Decreto Mezzogiorno: in vigore la legge di conversione | Ingegneri.info

Decreto Mezzogiorno: in vigore la legge di conversione

Iper-ammortamento per l’acquisto di beni strumentali, proroghe agli incentivi per progetti ambientali e per gli impianti a fonti rinnovabili

image_pdf

È entrata in vigore la legge n. 18 del 27 febbraio 2017, di conversione del decreto-legge n. 243 del 29 dicembre 2016, recante: “Interventi urgenti per la coesione sociale e territoriale, con particolare riferimento a situazioni critiche in alcune aree del Mezzogiorno.” (Gazzetta Ufficiale n. 49 del 28 febbraio 2017). Ecco i contenuti principali:

Incentivi per le imprese
Fino al 31 dicembre 2019, in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Molise, Puglia, Sicilia e Sardegna, è stabilito il credito di imposta del 25% per le grandi imprese; 35% nelle medie imprese; 45% nelle piccole aziende, per l’acquisto di macchine e impianti per la realizzazione dei prodotti mediante trasformazione di materiali e di materie prime. Per acquisiti superiori a 500.000 euro, è obbligatorio acquisire una perizia tecnica rilasciata da ingegnere o perito industriale iscritto all’albo oppure un attestato di conformità rilasciato da un ente di certificazione accreditato, attestante che il bene possieda caratteristiche tecniche tali da includerlo nell’elenco in allegato A alla legge, ed è interconnesso al sistema aziendale di gestione della produzione o alla rete di fornitura.
I dispositivi, strumentazione e componentistica intelligente per l’integrazione, la sensorizzazione e/o l’interconnessione e il controllo automatico dei processi utilizzati anche nell’ammodernamento o nel revamping dei sistemi di produzione esistenti, vengono riconosciuti come beni funzionali alla trasformazione tecnologica e/o digitale delle imprese e quindi possono godere dell’iper-ammortamento.

Proroga degli incentivi per progetti di efficienza energetica e risanamento ambientale di grandi dimensioni
Proroga al 2017 della durata degli incentivi ai progetti di efficienza energetica di grandi dimensioni, non inferiori a 35.000 Tep/anno, il cui periodo di riconoscimento dei certificati bianchi termini entro il 2014, in presenza di progetti definiti dallo stesso proponente e previa verifica tesa a valutare in maniera stringente le reali peculiarità dei progetti e purché i progetti stessi siano in grado di produrre nuovi risparmi di energia in misura complessivamente equivalente alla soglia minima annua indicata, siano concretamente avviati entro il 31 dicembre 2017 e rispondano a determinati criteri.

Proroga degli incentivi in favore degli esercenti di impianti per la produzione di energia elettrica alimentati da biomasse
Proroga al 31 dicembre 2021 del diritto di fruire di un incentivo sull’energia prodotta a favore degli esercenti di impianti alimentati da biomasse, biogas e bioliquidi che abbiano cessato, alla data del 31 dicembre 2016, di beneficiare di incentivi.
Nuovi criteri per la determinazione dell’importo dell’incentivo: l’importo va calcolato con riferimento all’80% non più degli incentivi che il decreto del Ministro dello sviluppo economico 6 luglio 2012 destina agli impianti di nuova costruzione e di pari potenza bensì con riferimento all’80% degli incentivi per gli impianti (già esistenti) a fonti rinnovabili che hanno maturato il diritto ai certificati verdi per il periodo residuo di fruizione dei benefici stessi.

Deroghe al Codice Appalti
Per il summit del G7 di Taormina, si potrà ricorrere alla procedura negoziata con un invito a cinque operatori, prevista per situazioni di emergenza (affidamenti esenti da bando).

Piano “Magna Grecia”
Fondo di 1,2 milioni di euro (400mila euro per ciascuno degli anni 2017, 2018 e 2019), presso il Ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo, per finanziare progetti che valorizzano e rilanciano la città di Matera quale capitale della cultura del 2019 e porta del Mediterraneo.

Adeguamento dei sistemi di collettamento, fognatura e depurazione
Per superare le procedure di infrazione europee 2004/2034 e 2009/2034), nominato un commissario unico e costituita una cabina di regia composta da sei tecnici di alta professionalità e competenza nominati con Decreto del Ministero dell’Ambiente.

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Decreto Mezzogiorno: in vigore la legge di conversione Ingegneri.info