Prodotti da costruzione: via alle nuove regole | Ingegneri.info

Prodotti da costruzione: via alle nuove regole

Un decreto armonizza le norme alle disposizioni del Regolamento Ue n. 305/2011 sui prodotti da costruzione

image_pdf

Il Governo ha approvato in esame preliminare lo schema di decreto sulla commercializzazione dei prodotti da costruzione nell’Unione Europea, che adegua la normativa italiana alle disposizioni del Regolamento UE n. 305 del 9 marzo 2011. Le norme armonizzate riguardano “qualsiasi prodotto o kit fabbricato e immesso sul mercato per essere incorporato in modo permanente in opere di costruzione o in parti di esse e la cui prestazione incide sulla prestazione delle opere di costruzione rispetto ai requisiti di base delle opere stesse”.
Il decreto disciplina gli adempimenti del fabbricante per i prodotti rientranti nell’ambito di una norma armonizzata e per quelli conformi ad una valutazione tecnica europea (Eta), e quindi non individuati da una norma armonizzata.

Sono previsti due nuovi istituti:
• il Comitato nazionale di coordinamento dei prodotti da costruzione tra le amministrazioni competenti nel settore, per garantire l’armonizzazione delle norme e assicurare l’uniformità e il controllo dell’attività di certificazione e prova;
• l’Organismo nazionale per la valutazione tecnica europea (Itab), per assicurare la piena integrazione delle funzioni connesse al rilascio della valutazione tecnica europea (Eta).

Le norme armonizzate
Le norme armonizzate per i prodotti da costruzione, stabilite dagli Organismi europei di normalizzazione in base alle richieste (“mandati”) formulate dalla Commissione UE, previa consultazione del Comitato permanente per le costruzioni:
• fissano i metodi ed i criteri per valutare la prestazione dei prodotti da costruzione in relazione alle loro caratteristiche essenziali e, se previsto dal relativo mandato, si riferiscono all’uso previsto dei prodotti che esse coprono;
• forniscono metodi meno onerosi delle prove per valutare la prestazione dei prodotti da costruzione in relazione alle loro caratteristiche essenziali;
• contengono i dettagli tecnici necessari per applicare il sistema di valutazione e verifica della costanza della prestazione.

L’ultimo elenco aggiornato dei titoli e dei riferimenti delle norme armonizzate vigenti è pubblicato sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea n. C76 del 10 marzo 2017.

Il periodo di coesistenza
Per ciascuna norma armonizzata che figura nell’elenco sono fornite le date di inizio e di fine del periodo di coesistenza, cioè l’arco di tempo in cui sia la normativa di carattere comunitario sia quella nazionale possono essere applicabili per attribuire la conformità al prodotto. Se una norma armonizzata viene sostituita con una nuova versione, entrambe le versioni restano valide fino allo scadere del periodo di coesistenza.
Dalla data di inizio del periodo di coesistenza è già possibile usare la norma armonizzata per redigere la Dichiarazione di prestazione, il documento che ha sostituito la precedente “Certificazione di conformità”, con il quale il fabbricante si assume la responsabilità della conformità del prodotto da costruzione alle prestazioni dichiarate. Dalla fine del periodo di coesistenza, l’unico strumento utilizzabile per redigere la Dichiarazione è la norma armonizzata europea.
Per i prodotti da costruzione che non rientrano o non rientrano interamente nell’ambito di applicazione di una norma armonizzata, il fabbricante può fare richiesta di una Valutazione tecnica europea, la quale viene elaborata dall’organizzazione dei Tab (Organismi di valutazione tecnica), che adotta un Documento per la valutazione europea.
L’ultimo elenco aggiornato dei riferimenti relativi ai documenti per la Valutazione tecnica europea è pubblicato sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea n. C10 del 13 gennaio 2017.

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Prodotti da costruzione: via alle nuove regole Ingegneri.info