Riqualificazione energetica nella PA, ecco i vincitori | Ingegneri.info

Riqualificazione energetica nella PA, ecco i vincitori

Immobili legati alle funzioni delle forze armate e dei vigili del fuoco al centro di un investimento da oltre 39 milioni di euro, dove risparmio energetico e sicurezza ambientale devono diventare prioritari

efficienza energetica
image_pdf

Caserme, questure, comandi provinciali ma anche un aeroporto (quello di Rimini) e soprattutto le sedi ministeriali sono tra i 39 immobili, sedi operative di diversi ambiti che fanno capo alla pubblica amministrazione, che rientrano nella graduatoria approvata dal Ministero dello sviluppo economico e dal Ministero dell’ambiente nell’ambito del programma di riqualificazione energetica della pubblica amministrazione centrale 2017 (PREPAC 2017).

A cosa serve la PREPAC

Il programma di riqualificazione energetica della Pubblica Amministrazione centrale (PREPAC) ha l’obiettivo di efficientare almeno il 3% annuo della superficie utile del patrimonio edilizio dello Stato. Il coordinamento e monitoraggio dello stato di avanzamento del programma, nonché il finanziamento dei diversi progetti di efficientamento energetico, è affidato a una cabina di regia composta dal Ministero dello sviluppo economico e dal Ministero dell’ambiente.

Ad un anno dalla scadenza di presentazione delle domande di finanziamento, sono stati approvati 39 progetti, di cui 7 qualificati come esemplari, in quanto in grado di assicurare un risparmio energetico superiore al 50% rispetto ai consumi annuali ex ante. Il programma è stato messo a punto a seguito dell’istruttoria tecnica sulle proposte progettuali presentate con il supporto ENEA e GSE con le verifiche effettuate dall’Agenzia del Demanio.

L’importo per la realizzazione del programma è di circa 39 milioni di euro, che vanno ad aggiungersi ai 133,2 milioni già allocati per i programmi PREPAC 2014, 2015 e 2016 in corso di esecuzione. La realizzazione dei programmi consentirà di riqualificare una superficie complessiva di circa 1,9 milioni di metri quadri, con un tasso medio annuo di circa il 3,25 % che va oltre il livello minimo del 3% richiesto dall’Unione Europea.

Gli immobili destinatari dei fondi PREPAC

Tra gli investimenti più importanti destinati alla riqualificazione energetica degli edifici destinati alla pubblica amministrazione per l’annualità 2017, spiccano gli oltre 9 milioni di euro per la sede romana di via Molise del Ministero dello Sviluppo Economicoe i 7,5 milioni di euro per la sede del Ministero dell’Economia e delle Finanze. Fondi per 2,7 milioni di euro al comprensorio di Nisida della Marina Militare mentre per il centro di selezione della Marina Militare di Ancona ci sarà un investimento di riqualificazione energetica da oltre 1,4 milioni di euro, che rientra tra i magnifici sette progetti che sulla carta ridurranno del 50% i consumi energetici di questi edifici destinati a pubbliche funzioni. Ecco quali sono gli altri immobili, i corpi militari di riferimento e l’ammontare dell’intervento:

  • Caserma Castrogiovanni di Taranto – Marina Militare  – 1.117.203,00 euro
  • Comprensorio Logistico Mar Grande di Taranto – Marina Militare – 1.023.823,00 euro
  • Comando Stazione Navale di Brindisi – Marina Militare – 534.045,79 euro
  • Quartier Generale Marina Santa Rosa – Palazzina Comando Roma -Marina Militare – 400.085,67 euro
  • Aeroporto Giannetto Vassura di Rimini – Esercito – 1.351.955,07 euro
  • Caserma dei Carabinieri di Torricella Peligna (CH) – PP.OO.PP. Lazio-Abruzzo-Sardegna – 79.984,57 euro.

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Riqualificazione energetica nella PA, ecco i vincitori Ingegneri.info