Start up innovative: dal MiSE chiarimenti sulle modalità di costituzione | Ingegneri.info

Start up innovative: dal MiSE chiarimenti sulle modalità di costituzione

Riconosciuta, in alternativa all'atto pubblico notarile, la possibilità di costituire start up innovative con scrittura privata

3startup
image_pdf

Il legislatore ha introdotto una modalità semplificata di costituzione per le star up innovative che non sostituisce, ma affianca quella ordinaria prevista dall’articolo 2463 del codice civile.

Il Ministero dello Sviluppo Economico con parere prot. 411501 del 22 dicembre 2016, risponde e chiarisce le modalità, attualmente in vigore, di costituzione delle start up innovative e successive modificazioni agli atti costitutivi.

Il quesito posto da uno studio professionale era in sintesi il seguente: è conforme alla legge costituire una società start up con atto pubblico, secondo quanto previsto dal codice civile e altresì modificarla con la stessa modalità quand’anche la società mantenga i requisiti per essere iscritta nel Registro speciale delle start-up? E, in caso affermativo, è necessario per il Notaio rogante utilizzare il modello uniforme dell’atto costitutivo/statuto emanato dal Ministero?

Il Ministero ricorda che l’articolo 4, comma 10-bis, del DL n. 3 del 2015, convertito dalla legge n. 33/2015, stabilisce in modo chiaro che attualmente due sono le modalità di costituzione di una start up, alternative tra loro: atto pubblico o atto elettronico privato. Il legislatore ha, infatti, introdotto una modalità semplificata di costituzione che non sostituisce, ma affianca quella ordinaria prevista dall’articolo 2463 del codice civile.

I decreti ministeriali attuativi, non potendo ovviamente disporre in maniera difforme rispetto alla norma di delega, si sono limitati a dettare le modalità di redazione e di compilazione del file elettronico, senza ovviamente la necessità di dettare criteri relativi alla redazione e costituzione ordinaria delle società start up, in quanto regolati dalle norme del codice civile e della legge notarile.

Pertanto, alla data attuale sono possibili due differenti modalità di costituzione per le società start up, costituite in forma di srl: quella ordinaria, rimessa al rogito notarile e quella alternativa, redatta secondo le modalità previste  (DM 17 febbraio 2016, DM 1 luglio 2016 e DM 28 ottobre 2016) .

Da ciò ne consegue, conclude il Ministero, che i notai possono ben continuare a rogare per atto pubblico gli atti costitutivi e modificativi di srl, aventi natura di start up, secondo le modalità indicate dal codice civile e dalla legge notarile.

Solo nel caso il notaio sia richiesto di autenticare la scrittura privata elettronica di costituzione di start up a norma dell’articolo 5, comma 1, del DM 17 febbraio 2016, lo stesso sarà chiamato ad autenticare un originale informatico redatto sulla base dello standard approvato dal Ministero dello Sviluppo Economico.

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Start up innovative: dal MiSE chiarimenti sulle modalità di costituzione Ingegneri.info