Seismic Academy 2016: cosa è emerso durante la IV edizione? | Ingegneri.info

Seismic Academy 2016: cosa è emerso durante la IV edizione?

Data la forte attualità del tema rischio sismico, la Seismic Academy, organizzata da Hilti, ha avuto un’ampia partecipazione e grande successo. Qui di seguito un focus su quanto è stato detto

Joaquim Sardà, Direttore Generale di Hilti Italia
Joaquim Sardà, Direttore Generale di Hilti Italia
image_pdf

Lo scorso 27 ottobre, accolta dalla suggestiva cornice del Museo della Scienza e Tecnologia di Milano, si è svolta la IV edizione del Convegno Nazionale Seismic Academy, organizzata da Hilti Italia per dibattere sulla prevenzione e sul rischio sismico in Italia, argomento più che mai di forte attualità dopo i recenti episodi sismici che hanno colpito l’Italia Centrale.

Il Seminario è diventato negli anni un vero punto di riferimento per discutere e divulgare informazioni in merito alle ricerche effettuate ed alle innovazioni in materia e per sensibilizzare maggiormente l’opinione pubblica sulla prevenzione. Un palcoscenico d’eccezione che ha visto protagonisti esponenti accademici ed illustri esperti nel settore provenienti da diversi Paesi del mondo, i quali hanno coinvolto la platea di ingegneri e professionisti edili con interventi dedicati allo studio, all’analisi e alla ricerca di nuove soluzioni antisismiche.

Il messaggio del Convegno: aumentare la consapevolezza delle persone

La IV Edizione si è aperta con il benvenuto ai presenti del Direttore Generale di Hilti Italia Joaquim Sardà che, dopo aver effettuato una breve panoramica sul Gruppo Hilti, sulla mission e sui valori aziendali, ha ricordato l’importante anniversario della nascita del gruppo con i 75 anni di grande successo ed esperienza nel settore dell’edilizia. Sardà ha evidenziato la vicinanza e la particolare sensibilità di Hilti al tema del rischio e della prevenzione sismica così in Italia come negli altri Paesi del Mondo, e come grazie all’attività di ricerca che svolge costantemente, riesca a fornire un piccolo ma grande contributo per rendere le costruzioni più sicure e più resistenti agli eventi sismici. Al termine dell’intervento, il Direttore Generale ha sottolineato il messaggio che dovrà emergere dal Convegno, ossia che non è solo necessario sviluppare prodotti o metodi di calcolo innovativi, ma è importante aumentare la consapevolezza delle persone, dai cittadini ai professionisti ed alle istituzioni, sulla ricerca e prevenzione sismica, aiutandoli ad individuare le migliori soluzioni per rendere le costruzioni più sicure.

Un patrimonio immobiliare da mettere in sicurezza per limitare il rischio sismico: la situazione italiana

A seguire, a rappresentanza dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Milano, partner di Hilti per il Convegno, è intervenuto l’Ingegner Bruno Finzi che ha messo in luce come in Italia più della metà delle 35 milioni di abitazioni siano state costruite dal dopoguerra in poi e come pertanto sia necessario intervenire su costruzioni realizzate con materiali spesso non adeguati a supportare azioni sismiche. Ha inoltre sottolineato l’importanza di intervenire sul patrimonio costruito per adeguare e migliorare la risposta delle strutture alla sollecitazione sismica, al fine di limitare rischi di crolli e cedimenti. Sempre a rappresentanza delle partnership di Hilti, di notevole interesse l’intervento di Alessandro De Felice, Presidente di ANRA – Associazione Nazionale dei Risk Manager – che dopo una breve introduzione dell’Associazione ha focalizzato l’attenzione dei presenti sulla valutazione e sull’importanza di realizzare azioni di controllo volte a mitigare il rischio, affinché la volatilità stimata sui risultati aziendali possa essere il più possibile contenuta.

Gli interventi dei docenti delle Università italiane

  • L’intervento del Prof. Luigi Pastorelli, Università Tor Vergata di Roma

Dal forte spessore accademico, il Seminario ha visto la presenza di numerosi docenti di Università italiane impegnate nella ricerca e nella assicurazione del rischio. Il primo accademico a salire sul palco di Seismic Academy è stato il Prof. Luigi Pastorelli, docente all’Università Tor Vergata di Roma, che ha dato una definizione di evento catastrofale e di come le normative e le riassicurazioni assumano sempre di più un ruolo di importanza di fronte a questi eventi. Le nuove normative hanno infatti la capacità di cambiare la sostenibilità finanziaria e la capacità delle aziende di assicurare e riassicurare eventi di questo tipo. Il nuovo approccio del mondo riassicurativo è volto ad individuare determinati indici di sinistralità che possono prodursi durante un evento catastrofale, facendo riferimento alle attività di Data Scientist e di Data Analyst ovvero alla figura del valutatore del rischio. Il Prof. Pastorelli ha concluso l’intervento affermando che i suddetti indici di sinistralità trasferiscono il rischio sul mercato finanziario.

  • L’intervento del Prof. Gian Michele Calvi, IUSS di Pavia

Un grande contributo anche dal Prof. Gian Michele Calvi, docente alla IUSS di Pavia, con un intervento inerente alle tematiche della vulnerabilità e del rischio sismico in Italia, un tema di estrema attualità in considerazione del fatto che il nostro Paese presenta diverse criticità e ha numerose aree a rischio sismico. Partendo dall’analisi del rischio, il prof. Calvi ha illustrato un modello in cui si combinano l’analisi strutturale dell’edificio, l’analisi del danno atteso e l’analisi delle perdite e dei costi per arrivare ad una valutazione della performance totale di un edificio. In conclusione sono stati forniti spunti per migliorare i codici attuali e per fornire un approccio che combini la performance dell’edificio con il risparmio in termini economici.

