Patrimonio edilizio e terremoti: il programma di Sismaexpo 2017 | Ingegneri.info

Patrimonio edilizio e terremoti: il programma di Sismaexpo 2017

Dopo il successo del 2012, Sismaexpo si ripropone dal 20 al 22 settembre a Ferrara: conoscere, curare e costruire il patrimonio edilizio

sismaexpo
image_pdf

1997, 2002, 2009, 2012, 2016 e 2017: anni in cui il terremoto, evento naturale, ha messo in crisi il nostro Paese ed i fabbricati che ivi sorgono. La cultura della prevenzione passa attraverso la conoscenza del territorio.
Conoscere è il primo passo verso la mitigazione del rischio sismico ed è proprio questo uno dei temi che sarà affrontato dal 20 al 22 settembre 2017, a Ferrara, in occasione del Sismo – RemTechExpo.
Dopo il successo della prima edizione del 2012 è stata necessaria una pausa per mettere a frutto l’esperienza maturata e la drammatica concomitanza con il sisma in Emilia.
A distanza di 4 anni e dopo l’ennesimo terremoto devastante che trova il nostro Paese impreparato, gli organizzatori ritengono sia doveroso nel 2017 che SISMO ritorni a completare la manifestazione dedicata alla protezione del nostro territorio, RemTechExpo.

A chi è rivolto?
SISMO si rivolge a gestori di immobili, amministrazioni, gruppi immobiliari, assicurazioni, arranger finanziari, cittadini, professionisti, aziende (tra cui know-how, tecnologie innovative e lavoro), mondo accademico e della ricerca.

Quali temi saranno trattati?
Il tema sarà Patrimonio edilizio e terremoto. Conoscere, curare, costruire.
• Il rischio e le possibilità di mitigarlo;
• conoscere gli strumenti finanziari e assicurativi idonei (ad esempio il Sismabonus);
• conoscere gli ambiti normativi e burocratici.
Saper CONOSCERE, imparare.
• Confronto diretto e biunivoco tra domanda e offerta;
• formazione professionale e tecnica di altissimo livello;
• B2B dedicato;
• applicazione di tecnologie e professionalità;
• studio delle soluzioni;
• confronto con i legislatori: sono alle porte le nuove Norme Tecniche delle Costruzioni
• case history.
Saper CURARE, prendersi cura.
• Proposte di futuro e documento d’intenti;
• dialogo con le istituzioni;
• finestra su esperienze nazionali e internazionali;
• esperienze virtuose.
COSTRUIRE il futuro.

Nell’ultima giornata, a cura dell’Associazione Ingegneria Sismica Italiana si tratterà il tema il tema “Edifici esistenti e rischio sismico: prospettive, esperienze, politiche virtuose” (leggi l’intervista all’ing. Barocci qui).

A conclusione si svolgerà una tavola rotonda dedicata a tutti i soggetti coinvolti nella gestione e mitigazione del rischio sismico e sarà redatto, in quella sede, un documento d’intenti da condividere, conservare e far crescere nei mesi successivi.

I contenuti delle giornate saranno aggiornati e caricati sulla pagina Facebook e sul sito.

In allegato, il programma dell’evento.

Copyright © - Riproduzione riservata
Patrimonio edilizio e terremoti: il programma di Sismaexpo 2017 Ingegneri.info