Appalti pubblici, il DGUE redatto solo in formato elettronico | Ingegneri.info

Appalti pubblici, il DGUE redatto solo in formato elettronico

Dal 18 aprile scatta l'obbligo europeo di produrre in formato elettronico il documento di gara, già previsto dal codice dei contratti pubblici

Online form survey on pc computer vector illustration, flat cartoon design monitor display showing quiz exam paper sheet document, concept of electronic voting on internet, web learning
image_pdf

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti informa che dal prossimo 18 aprile il DGUE, Documento di gara unico europeo, dovrà essere redatto esclusivamente in forma elettronica, come tra l’altro prevede il Codice dei contratti pubblici (art. 85, comma 1). “Per le procedure di gara bandite dal 18 aprile – conferma in una nota ufficiale il Mit -, le stazioni appaltanti predisporranno ed accetteranno il DGUE in formato elettronico secondo le disposizioni del DPCM 13 novembre 2014”.

I contenuti del DGUE

I documenti di gara dovranno contenere le informazioni sullo specifico formato elettronico del DGUE, l’indirizzo del sito internet in cui è disponibile il servizio per la compilazione del DGUE e le modalità con le quali il DGUE elettronico deve essere trasmesso dall’operatore economico alla stazione appaltante. Il Mit ricorda che fino al 18 ottobre 2018 – data di entrata in vigore dell’obbligo delle comunicazioni elettroniche ex art. 40, comma 2, del Codice dei contratti pubblici – “le stazioni appaltanti che non dispongono di un proprio servizio di gestione del DGUE in formato elettronico, o che non si servono di altri sistemi di gestione informatica del DGUE, richiederanno nei documenti di gara all’operatore economico di trasmettere il documento in formato elettronico, compilato secondo le modalità indicate, su supporto informatico all’interno della busta amministrativa o mediante la piattaforma telematica di negoziazione eventualmente utilizzata per la presentazione delle offerte”. Le regole tecniche per la predisposizione del DGUE saranno emanate da AgID, l‘Agenzia per l’Italia Digitale, ai sensi dell’art. 58 comma 10 del Codice dei contratti pubblici. Per tutte le procedure di gara bandite a partire dal 18 ottobre, eventuali DGUE di formati diversi “saranno considerati quale documentazione illustrativa a supporto. I requisiti di integrità, autenticità e non ripudio del DGUE elettronico devono essere garantiti secondo quanto prescritto dal Codice dell’Amministrazione digitale di cui al decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82”.

Le caratteristiche principali del DGUE

Il Documento di gara unico europeo (DGUE) è un’autodichiarazione dell’impresa sulla propria situazione finanziaria, sulle proprie capacità e sulla propria idoneità per una procedura di appalto pubblico. È disponibile in tutte le lingue dell’Unione Europea ed è utilizzato per indicare in via preliminare il soddisfacimento delle condizioni prescritte nelle procedure di appalto pubblico nell’UE. Grazie al DGUE gli offerenti non devono più fornire piene prove documentali e ricorrere ai diversi moduli precedentemente in uso negli appalti UE: si tratta, insomma, di una notevole semplificazione dell’accesso agli appalti transfrontalieri.

La Commissione europea mette gratuitamente un servizio web a disposizione degli acquirenti, degli offerenti e di altre parti interessate a compilare il DGUE elettronicamente. Il modulo on line può essere compilato, stampato e poi inoltrato all’acquirente con le altre parti dell’offerta. Grazie alla procedura elettronica il DGUE può essere esportato, salvato e presentato elettronicamente. “Il DGUE presentato in una procedura di appalto pubblico precedente può essere riutilizzato a condizione che le informazioni siano ancora valide. Gli offerenti possono essere esclusi dalla procedura di appalto o essere perseguiti se nel DGUE sono presentate informazioni gravemente mendaci, omesse o che non possono essere comprovate dai documenti complementari”.

Sul tema degli appalti pubblici vi invitiamo a leggere anche le ultime novità legate alla recente giurisprudenza.

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Appalti pubblici, il DGUE redatto solo in formato elettronico Ingegneri.info