Domani a Roma l'Assemblea del Consiglio Nazionale degli Ingegneri | Ingegneri.info

Domani a Roma l’Assemblea del Consiglio Nazionale degli Ingegneri

wpid-19700_hotelquirinale.jpg
image_pdf

Innovazione, ricerca, infrastrutture sono le tre grandi tematiche al centro dell’Assemblea nazionale del Consiglio nazionale degli ingegneri, mercoledì 13 novembre 2013 a Roma, a partire dalle ore 10 presso l’hotel Quirinale. “Riprogettare l’Italia. Innovazione, ricerca, infrastrutture: gli ingegneri oltre la crisi” è il titolo dell’incontro che si avvarrà di relatori di primo piano: i ministri Flavio Zanonato e Maurizio Lupi, il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi, Franco Bassanini, presidente cassa depositi e prestiti, e Mauro Moretti, ad di Ferrovie dello Stato, che animeranno il talk evento articolato in due sessioni.

La prima affronterà una tematica fondamentale per il nostro Paese, l’innovazione intesa come veicolo strategico per crescere e tornare a essere competitivi su scala europea e mondiale: dall’industria ai servizi, dal commercio alla pubblica amministrazione e le infrastrutture, fattore determinante del benessere sociale e dello sviluppo economico anche in chiave sostenibile e durevole.

Senza l’innovazione, finalizzata a cambiare regole e tecnologie – viene meno la capacità stessa dell’impresa di generare utilità e di valorizzare il lavoro. Il tratto che caratterizza strutturalmente il sistema produttivo nazionale è la bassa domanda di capitale umano qualificato che si traduce in bassa quota di laureati nella forza lavoro.

La carenza di domanda complessiva di laureati in discipline tecnico-scientifiche dovuta soprattutto alla crisi del settore industriale e alla composizione produttiva polverizzata trova come principale rappresentazione il manifestarsi di un fenomeno diffuso di inoccupazione e la fuga di capitale umano qualificato verso l’estero. Attratti sia dalle maggiori possibilità occupazionali che dalla possibilità di maggiori guadagni, nel 2012 quasi il 10% dei laureati in ingegneria del 2007 risultava occupato all’estero. Una mancata valorizzazione del nostro patrimonio di competenze e saperi che ha effetti negativi su tutto il Sistema Paese. È quindi fondamentale incentivare la creazione di nuove imprese ad elevata densità di competenze tecnico-scientifiche e, in particolare, d’ingegneria.

L’altra questione al centro del dibattito di domani è il sistema infrastrutturale efficiente e competitivo come uno dei fattori di maggiore stimolo per la crescita economica. Le imprese scelgono infatti di investire dove ci sono buone infrastrutture, perché contribuiscono ad abbassare i costi di trasporto, ma il nostro Paese sconta un ritardo infrastrutturale di almeno 200 miliardi per scarsi investimenti pubblici e strutturali difficoltà di attivazione di risorse private.

Un importante fattore di differenziazione tra Italia e le altre nazioni europee è altresì riscontrabile nei costi medi di realizzazione delle opere pubbliche,  decisamente più elevati nel nostro Paese, sia per le autostrade, sia per l’alta velocità ferroviaria. Sul divario pesano le condizioni orografiche e di antropizzazione del territorio, le difficoltà di programmazione ma anche le criticità di un quadro normativo in continua ed affannosa evoluzione.

Questi, in sintesi, i temi che saranno al centro dell’Assemblea nazionale degli Ingegneri durante il quale verranno anche presentante due ricerche predisposte dal Centro Studi del Cni, che saranno alla base della discussione tra i relatori presenti.

Copyright © - Riproduzione riservata
Domani a Roma l’Assemblea del Consiglio Nazionale degli Ingegneri Ingegneri.info