Detrazione fiscale per gli interessi sul mutuo "prima casa" | Ingegneri.info

Detrazione fiscale per gli interessi sul mutuo “prima casa”

wpid-17141_detrazioneivaauto.jpg
image_pdf

In caso di acquisto “prima casa” l’acquirente potrà beneficiare di una detrazione fiscale pari al 19% (calcolato fino a un limite massimo di 4.000 euro; conseguentemente la detrazione fiscale massima ottenibile in sede di dichiarazione dei redditi/730 dal sostenimento di questi oneri è pari ad 760 euro, per meglio dire il 19% di 4.000 euro degli interessi passivi e relativi oneri accessori, corrisposti in dipendenza di mutui ipotecari contratti per l’acquisto dell’abitazione principale, comprese le relative pertinenze.


Tabella: i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate contenuti nella Circolare n. 13/E del 9 maggio 2013


Nel caso in cui precedentemente all’acquisto venga sottoscritto un preliminare di compravendita lo stesso ai fini fiscali dovrà essere registrato (art 10 DPR 131/1986- Finanziaria 2007) entro i 20 giorni successivi dalla stipula dell’atto stesso con applicazione dell’imposta fissa di Euro 168,00 (codice tributo 109T) oltre all’imposta di registro proporzionale nelle misure dello 0,50% sull’importo della caparra e del 3% sull’importo dell’acconto (codice tributo 104T).

L’obbligo della registrazione del preliminare ricade sulle parti e in maniera solidale sull’agente immobiliare intervenuto, pertanto, indipendentemente dalle previsioni contrattuali, l’Agenzia delle Entrate, può scegliere il soggetto dal quale pretendere il pagamento. Le imposte pagate per la registrazione del preliminare verranno scomputate all’atto notarile fornendo al notaio copie in originali dei pagamenti effettuati.

Per effettuare la registrazione è necessario prima di tutto il versamento delle imposte presso banca o ufficio postale mediante la presentazione allo sportello del modello F23 in triplice copia sul quale andranno riportati i dati dell’acquirente e del venditore.

 

Copyright © - Riproduzione riservata
Detrazione fiscale per gli interessi sul mutuo “prima casa” Ingegneri.info