Dissesto idrogeologico: le principali frane dal 2000 al 2013 | Ingegneri.info

Dissesto idrogeologico: le principali frane dal 2000 al 2013

Da Ischia alla Sardegna, la seconda parte della nostra breve 'storia' delle frane piu' significative verificatesi in Italia negli ultimi anni

wpid-25906_dissesto.jpg
image_pdf

Dopo aver descritto in sintesi le principali frane accadute in Italia tra il 1987 e il 2000, ripercorriamo la storia delle frane più importanti dal 2000 a oggi.

 

Ischia, 2006

 

 

A sinistra, la cartina dell’isola di Ischia con evidenziata l’area interessata dalle frane del 30 aprile 2006; a destra, la frana censita come “colamento rapido” (segnato in rosso) dal Progetto IFFI nell’ambito della convenzione 2005 tra APAT e Regione Campania (Fonte: Report Ispra)

 

 

 

Una delle ultime frane censite si è verificata nell’isola di Ischia la mattina del 30 aprile 2006, dopo tre giorni di piogge molto intense, tra le 7.00 e le 9.00 del mattino, cinque colate di fango e detriti si innescarono nella parte alta del versante nord del monte di Vezzi (350 m). Una di queste (ID-Frana 0630098200) distrusse un’abitazione in località Arenella, nella zona detta “i Pilastri” del comune di Ischia, provocando 4 vittime, alcuni feriti e 200 sfollati.

 

 

Sapri, 2010

Evento non prevedibile e classificato come eccezionale è quello relativo alla frana avvenuta a Sapri il 23 novembre 2010 lungo la SS 18 Tirrenica inferiore, lungo il versante carbonatico di Monte Ceraso (610 m) al km 218+900, in località “Le Conche-Ruotolo” nel tratto che si snoda poco a sud-est dall’abitato di Sapri (SA). Il carattere eccezionale dell’evento è dettato dagli aspetti geomorfologici, legati all’evoluzione dei versanti in roccia e per gli aspetti cinematici che lo hanno caratterizzato. Dalla parte medio-alta del versante, in corrispondenza di una delle scarpate di morfoselezione, si è staccato un masso ciclopico del volume di circa 2.000 m3, che è scivolato sul versante, in modo radente verso valle, andando a terminare la propria corsa a circa 30 m dalla sottostante sede stradale. Altri blocchi, di minore volume, hanno accompagnato il fenomeno principale, fermandosi direttamente sulla strada o finendo in mare, mentre altri si sono fermati a tergo del masso stesso o lungo l’area di transito. L’area interessata direttamente dall’evento franoso è inserita in un più ampio contesto geomorfologico costituito dai versanti costieri che risultano caratterizzati da condizioni di potenziale instabilità geomorfologica con vario grado di pericolosità e rischio.

Dalle registrazioni pluviometriche è stato osservato un aumento da 150 mm, a settembre, fino a 350 mm di pioggia caduta. Precedente a questo evento la registrazione era di 195,2 mm: il carattere eccezionale della precipitazione ha fatto sì che questa avesse un ruolo determinante nell’innesco della frana.

 

 

Liguria, 2013

Il 2 ottobre 2013, a seguito dell’evento meteorologico straordinario, in Liguria si sono verificati diversi eventi franosi e alluvionali diffusi che hanno colpito soprattutto il levante ligure. A titolo di esempio, si citano le frane rilevate nelle località di Licciorno e dei Boschi di Corerallo.

 

Vista frontale del movimento franoso a valle del sentiero comunale in località Licciorno (GE)

Vista laterale della zona interessata dal cedimento stradale e dello sbocco della tombinatura del rio (Boschi di Corerallo, Genova)

 

Nel primo caso il sentiero e la scarpata di valle sono state interessate da una colata detritica, innescata in corrispondenza del passaggio del sentiero comunale fino a depositarsi nella zona di accumulo in cui si evidenzia un netto cambio della pendenza, da elevata nella parte sommitale, a bassa nella parte terminale di deposizione.

Nella seconda località, invece, si è assistito allo scalzamento al piede dovuto alla portata straordinaria del rio a valle della stessa. La forte pendenza del declivio conferma che quanto affiora sotto il dissesto sia costituito da roccia.

 

 

Sardegna, 2013

Infine, come non ricordare il tragico evento alluvionale e franoso che ha colpito la regione Sardegna nel mese di novembre 2013. Il ciclone Cleopatra ha causato lo straripamento di vari canali e fiumi, ma ha colpito e danneggiato anche quartieri edificati in zone già dichiarate a rischio idrogeologico (come nella piana olbiese, a Putzolu, a Santa Mariedda, a Baratta, sulla costa di Pittulongu), ove erano presenti soprattutto strutture e infrastrutture edificate dagli anni Sessanta.

L’Ordine dei geologi ha comunicato che l’81% dei comuni della Sardegna (in totale 306) è esposto a rischio idrogeologico, e ha fatto una richiesta urgente di un piano nazionale di prevenzione che preveda strumenti adeguati per fronteggiare questi eventi metereologici straordinari.

 

 

 

 

 

 

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Dissesto idrogeologico: le principali frane dal 2000 al 2013 Ingegneri.info