Efficienza energetica edifici pubblici: rifinanziato il bando FREE | Ingegneri.info

Efficienza energetica edifici pubblici: rifinanziato il bando FREE

Rifinanziato il bando Free della Regione Lombardia, che sostiene interventi di riqualificazione energetica degli edifici di proprietà degli enti locali

L edifici pubblici
image_pdf

Il “Fondo Regionale per l’Efficienza Energetica”  dedicato all’efficientamento energetico degli edifici pubblici di proprietà degli enti locali è stato rifinanziato dalla Regione Lombardia anche per l’anno 2017, con una dotazione economica di quasi 12 milioni di euro.

Si tratta di una nuova edizione del bando “FREE”  destinato alla concessione di agevolazioni per l’efficientamento energetico di immobili destinati ad uso pubblico di proprietà dei Comuni lombardi che comportino l’adeguamento ai requisiti NZEB.

Ad avvenuta concessione del contributo, gli Enti proprietari degli edifici possono decidere di aggiudicare le opere ad un partner privato, secondo le modalità ed i requisiti specificati nel bando. In questo caso il partner privato potrà essere il beneficiario diretto del contributo e del finanziamento agevolato per la realizzazione delle opere.

Per la pubblica amministrazione la riqualificazione  rappresenta in tal modo una concreta opportunità di risparmio economico, derivante dall’ottimizzazione energetica, e insieme  di tutela ambientale.

 

Il bando

Con il bando FREE vengono messi a disposizione di 11.710.348  euro di finanziamenti a favore degli enti locali che decidono di intraprende interventi di miglioramento dell’efficienza energetica dei servizi di climatizzazione invernale o estiva, di illuminazione (interna o delle pertinenze), di trasporto di persone o cose (es. ascensori, scale mobili), di acqua calda sanitaria, che interessino l’involucro e le pertinenze dell’edificio e i suoi impianti tecnologici.

Nello specifico il bando prevede la concessione di un’agevolazione pari a 70% delle spese di cui il 30% a fondo perduto e 40% a restituzione, fino ad un massimo di 4,9 milioni di euro.

Ciascun richiedente può presentare una sola richiesta, per un costo minimo di interventi pari a 1.000.000 euro.

 

Gli interventi

Gli interventi devono prevedere, per ciascun edificio:

  • una riduzione almeno del 30% dell’indice di prestazione energetica globale non rinnovabile complessivo e una riduzione almeno del 20% dell’indice di prestazione energetica globale totale complessivo, rispetto a quello dello stato di fatto dell’edificio;
  • l’adeguamento dell’edificio al rispetto dei requisiti minimi prestazionali previsti dal Decreto dirigenziale n. 6480/2015 per le ristrutturazioni importanti di primo livello (requisiti edificio NZEB – Nearly Zero Energy Building).

 

Chi può partecipare?

Comuni, Unioni di Comuni o loro aggregazioni, Comunità Montane che non siano già risultate ammesse e finanziate in esito al precedente bando FREE.

Le richieste di agevolazione devono essere presentate, esclusivamente tramite il sistema informativo SIAGE, fino alle ore 12 del 15 settembre 2017, allegando, per ciascun immobile di cui si propone la ristrutturazione:

  • diagnosi energetica
  • elaborati progettuali (livello minimo: progetto di fattibilità tecnica ed economica)
  • numero di protocollo CENED + 2.0 dell’attestato di prestazione energetica dell’edificio allo stato di fatto
  • nel caso di progetto presentato da un capofila, atti di delega.

Gli elaborati progettuali e la diagnosi energetica debbono avere, pena esclusione, i requisiti tecnici più puntualmente specificati nel bando, in particolare l’intervento dovrà:

  • conseguire una riduzione minima degli indici di prestazione energetica degli edifici predefinita nel bando;
  • adeguare l’edificio ai requisiti minimi prestazionali previsti per le ristrutturazioni importanti di primo livello (edifici “NZEB”).

Copyright © - Riproduzione riservata
Efficienza energetica edifici pubblici: rifinanziato il bando FREE Ingegneri.info