I robot per sostituire l'uomo nelle ispezioni ai serbatoi petroliferi | Ingegneri.info

I robot per sostituire l’uomo nelle ispezioni ai serbatoi petroliferi

wpid-18321_serbatoiopetrolifero.jpg
image_pdf

La robotica entra nel mondo dell’industria petrolchimica: la Commissione europea ha dato il via al progetto Petrobot, realizzato insieme a un consorzio di imprese europee, che permetterà di sviluppare robot in grado di sostituire l’uomo nelle ispezioni dei silos a pressione e delle cisterne di stoccaggio ampiamente utilizzati nell’industria petrolifera, gasiera e petrolchimica. Controllare periodicamente le componenti degli impianti di processo è un’operazione fondamentale per la sicurezza. A tutt’oggi per tutelare gli ispettori, gli impianti petroliferi, gasieri e petrolchimici devono fermarsi durante le operazioni ispettive. I silos vengono isolati dalle parti in funzione dell’impianto e puliti con cura per eliminare tutti i prodotti che possono emettere gas infiammabili o tossici, Infine, nei silos più grandi sono installati ponteggi in modo che gli ispettori possano accedere a tutte le zone necessarie. Quest’operazione, che può durare diverse ore, viene poi ripetuta al contrario per ristabilire la situazione iniziale.

E’ proprio dal tentativo di coniugare sicurezza e razionalizzazione dei processi produttivi che nasce il progetto Petrobot: utilizzando i robot per le operazioni di ispezione si potrebbe garantire una minore esposizione del personale a condizioni potenzialmente pericolose, un risparmio di tempo e risorse per l’industria, nonché di riflesso l’apertura di nuovi mercati per l’industria robotica europea e la creazione nuovi posti di lavoro nel settore della produzione e della manutenzione di robot.

Il progetto Petrobot, della durata di tre anni, vedrà la partecipazione di partner olandesi, britannici, svedesi, norvegesi, svizzeri e tedeschi. L’Ue parteciperà con 3,7 milioni di euro sui 6,2 totali.

La struttura del progetto coinvolge l’intera catena del valore, compresi i fornitori di tecnologie robotiche e di ispezione, le società di servizi d’ispezione e gli utilizzatori finali. I robot per le ispezioni saranno testati negli impianti degli utilizzatori finali membri del consorzio.

Dal progetto l’Ue punta a sviluppare figure professionali inedite, aprendo nuovi mercati in ambito tecnologico: sia le soluzioni robotiche hardware che i servizi completi di ispezione mediante robot potrebbero infatti diventare importanti prodotti di esportazione europei.

Copyright © - Riproduzione riservata
I robot per sostituire l’uomo nelle ispezioni ai serbatoi petroliferi Ingegneri.info