Rome Energy Meeting  2006 Roma 24 Novembre 2006 | Ingegneri.info

Rome Energy Meeting  2006 Roma 24 Novembre 2006

wpid-RomeEnergyMeeting2006.jpg
image_pdf

Rome Energy Meeting  2006
Roma 24 Novembre 2006

Giunto alla sua terza edizione, il REM è ormai l’appuntamento più rilevante che raccoglie esperti dall’Italia e da ogni parte del mondo a discutere della componente chiave dell’economia moderna: l’energia.
Il Rome Energy Meeting del 2006 giunge in una fase delicata, dopo un periodo di grandi cambiamenti e di impreviste evoluzioni nel comparto.
Sia in Europa che in Italia, il mercato energetico è stato trasformato dalla privatizzazione delle grosse compagnie energetiche (ancora fortemente in mano pubblica) e dall’enfasi che la competizione ha scatenato intorno ai possibili vantaggi che ne potrebbero derivare ai consumatori. Le compagnie, ora private, sono più esposte alla competizione sia interna che internazionale, data la larga diffusione degli azionisti anche internazionali.
La creazione delle Autorità di Regolazione ha inaugurato una fase nuova negli assetti normativi italiani. Non a caso “Lo stato dell’industria Energetica Italiana, le sue strategie e obiettivi e la situazione delle aziende privatizzate nel complesso della globalizzazione espansiva” è il titolo di una delle più importanti aree di discussione nella Tavola Rotonda del REM 2006.
Il prezzo del petrolio è salito a livelli mai raggiunti prima. Il suo prezzo è spinto verso l’alto, con gran velocità, dalla forte domanda, dalle incertezze politiche, dalla guerra e dalla capacità dei mercati futuri (discount). È per questo motivo che il nodo intorno al quale ruotano le sessioni della nuova edizione del REM, è la valutazione del livello di prezzo dell’energia. Una valutazione che deve comprendere i punti di vista dell’industria, dei produttori e dei consumatori.
Il prezzo del petrolio ed i suoi cambiamenti. Cosa influisce a determinarlo e con quali conseguenze per l’economia e per la struttura finanziaria dell’industria energetica e del Mondo intero, visto l’enorme flusso di denaro che coinvolge i Paesi produttori di petrolio e le loro aziende.
Temi che hanno effetto anche sulla scelta di nuove aree di esplorazione, sulla sicurezza e la gestione degli approvvigionamenti e sul ruolo delle compagnie petrolifere, sempre più spesso dominate da scelte finanziarie e dai nuovi poteri degli azionisti.
L’elevato prezzo del petrolio ha inciso in modo sostanziale anche sulla richiesta di gas – il competitore principale del petrolio – che ha accelerato l’espansione nel mercato, nel quale era già presente per il riscaldamento e la produzione del vapore.
Domanda di gas accresciuta dallo sviluppo del sistema del trasporto, che oggi sta creando un mercato internazionale aperto, diverso dal precedente che poggiava sui grandi gasdotti internazionali.
Una rivoluzione multilaterale, che ha creato nuovi obiettivi, cercando di fornire una chiara comprensione di un ambiente così complesso e aprendo così le vie alle opzioni politiche e operative.
Anche quest’anno, una intera sessione – “Eco Energy Meeting”, promossa da ItalSystem for Environment, sarà interamente dedicata altema delle energie rinnovabili e del mercato internazionale dei certificati verdi. Il progresso e le implementazioni degli obiettivi di Kyoto e la creazione del cosiddetto mercato “verde”, sul quale sono puntate lesperanze per un miglior controllo dell’inquinamento e del clima.
Questi grandi temi, nel Rome Energy Meeting, saranno discussi dai paesi produttori e consumatori, dai rappresentanti dei Governi e della Comunità Europea, dai rappresentanti delle industrie internazionali energetiche e dagli esperti internazionali.
Una discussione serena ed informativa, che porterà nuove idee ed opportunità. Gli ingredienti ideali per aumentare la conoscenza ed intravedere soluzioni per il futuro dell’energia.

Scarica il programma – 1,42 MB
Scarica la scheda di iscrizione – 136 KB

Copyright © - Riproduzione riservata
Rome Energy Meeting  2006 Roma 24 Novembre 2006 Ingegneri.info