Elettricita', giu' la fonti fossili su le rinnovabili | Ingegneri.info

Elettricita’, giu’ la fonti fossili su le rinnovabili

wpid-21388_domandaenergiaelettrica.jpg
image_pdf

Nel 2013 sia la produzione interna sia i consumi elettrici evidenziano un calo, rispettivamente, del 3,6% e del 3,4%, che appare correlato alla crisi economica più che a incrementi di efficienza negli usi finali o spostamenti verso altri vettori energetici.

È quanto sottolinea Assoelettrica presentando i principali dati congiunturali sul settore elettrico italiano durante il convegno “Elettricità futura – crescita sostenibile e sviluppo del settore elettrico”. In particolare, la riduzione della produzione interna è molto più accentuata rispetto a quanto accade negli altri Paesi europei. Costante invece si mantiene il saldo estero. In questo quadro continua la crescita della produzione da fonti rinnovabili a fronte del continuo calo della produzione termoelettrica da altre fonti.

La produzione da fonti rinnovabili è passata in un anno da 90,2 TWh a 108,9 TWh (+18,6 TWh), mentre quella da fonti tradizionali è scesa da 195,6 a 166,7 TWh (-28,8 TWh).

Lo sviluppo delle fonti rinnovabili è certamente afferibile a fenomeni naturali – come dimostrato dall’incremento della produzione idroelettrica – ma è chiaramente accompagnato dalle politiche di sostegno ed incentivazione: nel 2013 gli oneri derivanti da questi incentivi sono cresciuti di 1,6 miliardi di euro rispetto al 2012.

La riduzione della produzione da fonti fossili ha comportato – come effetto ambientale di pronta possibilità di verifica – la positiva riduzione delle emissioni climalteranti, sia come emissioni totali, sia come emissioni medie. Infine si registra la riduzione della penetrazione elettrica rispetto al 2012, unitamente alla riduzione dell’energia primaria impiegata per unità di Pil.

Copyright © - Riproduzione riservata
Elettricita’, giu’ la fonti fossili su le rinnovabili Ingegneri.info