La case study su uno stabilimento produttivo di cavi sottomarini presente in provincia di Napoli: ne ha parlato l’Ing. Marco Pisciotta di Prysmian

La sessione mattutina è terminata con l’Ingegner Marco Pisciotta di Prysmian che, dopo aver introdotto la sua realtà imprenditoriale, ha presentato un caso studio realizzato dall’Azienda per uno stabilimento produttivo di cavi sottomarini presente in provincia di Napoli, territorio con elevata criticità sismica. Lo stabile è stato oggetto di attente analisi sia per quanto concerne l’area geologica in cui erano posti gli edifici, sia dal punto di vista strutturale dove vi era una carenza di manutenzione e alcune criticità per quanto riguarda il materiale della struttura stessa. Pisciotta ha infine illustrato come dall’analisi del rischio sismico si sia potuti passare alla definizione di misure di mitigazione.

Comprendere il comportamento dei prodotti passivi al fuoco durante le fasi dell’attività sismica: ne ha parlato il Dott. Paul Langford, Head of BU Chemicals di Hilti AG

Dopo la pausa, la sessione pomeridiana ha avuto inizio con il Dott. Paul Langford, Head of BU Chemicals di Hilti AG, con una panoramica sulle installazioni tipologiche di elementi non strutturali che, a seguito di un’attività sismica, possono presentare un aumento dei rischi in presenza di incendio. L’intervento ha evidenziato l’impegno di Hilti nel condurre test determinati a comprendere il comportamento dei prodotti passivi al fuoco durante le fasi dell’attività sismica, per verificarne la resistenza alla penetrazione al fumo in condizioni post terremoto.

Ancora interventi dal mondo accademico italiano ed internazionale 

  • Il Prof. Alper Ilki, docente della Istanbul Technical University

Dal mondo accademico internazionale, il docente della Istanbul Technical University, Alper Ilki, ha presentato il suo intervento dal titolo Adeguamento sismico delle strutture esistenti con test di laboratorio, attraverso il quale sono stati esaminati degli edifici, alcuni già adeguati a livello sismico ed altri ancora da adeguare. Il Professore ha focalizzato il proprio intervento sull’indagine sperimentale sulle strutture in calcestruzzo soggette a sisma e come poter intervenire per diminuire il rischio di cedimenti. 

  • Il Prof. Gabriele Novembri, Università La Sapienza di Roma parla di BIM

Innovazione anche sotto l’aspetto informatico grazie all’intervento del Prof. Gabriele Novembri, docente all’Università La Sapienza di Roma, che ha focalizzato la sua presentazione sull’approccio progettuale BIM (Building Information Modeling), utilizzato dalle grandi compagnie di costruzione con lo scopo di migliorare e aumentare la produttività di progettazione, gestione e realizzazione di un progetto. Il Prof. Novembri ha sottolineato l’obiettivo del BIM quale strumento per “spostare” la curva della progettazione sempre più verso il minor impatto dei costi durante le varianti di un progetto.

  • Il Prof. André Filiatrault, State University of New York di Buffalo e IUSS di Pavia

Direttamente dalla State University of New York di Buffalo e dalla IUSS di Pavia, il Prof. André Filiatrault ha sviluppato il proprio intervento incentrandolo sui componenti non strutturali antisismici e sull’utilità della progettazione BIM degli stessi. Le performance di un edificio in presenza di sollecitazioni telluriche sono da valutarsi in termini di resistenza ed in termini di fruibilità dello stesso. Studi ed analisi svolte hanno permesso di comprendere meglio l’effettivo comportamento di queste componenti ed ottimizzare la progettazione funzionale degli stessi.

Migliorare la vulnerabilità sismica degli impianti antincendio: intervento dell’Ing. Luca Zeni di FM Global

Dal mondo assicurativo, un contributo importante è stato fornito dall’Ing. Luca Zeni che, dopo aver presentato l’attività di FM Global, compagnia assicurativa specializzata nel ramo danni industriali e commerciali da quasi 200 anni, ha concentrato l’intervenuto sulla possibilità di migliorare la vulnerabilità sismica degli impianti antincendio, senza dover supportare necessariamente costi elevati. Ha infine presentato l’FM Global Data Sheet 2-8, un sistema di protezione sismica dei sistemi antincendio che minimizza le probabilità di fuori servizio, oltre che i potenziali danni dovuti dalla presenza di acqua sulle apparecchiature.

  • Sara Cattaneo, docente al Politecnico di Milano

A terminare la sessione pomeridiana di Seismic Academy la Prof. Sara Cattaneo, docente al Politecnico di Milano, che ha basato il proprio intervento sulla prequalifica di ancoranti per l’impiego in zona sismica, facendo una panoramica dell’evoluzione normativa e sottolineando l’importanza di identificare correttamente un ancorante certificato sismicamente.

A moderare l’intero convegno introducendo gli interventi dei relatori, l’Ing. Alberto Casagrande, responsabile dei contenuti tecnici di Seismic Academy. Casagrande ha chiuso il Convegno ringraziando gli ospiti intervenuti, sottolineando infine l’importanza della prevenzione per limitare i rischi nelle aree ad elevata attività sismica.

Nell’anno in cui l’Azienda compie 75 anni dalla sua fondazione, attraverso questo importante Convegno Nazionale, conferma la sua mission e l’impegno che da anni porta avanti per essere, anche nel futuro, la protagonista indiscussa anche nel campo della prevenzione e protezione sismica.

Per conoscere e approfondire le novità in tema antisismico, visitate il nuovo blog di Ingegneria di Hilti Italia.

Copyright © - Riproduzione riservata
Seismic Academy 2016: cosa è emerso durante la IV edizione? Ingegneri.info