Precompilata disponibile dal 18 aprile 2017: Vademecum | Ingegneri.info

Precompilata disponibile dal 18 aprile 2017: Vademecum

Dal 18 aprile 2017 sarà possibile consultare la precompilata sia per chi presenta il modello 730 sia per chi presenta la dichiarazione dei redditi. Tutto ciò che bisogna ricordare

image_pdf

L’Agenzia delle Entrate con il proprio comunicato stampa del 4 aprile 2017 ha precisato che dal prossimo 18 aprile 2017 (quindi, non più dal 15 aprile 2017; ciò in considerazione del fatto che il 15 aprile cade in concomitanza alle festività pasquali) sarà disponibile il modello della precompilata sia per chi presenta il modello 730 sia per chi presenta la dichiarazione dei redditi. Infatti, a decorrere da tale data il contribuente nonché i soggetti delegati potranno visualizzare la dichiarazione dei redditi e l’elenco delle informazioni disponibili, con l’indicazione dei dati inseriti e non inseriti e delle relative fonti informative.

Attenzione: sempre l’Agenzia delle Entrate ha ricordato che l’invio del 730 precompilato potrà, invece, essere fatto a partire dal 2 maggio e fino al 24 luglio 2017.

Altra novità evidenziata dall’Agenzia delle Entrate sta nel fatto che da quest’anno è stata allargata la platea dei soggetti a cui è consentito presentare la dichiarazione tramite l’applicazione online. Infatti, potranno accedere a tale servizio anche gli eredi che devono presentare la dichiarazione per conto della persona defunta e i soggetti per i quali l’Agenzia delle Entrate non dispone di nessun dato. Tali ultimi soggetti potranno presentare la dichiarazione in maniera più semplice, grazie all’inserimento sul portale di una dichiarazione dei redditi senza nessun dato precompilato, ad eccezione dei soli dati anagrafici.

Le cose da ricordare in tema di precompilata – comunicato stampa 4 aprile 2017
Come accedere al servizio online Per consultare la propria dichiarazione direttamente online, si potrà utilizzare la Carta nazionale dei servizi, oppure le credenziali per i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate, con il PIN rilasciato dall’INPS, tramite lo SPID (Sistema pubblico per l’identità digitale) e con le credenziali di tipo dispositivo rilasciate da NoiPA, il Sistema informativo di gestione e amministrazione del personale della pubblica amministrazione.
Accettare ovvero modificare la precompilata Il contribuente, una volta visualizzata la propria dichiarazione, dal 2 maggio 2017 potrà accettare ovvero modificare ed inviare il 730 precompilato all’Agenzia delle Entrate direttamente tramite l’applicazione web e modificare il modello REDDITI precompilato.
Attenzione: con riferimento ai termini di invio, l’ultimo giorno utile per la presentazione del 730 precompilato all’Agenzia delle Entrate direttamente tramite l’applicazione web è il 24 luglio 2017 (in quanto il 23 luglio cade di domenica); invece, il 2 ottobre 2017 (in quanto il 30 settembre cade di sabato) è l’ultimo giorno utile per la presentazione del modello REDDITI precompilato.
Possibilità di consultare ovvero correggere anche precompilata 2016 Risulta possibile consultare ed eventualmente correggere anche la dichiarazione precompilata 2016, sempre che la stessa sia stata inviata via web. In tal caso, le modifiche dovranno essere effettuate utilizzando il modello UNICO 2016 integrativo, anch’esso disponibile online, su cui sono già precaricati i dati inseriti nella dichiarazione. Per presentare tale modello, si potrà sfruttare la funzione “cambia anno di dichiarazione”, che offre la possibilità di selezionare la dichiarazione su cui si intende intervenire.
L’aiuto Per eliminare dubbi interpretativi il contribuente potrà consultare il sito di assistenza all’indirizzo https://infoprecompilata.agenziaentrate.it. Come precisato dalla stessa Agenzia delle Entrate, su tale portale saranno indicati tutti i canali di assistenza attivi, che l’Agenzia potenzierà in concomitanza dell’avvio della stagione dichiarativa, e tutte le novità di quest’anno, come i nuovi oneri e le spese introdotte a seguito dell’aumento delle informazioni elaborate.

Leggi anche: Rimborsi spesa del professionista: il trattamento fiscale

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Precompilata disponibile dal 18 aprile 2017: Vademecum Ingegneri.info