Detrazione Iva delle auto, componenti e ricambi | Ingegneri.info

Detrazione Iva delle auto, componenti e ricambi

wpid-19976_Autoaziendale.jpg
image_pdf

Si ricorda che la Legge Finanziaria 2008 (Legge 24 dicembre 2007, n. 244), con effetto dal 28 giugno 2007, ha riformulato la lettera c) dell’art. 19-bis1 del DPR n. 633/1972, sulla limitazione del diritto alla detrazione dell’IVA sull’acquisto o importazione di mezzi di trasporto, componenti e ricambi, al fine di meglio adeguare la normativa interna alle indicazioni contenute nella decisione del Consiglio europeo del 18 giugno 2007.

È ora prevista la detrazione nella misura del 40% dell’imposta relativa all’acquisto o importazione (nonché dei relativi componenti e ricambi) dei “veicoli stradali a motore”, ossia “tutti i veicoli a motore, diversi dai trattori agricoli o forestali, normalmente adibiti al trasporto stradale di persone o beni la cui massa massima autorizzata non supera 3.500 kg e il cui numero di posti a sedere, escluso quello del conducente, non è superiore a otto” che “non sono utilizzati esclusivamente nell’esercizio dell’impresa, dell’arte o della professione”.

NB: è stata, inoltre, eliminata la previsione diretta a escludere la prova contraria nel caso in cui si eserciti il diritto alla detrazione in misura superiore al 40%. Si precisa, inoltre, che ai sensi del comma 255 dell’art. 1 della stessa legge, l’Agenzia delle entrate effettuerà dei controlli sui contribuenti che detrarranno più del 40% dell’IVA.

NB: la detrazione del 40% torna applicabile anche ai veicoli elettrici per i quali prima del 28 giugno 2007 era prevista la detrazione nella misura del 50%.

È comunque possibile procedere alla detrazione IVA del 100% nei seguenti casi:

  1.  il veicolo rientra nell’oggetto dell’attività propria del soggetto passivo nell’esercizio della sua attività;
  2.  il veicolo viene utilizzato come taxi;
  3.  il veicolo viene utilizzato ai fini di formazione da una scuola guida;
  4.  il veicolo viene utilizzato per noleggio o leasing;
  5.  il veicolo viene utilizzato da rappresentanti di commercio.

NB: la normativa attuale non esclude la possibilità di una detrazione totale dell’imposta a condizione che sia dimostrabile un utilizzo esclusivo del mezzo di trasporto nell’ambito dell’attività di impresa o professionale. Ad oggi non è stato chiarito quale possa essere il “mezzo di prova” da esibire in corso di eventuale controllo da parte dell’Amm. Fin.

NB: l’IVA relativa all’acquisto e importazione di carburanti e lubrificanti destinati ai mezzi di trasporto richiamati precedentemente, nonché alle prestazioni di cui all’art. 16, comma terzo, del DPR n. 633/1972 (leasing, noleggio e simili), nonché relativa alle prestazioni di custodia, manutenzione, riparazione e impiego, compresi i pedaggi autostradali, è ammessa in detrazione nella stessa misura in cui è ammessa in detrazione l’imposta relativa agli anzidetti mezzi di trasporto.

 

Copyright © - Riproduzione riservata
Detrazione Iva delle auto, componenti e ricambi Ingegneri.info