Split payment, la denuncia del Cni: 'Alcune Pa lo stanno applicando anche agli ingegneri' | Ingegneri.info

Split payment, la denuncia del Cni: ‘Alcune Pa lo stanno applicando anche agli ingegneri’

Ancora controversie sul sistema di liquidazione dell'Iva introdotto dalla Legge di Stabilita'. Il Cni afferma di aver ricevuto segnalazioni di Pa che lo stanno applicando anche agli ingegneri, persino in modo retroattivo

wpid-25989_iva.jpg
image_pdf

Lo split payment, il meccanismo di liquidazione dell’Iva introdotto dalla Legge di Stabilità 2015, sta creando non poche controversie in merito alle sue modalità applicative. Nei giorni scorsi il ministero dell’Economia e delle finanze ha emanato il decreto attuativo che ne decreta le istruzioni operative, lasciando però aperte alcune questioni basilari, sulle quali è arrivata anche la voce del Consiglio nazionale ingegneri.

Lo split payment prevede che l’Iva dovuta dalle Pa ai fornitori di beni e servizi dovrà essere versata dalle stesse strutture pubbliche direttamente all’erario. Sebbene dal sistema dovrebbero essere esclusi i professionisti, il Cni ha ricevuto numerose segnalazioni di Pa che intendono applicare lo split payment per la liquidazione dei compensi ad ingegneri per lavori debitamente svolti, persino quindi in modo retroattivo, cioè per versamenti Iva riguardanti attività svolte nel 2014.

“E’ evidente che tale situazione deriva dalla scarsa chiarezza della norma”, ha dichiarato Armando Zambrano. “A questo proposito, auspichiamo un intervento urgente ed esplicativo da parte dell’Amministrazione finanziaria”.

Copyright © - Riproduzione riservata
Split payment, la denuncia del Cni: ‘Alcune Pa lo stanno applicando anche agli ingegneri’ Ingegneri.info