Dall'Ue nuove norme per rafforzare la sicurezza dei prodotti | Ingegneri.info

Dall’Ue nuove norme per rafforzare la sicurezza dei prodotti

wpid-22650_madeineuropa.jpg
image_pdf

L’Europa preme per una maggiore sicurezza dei prodotti in circolazione sul mercato: lo scorso 15 aprile 2014 il Parlamento europeo ha votato a favore di nuove norme che intensificheranno la vigilanza su tutti i prodotti non alimentari, compresi quelli importati da paesi al di fuori dell’Ue. Attraverso questa serie di proposte, si punta a rafforzare la protezione dei consumatori e stabilire condizioni di parità per le imprese, garantendo che i fabbricanti responsabili non subiscano la concorrenza sleale dei prodotti che non rispettano le norme europee in materia di sicurezza o di ambiente.

In primo nuovo le modifiche approvate da Strasburgo definiscono norme e responsabilità in modo più preciso e coerente in tutti i settori per i fabbricanti, gli importatori e i distributori, per garantire la sicurezza di tutti i prodotti di consumo. In questo modo si punta anche a ridurre i costi di adeguamento alla normativa per le imprese, in particolare per le piccole e medie imprese.

Sul tema della ‘coerenza’, l’adozione di un’unica serie di norme per la vigilanza del mercato garantirà agli organismi nazionali di controllo l’adozione di strumenti più efficaci per far rispettare la sicurezza e adottare misure contro i prodotti pericolosi e non conformi.

La tracciabilità dei prodotti di consumo verrà migliorata: i fabbricanti e gli importatori dovranno garantire che i prodotti o i loro imballaggi rechino l’indicazione “made in” sulla provenienza. Per i prodotti fabbricati nell’Ue, le imprese potranno scegliere di indicare un determinato paese o “Ue” come luogo di origine.

Le norme prevedono inoltre l’istituzione di un sistema di vigilanza del mercato maggiormente cooperativo nell’Ue, nella convinzione che un migliore coordinamento dei controlli di sicurezza dei prodotti consentirà di eliminare la concorrenza sleale da parte di operatori disonesti o scorretti.

Tra le ulteriori novità, la semplificazione delle procedure per la notifica dei prodotti pericolosi e maggiori sinergie tra il sistema di allarme rapido esistente (Rapex) e il sistema di informazioni e comunicazione per la vigilanza del mercato (Icsms).

“Sono lieto che il Parlamento abbia votato a favore di nuove misure per rendere i prodotti più sicuri e conformi, proteggendo sia i consumatori dai rischi sanitari sia le imprese dalla concorrenza sleale”, ha dichiarato Antonio Tajani, vicepresidente della Commissione europea e commissario europeo per l’industria e l’imprenditoria. “Una vigilanza del mercato coerente in tutta l’Ue è necessaria per impedire la presenza di punti deboli che minacciano l’interesse pubblico e creano condizioni commerciali non equilibrate”.

La parola adesso passa al Consiglio per l’approvazione definitiva. In seguito all’adozione del Consiglio, la nuova normativa dovrebbe entrare in vigore nel 2015. Le norme saranno applicate dalle autorità nazionali responsabili della vigilanza del mercato nei paesi dell’Ue.

Copyright © - Riproduzione riservata
Dall’Ue nuove norme per rafforzare la sicurezza dei prodotti Ingegneri.info