorità competente che, ove previsto, convoca la conferenza di servizi. L’autorità competente adotta il provvedimento e lo trasmette immediatamente al SUAP per il rilascio del titolo.
Autorità competente Convocazione conferenza dei servizi
Adozione provvedimento
Trasmissione provvedimento al SUAP
SUAP Rilascio AUA
Autorità competente Comunicazioni tramite SUAP L’autorità competente trasmette, in modalità telematica, ogni comunicazione al gestore  tramite il SUAP e mette a disposizione  del medesimo tutte le informazioni sulla documentazione da presentare e sull’iter relativo alla procedura di Autorizzazione Unica Ambientale.
SUAP Disponibilità delle informazioni Il SUAP assicura a tutti gli interessati le informazioni sugli adempimenti in materia mediante pubblicazione sul sito internet

Approfondisci: Ambiente 2018: è pronto il nuovo Manuale dall’approccio tecnico-pratico

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Autorizzazione Unica Ambientale (AUA): cosa contiene e come viene rilasciata? Ingegneri.info