Elastici che producono corrente elettrica grazie all'energia del moto ondoso | Ingegneri.info

Elastici che producono corrente elettrica grazie all’energia del moto ondoso

wpid-20648_motoondoso.jpg
image_pdf

Il progetto europeo PolyWec (acronimo di Polymeric Wave energy harvesting) coordinato dai ricercatori Marco Fontana e Rocco Vertechy del Laboratorio di robotica percettiva Percro dell’Istituto TeCip (Tecnologie della Comunicazione, dell’informazione, della percezione) della Scuola Superiore Sant’Anna ha appena ottenuto un risultato cruciale, al termine del primo anno di attività.

Al recente meeting internazionale svolto nella sede della Scuola Superiore Sant’Anna sono stati presentati i risultati dei prototipi in scala ridotta, realizzati con alcuni materiali che dovranno trasformare l’energia delle onde marine in energia elettrica, testati in vasche attrezzate con generatori di onde nei laboratori dell’Università di Edimburgo, uno dei partner del progetto PolyWec. La validità dei modelli teorici è stata confermata e adesso l’obiettivo è migliorare in misura ulteriore le prestazioni ottenute nei primi test in vasca.

Grazie a questa ricerca, buona parte dell’energia elettrica del futuro che consumiamo ogni giorno potrebbe essere prodotta con le innovative “unità di conversione” che utilizzano il moto ondoso per produrre elettricità.

La “chiave di volta” del progetto PolyWec risiede in alcuni materiali, gli “elastomeri elettro attivi”, definizione scientifica che indica i materiali usati e che già nel suono ricorda gli elastici. Gli “elastomeri” sono gomme resistenti alla corrosione provocata dalle acque marine e disponibili a bassissimo costo.

La loro peculiarità è nella loro resistenza alla deformazione delle onde e nella capacità di convertire l’energia elastica in elettrica. L’obiettivo di Polywec è sviluppare “unità di conversione”, in pratica “generatori”, realizzati per intero da componenti in gomma leggeri e reperibili a prezzi molto contenuti. In tal modo sarà possibile produrre energia elettrica in maniera da rendere sostenibile l’investimento, anche nei mari caratterizzati da un moto ondoso non eccessivo come appunto il Mediterraneo.

Il progetto PolyWec sta mettendo a punto diverse configurazioni di “trasduttori ad elastomero elettroattivo”, i sistemi che permettono di convertire l’energia del mare in elettricità, pronti ad adattarsi a mari ondosi e a caratteristiche di fondale differenti, utilizzando anche nuovi materiali a base di gomma naturale, mentre gomme acriliche e siliconi sono analizzati e sintetizzati per migliorare le caratteristiche di efficienza dei generatori che saranno sviluppati e che saranno in grado di aumentare le loro prestazioni.

Come sottolineano i ricercatori Marco Fontana e Rocco Vertechy , “PolyWEC ha un’impronta altamente multidisciplinare e coinvolge esperti le cui competenze oscillano dalla fluidodinamica delle onde, alla chimica molecolare, alla meccatronica.

Il consorzio di collaboratori vede alla guida la Scuola Superiore Sant’Anna ed è composto dal Wave energy center (Wavec) di Lisbona e dall’Università di Edimburgo, riconosciuti come due dei più importanti centri europei specializzati sulle tematiche collegate al ricavare energia delle onde del mare, insieme al Dipartimento di chimica molecolare del “Petru Poni Institute” di Iasi in Romania e all’azienda Selmar del La Spezia, operante nel settore della nautica.

Copyright © - Riproduzione riservata
Elastici che producono corrente elettrica grazie all’energia del moto ondoso Ingegneri.info