Software di gestione per strutture ricettive: come usufruire delle agevolazioni | Ingegneri.info

Software di gestione per strutture ricettive: come usufruire delle agevolazioni

Il Decreto Cultura e Turismo prevede il credito d’imposta per la digitalizzazione delle strutture ricettive. L'esperto di fisco spiega come usufruirne

image_pdf

Il D.L. 31 maggio 2014, n. 83 (c.d. Decreto Cultura e Turismo) ha previsto un credito d’imposta per la digitalizzazione delle strutture ricettive. Con il D.M. 12 febbraio 2015, il Ministero dei beni culturali e del turismo ed il Ministero dell’economia e delle finanze hanno emanato le disposizioni di attuazione.

In prima battuta si fa presente che il software è assimilato a tutti gli effetti al diritto d’autore, conseguentemente costituisce tipicamente un bene immateriale, dotato di una propria individualità economica (direttiva CEE 14 maggio 1991, n. 91/250). Il software può essere classificato in due modi:
• software di base;
• software applicativo.

Che cosa si intende per:

Software di base
Costituito dai programmi indispensabili per il funzionamento dell’hardware: si tratta, dunque, dei sistemi operativi, tipo Windows o Mac-OS, Linux, ecc.
Da un punto di vista contabile si fa presente che le regole generali di imputazione in bilancio prevedono che il costo sostenuto per l’acquisto o la realizzazione del software deve essere inglobato nel valore economico dell’hardware, quindi, considerato come onere accessorio al bene principale. A tale proposito, è applicabile l’OIC 16 “Immobilizzazioni materiali”. Dal punto di vista fiscale, si applicano le regole generali previste, dall’art. 102 del TUIR, in materia di ammortamento.
Quindi:
• l’ammortamento del software di base può iniziare, insieme al bene cui si riferisce, dopo l’entrata in funzione nel processo produttivo;
• deve essere inoltre ragguagliato alla durata del periodo d’imposta se inferiore o superiore ai dodici mesi.

Software applicativo
Costituito dai programmi che soddisfano specifiche esigenze dell’utilizzatore (ad esempio, i programmi di videoscrittura, di calcolo, di elaborazione delle paghe o di contabilità). Per il software applicativo, generalmente, si possono verificare quattro ipotesi:
• software acquistato in piena proprietà direttamente da terzi verso pagamento di un corrispettivo, con diritto di pieno utilizzo dello stesso e possibilità di riproduzione e commercializzazione;
• software acquistato a titolo di licenza d’uso a tempo indeterminato;
• software creato direttamente per uso interno e non giuridicamente tutelato;
• software acquistato a titolo di licenza d’uso a tempo determinato.

Soggetti beneficiari
Possono beneficiare dell’agevolazione gli esercizi ricettivi di seguito riportati, che svolgono in via non occasionale le attività di cui alla divisione 55 della classificazione ATECO 2007:
• strutture alberghiere (alberghi, villaggi albergo, residenze turistico-alberghiere, alberghi diffusi, condhotel, marina resort, nonché le strutture individuate come tali da specifiche normative regionali), aventi non meno di 7 camere;
• strutture extra-alberghiere (affittacamere, ostelli per la gioventù, case e appartamenti per vacanze, residence, case per ferie, bed and breakfast, rifugi montani, nonché le strutture individuate come tali da specifiche normative regionali);
• esercizi ricettivi aggregati con servizi extra-ricettivi o ancillari, aggregati nella forma del consorzio, delle reti d’impresa, delle ATI e organismi o enti similari, di un esercizio ricettivo singolo con soggetti che forniscano servizi accessori alla ricettività, quali ristorazione, trasporto, prenotazione, promozione, commercializzazione, accoglienza turistica e attività analoghe;
• agenzie di viaggio e tour operator appartenenti al cluster 10 dello studio di settore “Agenzie intermediarie specializzate nel turismo incoming” e cluster 11 dello studio di settore “Agenzie specializzate in turismo incoming”.

Le spese agevolabili

Tipi di spesa Costi agevolabili (ovvero eleggibili)
Spese per impianti wifi a condizione che l’esercizio ricettivo metta a disposizione dei propri clienti un servizio gratuito di velocità di connessione pari ad almeno 1 Megabit/s in download Acquisto e installazione di modem/router; dotazione hardware per la ricezione del servizio mobile (antenne terrestri, parabole, ripetitori di segnale)
Spese per siti web ottimizzati per il sistema mobile Acquisto di software e applicazioni
Spese per programmi e sistemi informatici per la vendita diretta di servizi e pernottamenti, purché in grado di garantire gli standard di interoperabilità necessari all’integrazione con siti e portali di promozione pubblici e privati e di favorire l’integrazione fra servizi ricettivi ed extra-ricettivi Acquisto software; acquisto hardware (server, hard disk)
Spese per spazi e pubblicità per la promozione e commercializzazione di servizi e pernottamenti turistici sui siti e piattaforme informatiche specializzate, anche gestite da tour operator e agenzie di viaggio Contratto di fornitura spazi web e pubblicità on-line
Spese per i servizi di consulenza per la comunicazione e il marketing digitale Contratto di fornitura di prestazioni e di servizi
Spese per strumenti per la promozione digitale di proposte e offerte innovative in tema di inclusione e di ospitalità per persone con disabilità Contratto di fornitura di prestazioni e di servizi; acquisto di software
Spese per i servizi relativi alla formazione del titolare o del personale dipendente Contratto di fornitura di prestazioni e di servizi (docenze e tutoraggio)

Agevolazione
Per le spese sostenute nei periodi d’imposta 2014, 2015 e 2016, è riconosciuto un credito d’imposta del 30% dei costi sostenuti per gli investimenti agevolabili. Il credito è ripartito in tre quote annuali di pari importo, fino all’importo massimo complessivo di € 12.500 nei tre anni di imposta.

La spesa massima agevolabile è quindi pari a 41.666,70 euro.

Tenendo presente che:
• ai sensi dell’art. 4 comma 3 le spese si considerano sostenute ai sensi dell’art. 109 del Tuir, intendendo per tale il riferimento al principio di competenza;
• ai sensi dell’art. 3 comma 3 il credito d’imposta digitalizzazione non è cumulabile, in relazione a medesime voci di spesa, con altre agevolazioni di natura fiscale.

Visita la pagina per scaricare i software gratuiti di Ingegneri.info

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Software di gestione per strutture ricettive: come usufruire delle agevolazioni Ingegneri.info