Assobeton dice ‘no' agli aiuti di stato a imprese insolventi | Ingegneri.info

Assobeton dice ‘no’ agli aiuti di stato a imprese insolventi

wpid-16924_GIA.jpg
image_pdf

Nei giorni scorsi Assobeton, l’Associazione nazionale industrie manufatti cementizi aderente a Confindustria, ha inviato una comunicazione ufficiale al ministero del Tesoro e alle altre istituzioni competenti per esprimere dissenso verso strumenti che sostengono, con fondi pubblici, imprese che hanno generato danni

Il comparto dell’edilizia industrializzata in calcestruzzo, che Assobeton rappresenta, ha perso in 5 anni circa il 60% del valore di mercato e sono moltissime le realtà che non vedono altro futuro che la chiusura. Le aziende, infatti, lamentano l’assenza di provvedimenti concreti da parte del Governo per stimolare la crescita e riattivare gli investimenti nel settore industriale e residenziale.

Ritardo dei pagamenti della pubblica amministrazione, difficoltà di accesso al credito, eccessiva pressione fiscale, semplificazione della burocrazia: tutti temi in agenda da anni, rispetto ai quali, ad oggi, non si vede alcun cambiamento reale, denuncia Assobeton.

In questa situazione quanto mai critica, si colloca il recentissimo finanziamento di 25 milioni di euro concesso a RDB SpA con garanzia del ministero del Tesoro. “Riteniamo indispensabile sottolineare che la situazione di profondo dissesto e insolvenza fatta registrare da RDB SpA – cita la nota di Renzo Bullo, presidente di Assobeton, inviata al ministero dello Sviluppo Economico – ha generato, in cascata, problemi molto rilevanti a numerose imprese a noi associate che stanno cercando faticosamente di affrontare in qualche modo la drammaticità della questione”.

L’Associazione, infatti, ritiene inappropriato che lo Stato, tramite il Governo, sostenga con risorse economiche pubbliche proprio quelle imprese che hanno generato ingenti danni alla filiera e che, godendo di questo finanziamento, potranno rimanere artificiosamente su un mercato poverissimo di opportunità, a danno ulteriore proprio di quelle realtà che hanno già subito una volta le conseguenze della gestione aziendale poco accorta.

In considerazione della difficile congiuntura in cui sopravvivono le aziende del comparto e a tutela delle stesse, Assobeton si è impegnata a vigilare sulla futura politica commerciale di RDB e a segnalare al ministero dello Sviluppo Economico eventuali comportamenti sospetti in merito alla correttezza delle politiche commerciali adottate. La posizione dell’Associazione nazionale industrie manufatti cementizi è coerente con quella di Confindustria che, anche di recente, ha evidenziato alcune criticità connesse agli strumenti legislativi per la gestione delle crisi aziendali, chiedendo interventi correttivi.

 

Copyright © - Riproduzione riservata
Assobeton dice ‘no’ agli aiuti di stato a imprese insolventi Ingegneri.info