Marcatura CE dei prodotti da costruzione: la guida europea | Ingegneri.info

Marcatura CE dei prodotti da costruzione: la guida europea

Un vademecum della Commissione europea guida passo dopo passo nell’applicazione della marcatura CE, obbligatoria o volontaria, sui prodotti da costruzione

image_pdf

La Commissione europea ha predisposto un vademecum gratuito che spiega i diversi passi da seguire per apporre la marcatura CE a un nuovo prodotto da costruzione. Nell’opuscolo viene indicato anche cosa fare se il prodotto subisce modifiche, ad esempio in relazione ai processi produttivi, alle materie prime, alle prove, ecc.; in tal caso occorre rivedere i documenti richiesti.

La marcatura CE è obbligatoria per la maggior parte dei prodotti da costruzione per poterli vendere sul mercato interno europeo. Per gli altri non è obbligatoria ma è possibile rispettando alcune regole:
Marcatura CE Obbligatoria (percorso CEN)
Per accertare se per un vostro prodotto la marcatura CE è obbligatoria, la prima cosa da fare è consultare la Gazzetta ufficiale dell’Unione europea e cercare la versione più aggiornata della pubblicazione dei titoli e dei riferimenti delle norme armonizzate. Il risultato sarà una tabella simile a questa:

ce_1

L’elenco può contenere due tipi di riferimento: nuove norme armonizzate e norme rivedute. Per le nuove norme la voce “riferimento della norma sostituita” è vuoto. Se il prodotto rientra nel campo di applicazione di una di queste norme CE la marcatura è volontaria durante il periodo di coesistenza e obbligatoria a decorrere dallo scadere di tale periodo.
Bisogna quindi verificare se il prodotto rientra nel campo di applicazione delle norme disponibili per accertare se è coperto da esse. Si può usare lo strumento di ricerca sul sito web del CEN per trovare il campo di applicazione delle norme.
I prodotti inclusi nelle norme (primo capitolo delle norme) devono recare il marchio CE in funzione delle date indicate nella tabella. Allorché la voce “riferimento della norma sostituita” non è vuota, la marcatura CE dei prodotto coperti dalle norme armonizzate continua ad essere obbligatoria. Durante il periodo di coesistenza su può scegliere quale versione usare, quella sostituita o la nuova, ma una volta scaduto il periodo di coesistenza è possibile usare soltanto la versione riveduta. Questo sistema permette di adeguarsi – di solito nello spazio di un anno – agli eventuali cambiamenti intervenuti nella valutazione del prodotto e/o nella dichiarazione di prestazione.

Le informazioni relative alla marcatura CE sono riportate nell’allegato ZA della norma.
Marcatura CE non obbligatoria (percorso EOTA)
Se il prodotto non è coperto da nessuna norma armonizzata si può apporre volontariamente il marchio CE sul vostro prodotto. Per farlo, occorre innanzitutto controllare se esso è coperto da uno degli attuali documenti per la valutazione europea1 (EAD). Usare in questo caso l’elenco sul sito web della Commissione europea nello spazio denominato NANDO (New Approach Noted and Designated Organisations). Vi è una pagina specifica che contiene l’elenco dei documenti per la valutazione europea.
Si può anche visionare il contenuto del documento, compreso il suo campo di applicazione, sullo spazio dedicato alle pubblicazioni del sito web dell’EOTAVI. Se il prodotto rientra nel campo di applicazione di uno di questi documenti si può richiedere a un organismo di valutazione tecnica (Technical Valutazione Body – TAB) figurante nel registro ufficiale dei TABVII di valutare il prodotto ai fini della marcatura CE.
Se il prodotto e l’uso o gli usi cui è destinato non rientrano nel campo di applicazione di nessun documento per la valutazione europea, si può chiedere a un organismo di valutazione tecnica di elaborare un documento per la valutazione europea. Tale processo richiede di norma tempi più lunghi rispetto al caso in cui un documento per la valutazione europea sia già disponibile per il prodotto.

Il percorso EOTA si articola in due fasi analoghe a quelle per percorso CEN:
• l’elaborazione di un documento per la valutazione europea
• la valutazione ad opera di un organismo di valutazione tecnica

Entrambe le fasi sono spiegate nella guida.
Esenzioni dalla marcatura CE
In alcuni casi, anche se il prodotto e il suo uso previsto rientrano nel campo di applicazione di una norma armonizzata, nella vostra qualità di fabbricante, non siete obbligati ad apporre il marchio CE al prodotto. Le eccezioni riguardano i casi in cui il prodotto sia fabbricato individualmente o su misura per un uso determinato o se il processo di fabbricazione del prodotto debba rispettare procedimenti tradizionali di produzione per la conservazione di opere sotto tutela ufficiale (edifici storici, opere del patrimonio, ecc.).
Se desiderate avvalervi di una di queste eccezioni è raccomandabile accertare che esse valgano effettivamente per il prodotto poiché, in caso contrario, si potrebbero avere problemi con le autorità preposte alla sorveglianza del mercato.

Clicca qui per scaricare la guida in formato integrale

Copyright © - Riproduzione riservata
Marcatura CE dei prodotti da costruzione: la guida europea Ingegneri.info