Opere di sostegno: i muri a gravita' | Ingegneri.info

Opere di sostegno: i muri a gravita’

Le opere di sostegno corrispondono a un intervento di natura strutturale, poich contrastano l'azione ribaltante del terreno. Vediamo nel dettaglio i muri a gravita'

wpid-26579_covermurigravita.jpg
image_pdf

 

 

Negli ultimi anni si sono diffuse alcune categorie di opere di sostegno e di consolidamento speciali che rispondono all’esigenza di minimizzare l’impatto sull’ambiente e di favorire il ripristino naturale dell’area di diversa natura.

In base alla relativa letteratura scientifica, si possono distinguere in due categorie: muri a gravità o a sbalzo. Le opere di sostegno sono impiegate negli interventi di sistemazione e consolidamento dei versanti e nella realizzazione di un’ampia gamma di opere di ingegneria per stabilizzare e/o sostenere terreno o altro materiale quando, per cause naturali o artificiali quali scavi e riporti, si hanno condizioni che non permettono al terreno di assumere la sua naturale pendenza d’equilibrio.

 

 

Muri a gravità

Suddette opere di sostegno contrastano solo con il proprio peso la spinta del terreno. Una volta erano realizzati con la muratura a secco, adesso sono in calcestruzzo o in elementi prefabbricati di notevoli dimensioni. La forma che li contraddistingue è il trapezio: solitamente hanno altezze comprese tra i 2 e i 3 m e una base di fondazione pari almeno a 1/3 dell’altezza.

Il muro è costituito da due elementi principali:

  1. una fondazione completamente interrata realizzata in calcestruzzo;
  2. una struttura in elevazione a essa collegata costituita da un paramento esterno e uno interno. Il primo può essere rivestito per rendere più armoniosa la struttura con l’ambiente circostante.

Il loro dimensionamento, la scelta del tipo di fondazione o di sottofondazione da adottare, è fatto sulla base delle verifiche delle condizioni di stabilità interna ed esterna del complesso “struttura – terreno di fondazione – terrapieno o scarpata”, condotte secondo gli usuali metodi di calcolo adottati per le opere di sostegno a gravità (Norme Tecniche delle Costruzioni 2008).

Trattandosi di strutture molto pesanti, è necessario che la base della fondazione sia impostata su terreni stabili e aventi una buona capacità portante. In caso contrario, prima di procedere all’esecuzione dell’opera, occorre eseguire interventi di miglioramento delle caratteristiche fisico-meccaniche del terreno in sito, mediante costipamento meccanico, asportazione e sostituzione parziale del terreno con altro di idonee qualità.

Particolarmente importanti per la stabilità dell’opera sono la realizzazione e la manutenzione periodica di un corretto ed efficace sistema di drenaggio alle spalle dello stesso, in modo da limitare o impedire l’insorgere di pericolose sovrapressioni idrauliche e il conseguente aumento delle spinte dei terreni da sostenere.

 

I muri a gravità sono opere di sostegno definitive e possono essere impiegate per interventi di sistemazione e difesa del suolo dai dissesti, quali:

  • elementi di contenimento e di sostegno nelle opere di sistemazione dei pendii in frana, regimazione idraulica e ricostruzione della copertura vegetale;
  • protezione delle sponde fluviali dall’erosione ed arginature e regimazione dei corsi d’acqua torrentizi;
  • muri di sostegno, di sottoscarpa e di controripa nella costruzione di varie infrastrutture stradali e ferroviarie; marittime o idrauliche;
  • realizzazione di barriere paramassi e/o paravalanghe in aree montane.

A questo si aggiungono la semplicità di costruzione e la perfetta integrazione estetico-paesaggistica nell’ambiente rurale o urbano.

 

 

 

Muratura in pietrame a secco (Regione Trentino Alto Adige, Bolzano. Foto di Sara Frumento)

 

 

I muri in pietrame a secco, trovano la loro applicazione più diffusa in:

  • interventi di consolidamento e di difesa dall’erosione di versanti instabili mediante terrazzamenti e gradonatura;
  • interventi di difesa delle sponde dall’erosione fluviale (scogliere);
  • sistemazioni dei versanti “a terrazze” per il contenimento del terreno a scopi agricoli;
  • costruzioni di infrastrutture di vario tipo.

 

 

 

LEGGI ANCHE: Ingegneria naturalistica: come scegliere le piante

 

 

 

 

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Opere di sostegno: i muri a gravita’ Ingegneri.info