Recenti metodologie per la progettazione di strutture resistenti all'incendio | Ingegneri.info

Recenti metodologie per la progettazione di strutture resistenti all’incendio

wpid-2988_progettazionedistruttureresistentiincendio.jpg
image_pdf

Dalle ore 13.30 alle 18.00 del prossimo 20 febbraio, presso l’Aula De Donato del Politecnico di Milano, l’associazione Gruppo Italiano Sewc (Structural engineering world conference) organizza il congresso dedicato alla progettazione di strutture resistenti all’incendio con riferimento anche agli indirizzi del workshop “Structural Fire Design” tenuto a Bruxelles a fine novembre 2012.

Nel corso del convegno i fondamenti e gli aspetti salienti di questa tematica verranno esposti, anche con esempi di applicazione, da specialisti del settore per le varie tipologie strutturali: calcestruzzo, acciaio, compositi acciaio-calcestruzzo, muratura, legno.

Tali metodologie sono in primo luogo basate sul regime termico prodotto dal così detto incendio naturale, ossia generato dal materiale che può realmente bruciare presente nel compartimento, in contrasto con quello dell’incendio standard che è correlato a temperature completamente astratte.

In dettaglio, le attuali analisi per la resistenza all’incendio delle strutture si sviluppano secondo le seguenti fasi:

– la definizione degli scenari possibili della distribuzione nell’ambiente delle temperature generate dalla quantità e dal tipo di materiale che può effettivamente bruciare tenendo conto anche della presenza dell’aria che determina il grado di combustione

calcolo della evoluzione delle temperature raggiunte dalle varie parti delle sezioni resistenti tenendo conto dei parametri dei materiali che governano questo fenomeno

– calcolo delle conseguenti variazioni dei parametri di resistenza e di elasticità dei materiali

analisi delle strutture con i parametri di cui sopra e tenendo conto della relativa capacità di ridistribuzione delle azioni (analisi elasto-plastica) o anche in regime di grandi spostamenti in grado di mobilitare schemi resistenti alternativi.

Le resistenze all’incendio ottenute con questa metodologia sono state confermate da prove al vero su varie tipologie strutturali; come caso emblematico si citano parcheggi con impalcati compositi in acciaio calcestruzzo che non sono collassati a causa dell’incendio di vari tipi di autovetture che si è naturalmente propagato dalla prima a quelli adiacenti.

 Scarica la locandina

Copyright © - Riproduzione riservata
Recenti metodologie per la progettazione di strutture resistenti all’incendio Ingegneri.info