Adeguamento sismico edifici scolastici: 30 milioni dalla Calabria | Ingegneri.info

Adeguamento sismico edifici scolastici: 30 milioni dalla Calabria

Prevenzione sismica, la Calabria propone il bando per adeguare gli edifici scolastici. A disposizione di Comuni e Provincie oltre 30 milioni di euro: la scadenza è il 28 febbraio

image_pdf

30 milioni di euro per supportare interventi di adeguamento sismico sugli edifici scolastici. È la dotazione messa in campo dalla Calabria, attraverso un bando per “promuovere sul territorio regionale la prevenzione del rischio sismico, attraverso interventi di adeguamento degli edifici scolastici”.
Con la delibera “Piano d’Azione Calabria Istruzione e Formazione – Valorizzazione e Sviluppo del Sistema dell’Istruzione e della Formazione Professionale”, la Regione Calabria si è così posta un nuovo obiettivo che coniuga edilizia scolastica e sicurezza sismica.

A livello generale il Piano è indirizzato alla qualificazione del sistema regionale di istruzione e di formazione professionale affinché esso possa essere sempre più coerente con i fabbisogni espressi dal sistema produttivo, caratterizzato da elevati livelli di qualità, in linea con i requisiti previsti dalle Raccomandazioni europee. Un passo necessario per “garantire la mobilità professionale e geografica dei cittadini, agevolare le transizioni tra il sistema scolastico e formativo e il mercato del lavoro, contribuendo alla lotta alla dispersione formativa e all’emarginazione sociale”.

Beneficiari del bando da 30,1 milioni di euro sono tutti gli Enti Pubblici (Comuni e Province) proprietari degli immobili adibiti all’istruzione scolastica pubblica statale.

Gli interventi compresi dal bando sono i seguenti:
a) interventi di adeguamento sismico degli edifici scolastici atti a conseguire i livelli di sicurezza previsti dalle Norme Tecniche per le Costruzioni di cui al D.M. 14 gennaio 2008;
b) interventi di demolizione e ricostruzione esclusivamente nei casi di estrema necessità e a fronte di particolari documentate condizioni sfavorevoli connesse all’assoluta diseconomicità dell’intervento di adeguamento. Sarà consentita la delocalizzazione solo nel caso in cui l’edificio ricada in un’area classificata R3 o R4 del PAI Calabria per rischio idraulico, frane ed erosione costiera, purché tale scelta sia motivata in termini di razionalizzazione delle sedi scolastiche sul territorio di competenza.

Leggi anche: Edilizia scolastica: manuale di pronto intervento

Il contributo erogabile è pari al 100% delle spese sostenute. Alla data di presentazione della domanda di agevolazione, gli Enti dovranno avere i seguenti requisiti:
– avere completato l’implementazione dell’Anagrafe dell’Edilizia Scolastica (AES) per tutti gli edifici di proprietà giacenti sul territorio di propria competenza entro e non oltre le ore 13:00 del 31 gennaio 2017;
– impegnarsi a conseguire la certificazione di sostenibilità ambientale dell’edificio con punteggio almeno pari a 1;
– avere compilato sulla piattaforma informatica SISMI.CA, le schede L1/L2 di valutazione della vulnerabilità sismica dell’edificio;
– presentare un progetto almeno al livello definitivo.

La graduatoria sarà prodotta tenendo conto dei seguenti parametri:
– Numero di studenti
– Incremento del livello di sicurezza (sono avvantaggiati gli interventi su edifici meno sicuri)
– Costo dell’intervento
– Numero di impianti adeguati
– Livello di sostenibilità ambientale conseguito

La domanda di partecipazione dovrà essere generata telematicamente dal sistema dell’Anagrafe Regionale dell’Edilizia Scolastica (ARES) accessibile all’indirizzo. L’Ente interessato a proporre richiesta di partecipazione al bando potrà accedere alla sezione di caricamento delle istanze a partire dalle ore 08:00 del giorno 1° febbraio 2017 e sino alle ore 13:00 del 28 febbraio 2017, solo dopo aver completato l’implementazione dell’Anagrafe dell’Edilizia Scolastica (ARES) per tutti gli edifici di proprietà giacenti sul territorio di propria competenza e facendo diventare “verde” il controllo SNAES, fatta eccezione per gli edifici di nuova costruzione e di quelli temporaneamente non utilizzati.

Sarà possibile accedere al bando per i soli edifici censiti sulla piattaforma ARES. Qualora il proponente non avesse ancora censito l’edificio sul sistema dell’Anagrafe Edilizia Scolastica Regionale o non ne avesse ancora richiesto le credenziali di accesso, potrà avanzare richiesta di assistenza inviando una mail al seguente indirizzo: [email protected].

Leggi anche: La normativa antisismica delle Regioni italiane

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Adeguamento sismico edifici scolastici: 30 milioni dalla Calabria Ingegneri.info