I tecnici italiani per il monitoraggio del vulcano Chaparrastique | Ingegneri.info

I tecnici italiani per il monitoraggio del vulcano Chaparrastique

wpid-21621_aaaa.jpg
image_pdf

È appena terminata la missione in El Salvador di un team di ricercatori e tecnici dell’ l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) per l’installazione di attrezzature tecnologiche di alta precisione in grado di migliorare i sistemi di monitoraggio e sorveglianza del vulcano Chaparrastique, intorno al quale vivono oltre 50.000 persone.

L’Ingv ha risposto ad una richiesta di supporto inviata il mese scorso dal governo di El Salvador, a seguito dell’eruzione del vulcano Chaparrastique iniziata lo scorso 29 dicembre – spiega Paolo Papale, direttore della Struttura vulcani dell’Ingv – organizzando una squadra di intervento che ha portato nel paese centroamericano 7 unità di personale tecnico-scientifico, che in poco più di una settimana hanno allestito una rete di monitoraggio di alto livello tecnologico”.

Per  migliorare il monitoraggio dell’attività del vulcano, sono state installate cinque stazioni sismiche a banda larga, tre microfoni per la registrazione dell’attività infrasonica, una telecamera termica che rileva le variazioni di temperatura dei versanti del vulcano, due stazioni geochimiche per la misura dei gas emessi dal vulcano, due radiometri che misurano le variazioni di temperatura nell’area sommitale e una rete di dieci stazioni Gps ad alta precisione per rilevare eventuali deformazioni della struttura vulcanica.

“Nonostante le numerose difficoltà logistiche – afferma Piergiorgio Scarlato, ricercatore vulcanologo dell’Ingv che ha coordinato il team di esperti – tutte le attività programmate sono state portate a termine con successo anche grazie all’aiuto dei colleghi del locale Osservatorio ambientale del ministero Medio ambiente y recursos naturales (Marn).

Copyright © - Riproduzione riservata
I tecnici italiani per il monitoraggio del vulcano Chaparrastique Ingegneri.info