Prevenzione rifiuti: il Programma nazionale e il bando del ministero dell'Ambiente | Ingegneri.info

Prevenzione rifiuti: il Programma nazionale e il bando del ministero dell’Ambiente

Il ministero dell'Ambiente ha adottato il Programma nazionale di prevenzione dei rifiuti, al quale e' collegato un bando pubblico con contributi economici

wpid-25926_rifiutiprevenzione.jpg
image_pdf

Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il ministero dell’Ambiente e della Tutela del territorio e del mare ha adottato il Programma nazionale di prevenzione dei rifiuti (Pnpr), da integrarsi nei piani regionali di gestione dei rifiuti, che dovranno identificare specifiche misure di prevenzione, secondo quanto previsto dal comma 1 bis dell’articolo 180 del D.lgs. 3 aprile 2006, n.152, come modificato dal D.lgs. 3 dicembre 2010, n. 205.

Il Programma fissa i seguenti obiettivi di prevenzione al 2020, rispetto ai valori registrati nel 2010, per unità di Pil:

– riduzione del 5% della produzione di rifiuti urbani;

– riduzione del 10% della produzione di rifiuti speciali pericolosi;

– riduzione del 5% della produzione di rifiuti speciali non pericolosi.

Entro un anno le Regioni sono tenute a integrare la loro pianificazione territoriale con le indicazioni contenute nel Programma nazionale.

Misure di prevenzione

Tra le misure generali rientrano la produzione sostenibile, il “green public procurement”, il riutilizzo, l’informazione e sensibilizzazione, gli strumenti economici, fiscali e di regolamentazione, nonché la promozione della ricerca. Inoltre, sono state individuate alcune misure specifiche di prevenzione su particolari flussi di prodotti/rifiuti ritenuti prioritari: rifiuti biodegradabili, rifiuti cartacei, rifiuti di imballaggio, rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche, rifiuti da costruzione e demolizione.

Le azioni prioritarie per migliorare la gestione dei rifiuti organici, prevedono la riduzione, entro il 2016, dello smaltimento in discarica dei rifiuti biodegradabili al 35% di quelli prodotti nel 1995, fino alla totale eliminazione dalla discarica dei rifiuti organici non trattati. Tra le altre misure, c’è l’incentivazione della produzione di compost di qualità, anche attraverso la definizione di specifici criteri “end of waste” attualmente in fase di definizione a livello europeo.

Si segnalano, a supporto delle indicazioni del Pnpr, le Linee guida di Federambiente sulla prevenzione dei rifiuti urbani.

Bando pubblico rifiuti

Il Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare ha pubblicato un avviso relativo al Bando Pubblico per l’attribuzione di contributi economici a soggetti pubblici e privati per azioni aggiuntive e funzionali a progetti e programmi in materia di riduzione e prevenzione della produzione di rifiuti, già finanziati in quota parte dall’Unione Europea. Il Bando avvia una procedura ad evidenza pubblica per la selezione di progetti di riduzione e prevenzione della produzione e nocività dei rifiuti. Le risorse finanziarie disponibili sono pari a euro 513.475,22.

Sono ammessi a partecipare alla procedura i soggetti pubblici e privati (senza scopo di lucro) che hanno in essere progetti o programmi, già finanziati in quota parte dall’Unione Europea, in materia di riduzione e prevenzione della produzione di rifiuti, con priorità alle azioni di innovazione e di informazione, sensibilizzazione e comunicazione, come proposto dall’Allegato IV della Direttiva Comunitaria n. 2008/98/CE, e dall’Allegato L del decreto legislativo 3 dicembre 2010, n. 205. Ciascun soggetto può presentare una sola richiesta di contributo per azioni aggiuntive e funzionali ai progetti e programmi già finanziati in quota parte dall’Unione Europea.

Le richieste di contributo vanno redatte utilizzando il modulo scaricabile dal sito del ministero, sezione Bandi, e devono essere inviate entro 30 giorni a partire dal 15 gennaio 2015.

L’autore


Giorgio Tacconi

Nato a Milano nel 1956, laureato in giurisprudenza, svolge come libero professionista attività di comunicazione, informazione e consulenza tecnico-giuridica in tema di sicurezza negli ambienti di lavoro, tutela dell’ambiente e sostenibilità, responsabilità sociale d’impresa. Ha collaborato come autore di testi, siti e banche dati con Cedis, McGrawHill, Eco-comm, De Agostini, Rcs, Conde Nast, LifeGate, Sistemi Editoriali, Giappichelli.

Riferimenti Editoriali


Manuale Ambiente 2014

Aggiornato alla più recente normativa, il volume contiene tutte le informazioni e le linee guida utili per lo svolgimento della propria attività in materia ambientale. 

Tra le principali novità dell’edizione 2014, quelle in materia di: autorizzazione integrata ambientale, inquinamento elettromagnetico, impianti termici, rifiuti, rifiuti elettronici, Sistri, tassa sui rifiuti, gas serra e valutazione di impatto ambientale.

Nel Cd-Rom allegato una esaustiva selezione della normativa portante della materia.

Autore:   •   Editore: Ipsoa – Indicitalia   •   Anno:

Vai all’approfondimento tematico

Copyright © - Riproduzione riservata
Prevenzione rifiuti: il Programma nazionale e il bando del ministero dell’Ambiente Ingegneri.info