Decreto Semplificazioni: gli emendamenti sull'edilizia che preoccupano il Cnappc | Ingegneri.info

Decreto Semplificazioni: gli emendamenti sull’edilizia che preoccupano il Cnappc

Il CNAPPC esprime preoccupazione per una serie di emendamenti che "rischiano di compromettere la trasparenza negli affidamenti di incarichi professionali e di mettere in ginocchio il settore delle costruzioni"

edilizia dl semplificazioni
image_pdf

Sull’andamento della discussione nelle Commissioni Lavori Pubblici e Affari Costituzionali del Senato del cd Decreto Semplificazioni, il Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori esprime preoccupazione per una serie di emendamentiche modificano, in seno a provvedimenti omnibus privi di una visione organica, leggi di riferimento in ambiti specifici e fondamentali nei processi di trasformazione del territorio, come il Codice dei contratti ed il testo unico dell’edilizia, rischiando di compromettere la trasparenza negli affidamenti di incarichi professionali e di mettere in ginocchio il settore delle costruzioni”.

Leggi anche: Dl semplificazioni, c’è l’ODG sul compenso dei professionisti

Emendamenti esclusi e in discussione

Dopo che i relatori Mauro Coltorti (M5S) e Daisy Pirovano (Lega) hanno ritirato l’emendamento che introduceva nel Tu edilizia l’esclusione dell’obbligo delle verifiche di sicurezza strutturale anti-sismica per le sopraelevazioni non superiori al 5% della volumetria complessiva autorizzata, di carico non superiore a quello preesistente all’intervento, e  riguardanti edifici non localizzati in zone sismiche di classe 1, l’attenzione si è spostata su altri emendamenti in discussione. In particolare:

  • l’emendamento 5.27 che vieta alle stazioni appaltanti di ricorrere al cosiddetto Decreto parametri, ma solo per affidamenti diretti di cui all’art.31 comma 8 del Codice. Secondo Giuseppe Cappochin, Presidente del Consiglio Nazionale degli Architetti, “forse sfugge a chi ha proposto l’emendamento che, in ogni caso, per procedere all’affidamento diretto, le stazioni appaltanti devono prima calcolare l’importo a base di gara con il Decreto parametri, come prescrive l’art. 24 comma 8 (che non è stato abrogato), e solo dopo possono essere attivate le procedure di affidamento diretto, per le quali il Codice prevede peraltro l’applicazione del criterio di selezione del prezzo più basso. Non si intuiscono, quindi, le finalità di un emendamento inutile, contraddittorio e pericoloso che produrrà solo confusione, errori e contenziosi, finendo per appesantire anziché semplificare gli affidamenti”.
  • Gli emendamenti 5.0.22 e 7.0.5 che – sempre secondo Capocchin -“perseguendo un’illusoria semplificazione nell’ambito del testo unico per l’edilizia, finiscono per complicare notevolmente le procedure per il deposito di progetti strutturali all’Ufficio della Regione (Genio Civile), per tramite dello sportello unico. Infatti, mentre il testo vigente prescrive l’autorizzazione preventiva solo per gli interventi strutturali nelle zone ad alta sismicità, per effetto dell’emendamento l’autorizzazione preventiva sarebbe necessaria anche per le nuove costruzioni ricadenti in zona a bassa sismicità, se ritenute ‘rilevanti dal punto di vista della pubblica incolumità’. Con il risultato di avere appesantito le procedure attualmente adottate dagli addetti ai lavori, attribuendo notevoli responsabilità al professionista incaricato che, in relazione all’intervento progettato, dovrà assumere la decisione di procedere al semplice deposito o, al contrario, richiedere l’autorizzazione preventiva”.

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Decreto Semplificazioni: gli emendamenti sull’edilizia che preoccupano il Cnappc Ingegneri.info