Certificazione energetica e progetto energetico edifici: tutte le novità in Lombardia | Ingegneri.info

Certificazione energetica e progetto energetico edifici: tutte le novità in Lombardia

L'evoluzione normativa, le novità operative, gli strumenti di calcolo: facciamo il punto sulle novità più importanti riferite al territorio lombardo

prestazione_energetica
image_pdf

A cura dell’Ing. Marco Carta – Responsabile Progetto CENED 2.0 Logical Soft

Il 1° luglio sono stati pubblicati dal Ministero dello Sviluppo Economico tre importanti provvedimenti che completano il quadro normativo nazionale in materia di efficienza energetica degli edifici. Il decreto Requisiti Minimi istituisce le nuove modalità di calcolo della prestazione energetica ed i nuovi requisiti minimi di efficienza energetica per gli edifici nuovi e ristrutturati. Le Linee Guida Nazionali contengono il nuovo modello di APE e di annuncio commerciale validi per tutte le regioni e impongono l’istituzione di un archivio informatico nazionale dei certificati energetici (SIAPE). Un ulteriore decreto aggiorna infine gli schemi di relazione tecnica di progetto (ex Legge 10) per nuove costruzioni, ristrutturazioni importanti e riqualificazioni energetiche.

Cosa è cambiato in Regione Lombardia?
Regione Lombardia si adegua ai contenuti della norma nazionale e nello specifico:
– A partire dal 1° ottobre 2015 è stato introdotto per tutti gli edifici esistenti il nuovo formato di APE, uguale a quello nazionale
– La procedura di calcolo (allegato H) si basa sulle norme UNI TS 11300 e sui contenuti del D.M. Requisiti Minimi e delle Linee Guida per la certificazione
– Per il calcolo di progetto è necessario utilizzare l’edificio di riferimento come richiesto dal D.M. Requisiti Minimi
– I certificatori energetici sono abilitati in conformità al D.P.R. n. 75 del 2013, quindi non è più necessaria la frequenza di un corso abilitante per alcune categorie di professionisti iscritti all’ordine (vedi slide Regione Lombardia qui sotto)
Rispetto alla norma nazionale vengono poi introdotte alcune novità specifiche per il territorio lombardo:
– E’ stata pubblicata la delibera regionale di recepimento comprendente la nuova procedura di calcolo conforme alle UNI TS 11300
– E’ stato istituito il nuovo catasto energetico regionale dei certificati per la registrazione dei file formato XML con i dati di input e di output
A partire dal 1° ottobre 2015 deve essere utilizzato obbligatoriamente il motore di calcolo CENED+2 Motore per la produzione dei certificati energetici e dei file XML per gli edifici esistenti
– A partire dal 1° gennaio 2016 è obbligatorio redigere l’APE secondo il nuovo formato anche per gli edifici nuovi
– A partire dal 1° gennaio 2016 sono stati anticipati di 5 anni (3 per gli edifici pubblici) gli obblighi di progetto degli edifici nZEB a energia quasi zero. In pratica tutti gli edifici di nuova costruzione o le ristrutturazioni rilevanti il cui progetto viene presentato a partire dal 01 gennaio 2016 devono rispondere ai requisiti nZEB.

I passi temporali dell’evoluzione normativa
Regione Lombardia si è adeguata alla norma nazionale secondo un preciso calendario di recepimento che è partito dal 1° ottobre 2015 e ha previsto importanti scadenze per certificatori e per progettisti, sia per gli edifici nuovi che per gli esistenti.

Diapositiva1

Diapositiva2

I servizi energetici considerati nel calcolo
Da ottobre sia per il progetto che per la certificazione devono essere considerati tutti i servizi richiesti dall’edificio: climatizzazione invernale ed estiva, produzione di ACS, illuminazione e ventilazione meccanica controllata.

Diapositiva3

Energia primaria rinnovabile e non rinnovabile
Il nuovo APE informa nel dettaglio l’utente finale dell’immobile sulle fonti energetiche utilizzate, suddivise tra rinnovabili e non rinnovabili, esprimendo tre indici di prestazione energetica per ogni servizio e per l’insieme dei servizi.

