Milleproroghe 2015, le novita' in tema di ambiente e rifiuti | Ingegneri.info

Milleproroghe 2015, le novita’ in tema di ambiente e rifiuti

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 31 dicembre 2014, il decreto Milleproroghe 2015 introduce alcune novita' in tema di ambiente, in particolare su Sistri e gestione rifiuti. Ecco una sintesi

wpid-25722_sistririfiuti.jpg
image_pdf

Il Decreto legge n. 192 del 31 dicembre 2014, il cosiddetto ‘Milleproroghe 2015‘ (‘Proroga di termini previsti da disposizioni legislative’) è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 302 del 31 dicembre 2014 ed è entrato in vigore nella stessa data.

Il decreto contiene, tra le altre novità, rinvii riguardanti il divieto di conferimento in discarica dei rifiuti con potere calorifico inferiore a 13.000 Kj/Kg; la pubblicazione bandi di gara e affidamento dei lavori relativi a interventi di mitigazione del rischio idrogeologico; sanzioni e ulteriori semplificazioni del Sistri; esercizio del potere sostitutivo del governo in materia di depurazione delle acque reflue. Vediamo nel dettaglio le novità più importanti.

Rifiuti con PCI > 13.000 kJ/kg

Prorogato al 30 giugno 2015 in divieto di conferire in discarica i rifiuti con PCI (Potere calorifico inferiore) > 13.000 kJ/kg (Modifica dell’art. 6, comma 1, lettera p) d.lgs. 13 gennaio 2003, convertito in legge 27 febbraio 2014, n. 15).

Dissesto idrogeologico

Rinviato di due mesi, fino il 28 febbraio 2015, il termine per la pubblicazione del bando di gara, o l’affidamento dei lavori per interventi contro il dissesto idrogeologico, pena la revoca del finanziamento statale e la contestuale rifinalizzazione delle risorse ad altri, fermo restando il vincolo territoriale di destinazione delle risorse attraverso una rimodulazione dei singoli accordi di programma, ove esistano progetti immediatamente cantierabili compatibili con le finalità della norma. (Modifica l’art. 1 comma 111 della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Interventi di messa in sicurezza del territorio. Risorse esistenti sulle contabilità speciali relative al dissesto idrogeologico).

Sistri

E’ spostato al 31 dicembre 2015 il termine iniziale di operatività del Sistri, il sistema di tracciabilità dei rifiuti, per gli enti o le imprese che raccolgono o trasportano rifiutispeciali pericolosi a titolo professionale,compresi i vettori esteri che effettuano trasporti di rifiuti all’interno del territorio nazionale o trasporti transfrontalieri in partenza dal territorio, o che effettuano operazioni di trattamento, recupero, smaltimento, commercio e intermediazione di rifiuti speciali pericolosi, inclusi i nuovi produttori, per consentire la tenuta in modalità elettronica dei registri di carico e scarico e dei formulari di accompagnamento dei rifiuti trasportati nonché l’applicazione delle altre semplificazioni e le opportune modifiche normative. Tuttavia, le sanzioni relative al Sistri si applicano dal 1° febbraio 2015 (Modifica l’art. 11 decreto legge 31 agosto 2013, n. 101 – legge 30 ottobre 2013, n. 125 Semplificazione e razionalizzazione del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti e in materia di energia).

Acque reflue urbane

Slitta al 28 febbraio 2015, la possibilità che sia attivata su proposta del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, la procedura di esercizio del potere sostitutivo del Governo per accelerare la progettazione e la realizzazione degli interventi necessari all’adeguamento dei sistemi di collettamento, fognatura e depurazione oggetto di procedura di infrazione o di provvedimento di condanna della Corte di Giustizia dell’Unione europea in ordine all’applicazione della direttiva 91/271/CEE sul trattamento delle acque reflue urbane, (Modifica l’art. 7 Norme in materia di gestione di risorse idriche del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 133 coordinato con la legge di conversione 11 novembre 2014, n. 164).

L’autore


Giorgio Tacconi

Nato a Milano nel 1956, laureato in giurisprudenza, svolge come libero professionista attività di comunicazione, informazione e consulenza tecnico-giuridica in tema di sicurezza negli ambienti di lavoro, tutela dell’ambiente e sostenibilità, responsabilità sociale d’impresa. Ha collaborato come autore di testi, siti e banche dati con Cedis, McGrawHill, Eco-comm, De Agostini, Rcs, Conde Nast, LifeGate, Sistemi Editoriali, Giappichelli.

Copyright © - Riproduzione riservata
Milleproroghe 2015, le novita’ in tema di ambiente e rifiuti Ingegneri.info