La Commissione europea finanziera' le infrastrutture verdi | Ingegneri.info

La Commissione europea finanziera’ le infrastrutture verdi

wpid-15247_infrastruttureverdi.jpg
image_pdf

L’Europa preme l’acceleratore sullo sviluppo delle “infrastrutture verdi”, perché diventino parte integrante della pianificazione territoriale. “La costruzione di infrastrutture verdi è spesso un buon investimento per la natura, per l’economia e per l’occupazione. Quando sono giustificate da ragioni economiche e ambientali, dobbiamo presentare ai cittadini soluzioni che siano in sintonia e non in contrapposizione con la natura”, ha dichiarato Janez Potočnik, commissiario Ue per l’Ambiente, in occasione della presentazione della nuova strategia varata dalla Commissione europea sul tema.

“Le infrastrutture verdi, spesso, “costano meno e durano di più rispetto alle alternative classiche offerte dall’ingegneria civile” spiega la Commissione, citando ad esempio la funzione che le aree verdi assolvono di mitigazione delle ondate di calore estive. Un’azione positiva che ha i suoi effetti non solo in termini di salute e tutela dell’ambiente, ma che ha ripercussioni anche su altri aspetti del vivere sociale, con nuovi posti di lavoro e città trasformate in spazi in cui è più gradevole vivere e lavorare. E persino la flora e la fauna selvatiche, grazie alle infrastrutture verdi, trovano “un ambiente propizio al loro insediamento, anche in contesti urbani”.

A supporto della proposta, la Commissione cita il caso di un progetto di ripristino di una pianura alluvionale lungo il fiume Elba, in Germania: lo spostamento delle dighe, il passaggio a una gestione agricola adeguata alla natura del territorio e la costruzione di passaggi per pesci si sono tradotti in benefici quattro volte superiori ai costi, senza aggiungere alla valutazionei vantaggi in termini di spazi ricreativi, protezione dalle alluvioni e emissioni di carbonio, il valore di questi benefici sarebbe ben più elevato. Un’altra idea è quella di difendersi dalle alluvioni sfruttando la soluzione offerta dalle zone umide naturali, che assorbono l’acqua in eccesso provocata da piogge intense, contro il ricorso a nuove infrastrutture.

Prima di tutto l’Ue punta a promuovere le infrastrutture verdi nelle politiche principali, ossia quelle in materia di agricoltura, silvicoltura, natura, acqua, ambiente marino e pesca, coesione sociale, mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici, trasporti, energia, prevenzione delle catastrofi e uso del suolo. Entro la fine del 2013, annuncia la Commissione, verranno messi a punto degli orientamenti per indicare in che modo le infrastrutture verdi potranno far parte integrante di queste politiche nel periodo 2014-2020.

Parallelamente la Commissione mira all’incremento della ricerca e dello sviluppo di tecnologie innovative a sostegno delle infrastrutture verdi; a facilitare l’accesso ai finanziamenti per i progetti dedicati al tema, grazie anche a uno strumento unionale di finanziamento che la Commissione, in collaborazione con la Banca europea per gli investimenti, istituirà entro il 2014. Sulla lunga distanza, infine, l’Ue intende realizzare uno studio, entro la fine del 2015, per valutare la possibilità di sviluppare una rete di infrastrutture verdi di portata europea.

Entro la fine del 2017 la Commissione esaminerà a che punto è lo sviluppo delle infrastrutture verdi e pubblicherà una relazione che, oltre a illustrare quanto realizzato, sarà accompagnata da raccomandazioni su come muoversi negli anni a venire.

Copyright © - Riproduzione riservata
La Commissione europea finanziera’ le infrastrutture verdi Ingegneri.info