Diapositiva4

Il concetto di edificio di riferimento
La classificazione energetica e le verifiche di progetto sono condizionate dal calcolo dell’edificio di riferimento: un edificio equivalente a quello reale ma dotato di caratteristiche pari a quelle previste dai limiti di legge.

Diapositiva5

L’edificio di riferimento per la certificazione energetica
La valutazione dell’edificio di riferimento è diventata obbligatoria anche per i certificatori energetici, ricalcolando l’edificio oggetto dell’APE dotato di involucro e impianti standard.

Diapositiva6

La nuova classificazione energetica
Le classi energetiche sono variabili e valutate in base alla prestazione energetica dell’edificio di riferimento, tenendo conto dei servizi utilizzati nell’edificio reale.

Diapositiva7

Il nuovo APE
L’APE è cambiato in modo significativo con l’adeguamento ai nuovi decreti: tra le più importanti novità le nuove classi energetiche, maggiori dettagli sui singoli servizi e sui vettori energetici, indici specifici sulle prestazioni dell’involucro nei periodi invernale ed estivo.

Diapositiva8

Cosa cambia per il certificatore energetico
Con il recepimento del D.P.R. n. 75/2013 sono cambiati anche in Regione Lombardia i requisiti richiesti per diventare certificatore energetico e le modalità per abilitarsi.

Diapositiva9

L’edificio di riferimento per il progetto
Le verifiche di progetto devono essere eseguite mediante confronto dell’edificio progettato con l’edificio di riferimento, sia per quanto riguarda l’involucro che per gli impianti inseriti nel fabbricato.

Diapositiva10

Edifici nZEB in Lombardia
Il progetto degli edifici nZEB è obbligatorio in Lombardia a partire dal 1° gennaio 2016, anticipando di 5 anni gli obblighi previsti dalla norma nazionale: una vera rivoluzione per i progettisti lombardi.

Diapositiva11

CENED+ 2.0 e TERMOLOG EpiX 6
Per la certificazione energetica Regione Lombardia mette a disposizione il software di calcolo CENED+ 2.0 costituito da due componenti: CENED+2 Motore, il motore di calcolo adibito all’elaborazione degli algoritmi, e CENED+2 Client, l’interfaccia utente per l’acquisizione dei dati.

Per maggiori informazioni può consultare la pagina.

Per la relazione di progetto (ex Legge n. 10) anche in Lombardia si fa riferimento al DM Requisiti Minimi. Le verifiche ed il progetto energetico possono quindi essere realizzati con il software TERMOLOG EpiX 6.
È importante sottolineare che in Lombardia è obbligatorio l’utilizzo del solo CENED+2 Motore ed ogni certificatore può scegliere tra l’interfaccia base CENED+2 Client e le interfacce di software commerciali come TERMOLOG EpiX 6 che integrerà il motore di calcolo CENED+2 Motore sviluppato proprio da Logical Soft, in questo modo il certificatore energetico ha sempre la sicurezza dell’affidabilità dei calcoli e la possibilità di scegliere per il proprio lavoro l’interfaccia più efficiente ed evoluta.

I temi del nuovo progetto energetico degli edifici e della certificazione energetica saranno al centro del fitto calendario di seminari ospitati da Mce 2016 – Mostra Convegno Expocomfort (dal 15 al 18 marzo) e organizzati da Wolters Kluwer in collaborazione con SACERT e Logical Soft – il Forum dell’Energia SACERT. Il programma articola, nei 4 giorni di manifestazione, convegni, approfondimenti e seminari tecnici dedicati ai progettisti con i massimi esperti del settore. Tutti gratuiti.
Presso lo stand di oltre 130 mq, collocato al Padiglione 1, sarà allestita la sala convegni in grado di ospitare 60/70 posti a sedere. L’accesso ai seminari dà diritto a un biglietto per la fiera.

Per consultare il programma e per iscriversi gratuitamente, clicca qui.

Copyright © - Riproduzione riservata
Certificazione energetica e progetto energetico edifici: tutte le novità in Lombardia Ingegneri.info