Indice sintetico di affidabilità fiscale per le costruzioni: il parere dell'Ance | Ingegneri.info

Indice sintetico di affidabilità fiscale per le costruzioni: il parere dell’Ance

Sussistono delle potenziali criticità, che potrebbero compromettere la capacità rappresentativa dell’attività delle imprese del settore

Isa_Ance
image_pdf

L’Ance ha trasmesso ufficialmente all’Agenzia delle Entrate il proprio assenso al nuovo Indice sintetico di affidabilità fiscale (Isa) per il settore delle costruzioni (Isa AG69U), approvato con il Dm 23 marzo 2018 S.O Gu n. 18 del 12 aprile), sottolineando alcune potenziali criticità che potrebbero comprometterne la capacità rappresentativa dell’attività delle imprese del settore.

L’Indice sintetico di affidabilità fiscale, che avrà effetto dall’annualità d’imposta 2018, dovrebbe assicurare a tutti i contribuenti un trattamento fiscale uniforme e di semplificare gli adempimenti dei contribuenti e degli intermediari, attribuendo ai contribuenti forme di premialità al raggiungimento di determinati livelli di ‘affidabilità fiscale’. Contestualmente all’applicazione degli Isa, cesseranno di produrre effetti le disposizioni normative e regolamentari relative all’elaborazione e all’applicazione dei parametri e degli studi di settore.

Gli indici del nuovo Isa

Il nuovo indice fornisce, su scala da 1 a 10, il grado di affidabilità fiscale di ogni contribuente e, a sua volta, è influenzato e sintetizza, per il settore delle costruzioni, il valore di:
  • 3 indicatori elementari di affidabilità: Ricavi per addetto, Valore aggiunto per addetto, Reddito per addetto.
  • 16 indicatori elementari di anomalia, che incidono (con punteggio da 1 a 5) sul calcolo dell’Isa solo in presenza di profili contabili e/o gestionali atipici rispetto al settore o al modello organizzativo di riferimento.
L’indice è abbinato a tre territorialità specifiche:
  • territorialità del livello del reddito medio imponibile ai fini dell’addizionale Irpef,
  • territorialità del livello delle quotazioni immobiliari,
  • territorialità del livello dei canoni di locazione degli immobili.
Tali territorialità hanno come obiettivo la differenziazione del territorio nazionale sulla base di specifici indicatori per comune, provincia, regione e area territoriale, al fine di tener conto dell’influenza della localizzazione territoriale sulla determinazione dei ricavi.
Il meccanismo di operatività del nuovo strumento è tale per cui più sarà elevato il valore dell’indice (da 1 a 10) raggiunto dal contribuente, più questi avrà diritto al riconoscimento di premialità, tra le quali l’esonero dal visto di conformità per la compensazione dei crediti fiscali, l’esclusione da alcuni tipi di accertamento ed una riduzione del periodo di accertabilità.

L’Isa del settore delle costruzioni

Secondo l’Ance, l’Isa AG69U appare idoneo a rappresentare la realtà produttiva delle imprese del settore, anche alla luce del fatto che è stato costruito tenendo conto di un arco temporale di 9 anni. Ciò consente di cogliere maggiormente, non solo la dinamica del settore a livello aggregato, ma anche l’andamento economico della singola impresa.

L’Isa AG69U comprende:
  • 39.00.01 – Attività di rimozione di strutture ed elementi in amianto specializzata per l’edilizia
  • 41.20.00 – Costruzione di edifici residenziali e non residenziali
  • 42.11.00 – Costruzione di strade, autostrade e piste aeroportuali
  • 42.12.00 – Costruzione di linee ferroviarie e metropolitane
  • 42.13.00 – Costruzione di ponti e gallerie
  • 42.21.00 – Costruzione di opere di pubblica utilità per il trasporto di fluidi
  • 42.22.00 – Costruzione di opere di pubblica utilità per l’energia elettrica e le telecomunicazioni
  • 42.91.00 – Costruzione di opere idrauliche
  • 42.99.09 – Altre attività di costruzione di altre opere di ingegneria civile nca  43.11.00 – Demolizione
  • 43.12.00 – Preparazione del cantiere edile e sistemazione del terreno
  • 43.13.00 – Trivellazioni e perforazioni
  • 43.91.00 – Realizzazione di coperture
  • 43.99.09 – Altre attività di lavori specializzati di costruzione nca

Ai fini della determinazione dell’indice, le imprese del settore delle costruzioni sono classificate in 9 Modelli Organizzativi di Business (Mob), che tengono conto della specificità dell’attività esercitata e dell’acquisizione dei lavori, in particolar modo in caso di lavorazioni eseguite prevalentemente in subappalto.

Le potenziali criticità

L’Ance indica ­l’opportunità di diversificare, ai fini della costruzione dell’indice, le imprese che svolgono prevalentemente attività di nuova costruzione, da quelle operanti in prevalenza nel comparto del recupero dell’esistente, che, soprattutto nel corso degli ultimi anni, è divenuto il segmento sempre più rappresentativo dell’intero settore delle costruzioni, anche in termini di numerosità di imprese che in esso operano; occorre inoltre un’adeguata valutazione, con le relative conseguenze nella determinazione dell’Isa, degli oneri che caratterizzano maggiormente il settore delle costruzioni, relative a formazione, sicurezza ed aspetti finanziari.

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Indice sintetico di affidabilità fiscale per le costruzioni: il parere dell’Ance Ingegneri.info