A Ecomondo 2016 focus su bioindustria e monitoraggio ambientale | Ingegneri.info

A Ecomondo 2016 focus su bioindustria e monitoraggio ambientale

Debuttano a Ecomondo 2016, dall'8 all'11 novembre 2016, la nuova sezione Monitoring and Control e un focus internazionale per il rilancio di agricoltura e settore marittimo in un'ottica di economia circolare. I dettagli

Bioindustria
image_pdf

Nell’ambito dell’Economia circolare grande importanza riveste la bioeconomia, che in Italia raggiunge un giro d’affari di oltre 250 miliardi di euro, principalmente rappresentati dai settori agroalimentare e bioraffinerie. Se ne parla ad Ecomondo 2016, mercoledì 9 novembre, nell’ambito del convegno internazionale ‘Horizon 2020 and the bio-based industries joint undertaking (BBI JU): opportunities for jobs and growth in the mediterranean region’, organizzato con la Commissione Europea (Direttorato Ricerca ed Innovazione) e l’iniziativa Public Private Partnership Biobased Industry (BBI JU). L’incontro punta ad indicare le sfide e le opportunità per la bioeconomia e le bioindustrie nei paesi del Mediterraneo e le azioni da intraprendere perché il settore possa crescere valorizzando le sue risorse locali, anche grazie alle opportunità di sostegno alla ricerca e innovazione offerte dalla partnership pubblico-privata BBI JU e Horizon 2020.

Partecipano all’evento il direttore del pilastro Bioeconomia della Commissione Europea, Dr. John Bell, il direttore della BBI JU, Dr. Philippe Mengal unitamente ai primi referenti della Presidenza del Consiglio dei ministri e dei ministeri Ricerca, Agricoltura, Sviluppo economico e Ambiente.

Bioeconomia e bioindustria rappresentano un’opportunità di primo piano per la crescita e l’occupazione in Europa, ma l’Area mediterranea sconta ancora ritardi su questo fronte a confronto con i territori del nord Europa. Ciò, nonostante la vocazione agricola e lo sviluppo di settori come la pesca che potrebbero essere sfruttati in termini di industria bio-based per lo sviluppo di prodotti sostenibili.

Il focus sul Mediterraneo si articola ad Ecomondo anche in altri due appuntamenti. L’eco-innovazione e modelli di business sostenibili applicati all’industria alimentare connessa al sistema delle acque interne nell’area del Mediterraneo saranno al centro del convegno ‘Sustainable food and water nexus in the Mediterranean area’, in programma martedì 8 novembre (ore 14-18, Sala Biobased Industry) a cura di MIUR, MiPAAF-CREA, MATTM-ISPRA, Cluster Tecnologico nazionale Agro-Food, FEDERALIMENTARE, al quale è stato invitato a partecipare il Ministro Stefania Giannini.

‘Research and innovation initiative for blue jobs and growth in the Mediterranean’ è infine il titolo del convegno, organizzato in collaborazione con la Commissione Europea, in programma per la giornata di giovedì 10 novembre e volto a presentare il progetto Bluemed initiative, che vede coinvolti alcuni dei Paesi membri dell’Unione Europea, nella ricerca di una gestione e valorizzazione sostenibile delle risorse marine e dei settori marittimi del Mediterraneo.

Una nuova area espositiva interamente dedicata ai monitoraggi ambientali sulle acque, terreni e aria debutta quest’anno ad Ecomondo: Monitoring & Control nasce in un’ottica di comune denominatore dei vari ambiti dell’economia circolare, tutti implicati con il rilascio di autorizzazioni, limiti di emissioni, controlli di qualità, gestione della salute umana. Per la prima volta in Italia, i professionisti del settore trovano una piazza comune, per confrontarsi su problemi e soluzioni connessi a misurazioni di concentrazioni di sostanze sulle matrici di aria, liquidi, materiali. Un percorso che si prefigge di ampliare la conoscenza e la cultura legata al monitoraggio ambientale.

A Rimini Fiera, durante Ecomondo, oltre a raccogliere gli espositori del settore in una apposita area, saranno proposti convegni, esposizione poster, seminari per fornire soluzioni e interpretazioni sia sugli obblighi normativi che preventivi della salute. Tra gli argomenti che verranno affrontati, le novità sulla normativa tecnica sugli strumenti automatici di misura del particolato (Pm), il monitoraggio degli impianti a biomasse, un approfondimento sulle emissioni dalle stufe a Pellet e quello sul campionamento in continuo delle diossine. Da segnalare il convegno dedicato al ‘Ruolo della Polizia municipale nei monitoraggi ambientali’ (11 novembre, ore 14-15), mentre un altro appuntamento avrà per tema ‘Strategie di monitoraggio ambientale e analisi del rischio negli interventi di soccorso Nucleare, Biologico, Chimico e Radiologico (NBCR) dei Vigili del Fuoco’. Il tema dei campionamenti di microinquinanti a lungo termine sarà invece affrontato con il coinvolgimento dei referenti di diverse sezioni Arpa italiane.

Leggi anche: Che cosa sono i Project Bond per il finanziamento ambientale?

Copyright © - Riproduzione riservata
A Ecomondo 2016 focus su bioindustria e monitoraggio ambientale Ingegneri.info