Gli appalti pubblici irregolari sono triplicati nel 2016 | Ingegneri.info

Gli appalti pubblici irregolari sono triplicati nel 2016

Pubblicati i dati della Guardia di Finanza: illegalità per oltre 3,4 miliardi di euro nel 2016

appalti_irregolari
image_pdf

I dati parlano chiaro e non possono essere smentiti: nel 2016 sono stati scoperti appalti pubblici irregolari per un valore complessivo di 3,4 miliardi di euro, più del triplo del valore di quelli illegali scoperti nel 2015 (un miliardo). E’ questo uno dei risultati più importanti che emerge dal rapporto annuale della Guardia di Finanza. I controlli sulle irregolarità negli appalti pubblici hanno consentito di denunciare 1.866 persone e di arrestarne 140. Sono stati inoltre sequestrati 781 milioni da evasione fiscale e frodi all’Iva.

Per non parlare degli sprechi nella Pubblica Amministrazione e nella gestione irregolare dei fondi pubblici, che nel 2016 hanno provocato all’Erario dello Stato un danno quantificabile in oltre 5,3 miliardi, oltre un miliardo e 300 milioni in più dell’anno precedente, quando il danno patrimoniale ammontava a 4 miliardi. Il dato è il frutto di 2.058 accertamenti svolti su delega della Corte dei Conti. Complessivamente sono stati segnalati alla magistratura contabile 8.067 soggetti.

Importanti, invece, gli sforzi e l’attività svolti dalla Guardia di Finanza nei confronti della criminalità organizzata: l’anno scorso le Fiamme Gialle hanno confiscato alle cosche beni per 2,6 miliardi di euro e sequestrato 281 aziende. Nel corso dell’anno i finanzieri hanno anche sequestrato 180 milioni di prodotti illegali perché contraffatti, piratati o pericolosi, per un valore complessivo di 2,4 miliardi di euro.

Altro capitolo, il sistema previdenziale e sanitario nazionale: la Gdf ha individuato truffe per 158 milioni di euro (8.926 persone denunciate, 87 delle quali finite in arresto). Scoperta anche una “voragine” creata da individui che hanno ottenuto finanziamenti pubblici illeciti dallo Stato italiano e dalla Comunità Europea: 775 milioni di euro, che hanno portato alla segnalazione ai magistrati di 3.066 imprenditori e privati cittadini. Irregolari, inoltre, due ticket sanitari su tre. Dai 12.803 controlli fatti per verificare la sussistenza dei requisiti di legge previsti per ottenere le prestazioni sociali agevolate e l’esenzione del ticket sanitario, emerge un dato allarmante: il 66% delle prestazioni prese in esame era irregolare. In due casi su tre, dunque, il paziente non ne aveva diritto oppure non aveva diritto all’esenzione completa. Per lo Stato si tratta di un danno quantitativamente contenuto da 6 milioni di euro, ma che ben racconta un malcostume diffuso di proporzioni ben maggiori.

Da un punto di vista penale, il Rapporto rendiconta l’esito delle quasi 4.000 indagini svolte nel 2016 su tutto il territorio italiano su dipendenti e funzionari pubblici per reati ed altri illeciti contro la Pubblica Amministrazione: 4.031 denunciati, di cui 241 arrestati; la metà dei denunciati è accusata di abuso di ufficio, il 21% di peculato, il 23 per cento di corruzione e concussione.

Infine, nel 2016 la Guardia di Finanza ha individuato 2 mila casi di frodi Iva, 1.663 quelli di evasione fiscale internazionale, con il sequestro di disponibilità patrimoniali e finanziarie per 781 mln di euro. Sono stati 1 milione gli interventi realizzati lo scorso anno dalla polizia economica e finanziaria; oltre 19 mila i lavoratori in nero e irregolari scoperti. Dai dati, infatti, risulta che 4.629 datori di lavoro hanno impiegato 10.449 individui in “nero” e 8.766 lavoratori irregolari. Nell’arco di un anno di attività, i Finanzieri hanno effettuato complessivamente un milione di interventi.

Leggi anche: Anac: approvato il nuovo regolamento di vigilanza sui contratti pubblici

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Gli appalti pubblici irregolari sono triplicati nel 2016 Ingegneri.info