Mercato immobiliare: sette provvedimenti per la ripresa da Confedilizia | Ingegneri.info

Mercato immobiliare: sette provvedimenti per la ripresa da Confedilizia

wpid-19135_sforzafogliani.jpg
image_pdf

E’ dal sito web della Confedilizia, che il presidente Corrado Sforza Fogliani diffonde un comunicato in cui individua sette misure urgenti che risolleverebbero il mercato immobiliare. Un mercato che, secondo il presidente dell’Organizzazione storica della proprietà immobiliare, “langue, ma non è morto”. Nel comunicato si sottolinea come prima conditio sine qua non per la ripresa, “l’eliminazione della smodata fiscalità introdotta dalle rendite Monti, insieme all’eliminazione della nullità dei contratti di locazione e compravendita senza l’Attestato di prestazione energetica (APE) nonché della graduazione prefettizia degli sfratti (dagli effetti sfiducia letali, così come l’introduzione del concetto di una indefinita “morosità incolpevole”)”.

 

Il primo dei sette punti individuati da Sforza Fogliani è ripristinare la deduzione Irpef del 15% per i redditi da locazione, ridotto al 5% secondo la legge di riforma del mercato del lavoro (n. 92/’12), a decorrere dal 2013.

 

L’esenzione Imu per gli immobili invenduti è il secondo punto, che secondo Sforza Fogliani, eviterebbe squilibri nocivi al mercato.

 

Terza misura è liberalizzare le locazioni ad uso diverso da quello abitativo. La legge vigente è, infatti, troppo poco flessibile per un periodo critico come quello attuale, creando caro affitti e lo sfitto. Occorre, invece, una normativa che stimoli la concorrenza, permettendo contratti di durata flessibile che facciano riferimento alle norme del codice civile. Liberalizzare i canoni solo per contratti a canone

altissimo (come si prospetta da qualcuno) non servirebbe a niente per le piccole strutture e ne aggraverebbe, anzi, la situazione.

 

Il quarto provvedimento da prendere sarebbe quello di fissare per legge al 4 per mille l’aliquota Imu per gli immobili locati, o almeno in caso di contratti “concordati”, al fine di iniziare a contrastare una vera e propria emergenza sociale.

 

Come quinta misura, Sforza Fogliani suggerisce di eliminare la prevista tassazione Irpef delle case non affittate. Gli immobili in questione, infatti, sono generalmente quelli che i locatori, spesso piccoli proprietari, intendono concedere in locazione, senza peraltro trovare – soprattutto in questo periodo di crisi – inquilini disponibili ad occuparli.

 

La semplificazione della Cedolare secca sugli affitti e l’ampliamento dell’ambito di applicazione è il sesto punto esposto.

 

Infine, l’ultima misura che contribuirebbe a una ripresa economica nel settore edilizio sarebbe la modifica della normativa condominiale per sbloccare i lavori straordinari.

L’art. 1135 del codice civile, infatti, sancisce che l’assemblea di condominio provvede a deliberare sulle opere di manutenzione straordinaria e sulle innovazioni, “costituendo obbligatoriamente un fondo speciale di importo pari all’ammontare dei lavori”.

In un momento come questo, in cui molti condomini faticano a pagare persino le ordinarie quote condominiali, i lavori nei condominii sono praticamente bloccati.

 

Qui di seguito il comunicato del presidenta della Confedilizia, Corrado Sforza Fogliani.

 Clicca qui per scaricare il comunicato completo

Copyright © - Riproduzione riservata
Mercato immobiliare: sette provvedimenti per la ripresa da Confedilizia Ingegneri.info