Imprese edili: come funziona la riduzione contributiva per il 2016 | Ingegneri.info

Imprese edili: come funziona la riduzione contributiva per il 2016

Le imprese edili possono recuperare lo sgravio dell’11,5% relativo al 2016 attraverso apposita istanza telematica. Facciamo il punto

image_pdf

Con la Circolare n. 23 del 31 dicembre 2016, l’INPS ha reso noto che le imprese edili possono recuperare lo sgravio dell’11,5% relativo al 2016 (tale beneficio per l’anno 2016 è stato riconosciuto a seguito della pubblicazione, sul sito www.lavoro.gov.it del ministero del lavoro – sezione pubblicità legale, del decreto 10 novembre 2016), presentando istanza telematica sul sito istituzionale tramite l’apposito canale applicativo web denominato “riduzione edilizia”.

Tenendo presente che tale istanza costituisce una dichiarazione del possesso dei requisiti di legge.
Si ricorda che l’incentivo, che era stato introdotto ad opera dell’art. 29 del D.L. n. 244/1995 (convertito nella Legge n. 341/1995), consiste in una riduzione dei contributi dovuti dalle imprese edili. Si precisa, inoltre, che tale incentivo:
• non spetta alle aziende che non abbiano pagato i contributi alle casse edili;
• riguarda i soli operai impiegati a tempo pieno, ad esclusione di quelli per i quali sono previste specifiche agevolazioni contributive;
• può essere applicato alle aliquote di finanziamento delle assicurazioni sociali;
• non si applica al contributo dello 0,30%, pagato dal lavoratore occupato da imprese che possono accedere alla CIGS;
• non riguarda il contributo integrativo della NASpI, pari allo 0,30%.

Attenzione: In caso di accettazione della domanda, le aziende potranno recuperare lo sgravio nei flussi UniEmens di gennaio, febbraio e marzo 2017.

Caratteristiche del beneficio

Entro quando si può utilizzare lo sgravio dell’11,5%
L’agevolazione in esame può essere utilizzata entro il prossimo 16 aprile 2017 (termine prorogato al 18 aprile 2017 in quanto il 16 ed il 17 aprile sono festivi) utilizzando le denunce contributive UniEmens con competenza fino al mese di marzo 2017.

Attenzione: si tenga presente che i datori di lavoro potranno inviare le domande per l’applicazione della riduzione contributiva relativa all’anno 2016 entro il prossimo 15 aprile.

L’invio delle domande
Le domande vanno spedite utilizzando esclusivamente la modalità telematica mediante l’utilizzo del modulo denominato “Rid-Edil” tramite il cassetto previdenziale aziende.
Si tenga, inoltre, presente che:
• l’Inps effettuerà gli appositi controlli automatici e, in caso di esito positivo, attribuirà alla posizione contributiva il codice di autorizzazione 7N, per il periodo da agosto 2016 a marzo 2017;
• l’Inps provvederà automaticamente a prolungarne la validità fino a marzo 2017 con riferimento alle istanze già inviate, la cui elaborazione ha dato esito di attribuzione del CA 7N fino a dicembre 2016.

Leggi anche: Voucher in edilizia? Sì ma con giudizio

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Imprese edili: come funziona la riduzione contributiva per il 2016 Ingegneri.info