Ascensori, in arrivo il nuovo regolamento: le novità | Ingegneri.info

Ascensori, in arrivo il nuovo regolamento: le novità

Dal 30 marzo 2017 sarà in vigore il Dpr n.23 del 10 gennaio 2017, recante il nuovo Regolamento per la sicurezza degli ascensori. Facciamo il punto sugli obblighi per installatori, fabbricanti, importatori e distributori e i requisiti di sicurezza

Ascensore
image_pdf

Il 30 marzo 2017 entrerà in vigore il D.P.R. n. 23 del 10 gennaio 2017, recante il nuovo Regolamento per la sicurezza degli ascensori, in attuazione della direttiva 2014/33/Ue. Il Regolamento si applica agli ascensori, intesi come impianti installati in modo permanente in edifici o costruzioni, e ai componenti di sicurezza per ascensori, prodotti da un fabbricante nell’Unione europea oppure importati da un paese terzo.
Sono esclusi gli ascensori inseriti in contesti particolari come gli ascensori da cantiere, gli impianti a fune, quelli progettati a fini militari, quelli usati nelle miniere ecc.

Il Regolamento garantisce un elevato livello di protezione della salute e della sicurezza delle persone e dei beni, grazie a nuovi standard di conformità degli ascensori e dei componenti (tabelle allegate al regolamento), e assicurare una concorrenza leale sul mercato dell’Unione.

Gli installatori dovranno valutare la conformità dell’ascensore ai requisiti di salute e di sicurezza (secondo l’Allegato I) e conservare tutta la documentazione tecnica.

I fabbricanti dovranno garantire che i componenti di sicurezza siano conformi e nel caso di difformità devono prevedere il suo ritiro.

Gli importatori dovranno verificare, prima di immettere un componente di sicurezza per ascensori sul mercato, che il fabbricante abbia eseguito l’appropriata procedura di valutazione della conformità.

I requisiti di sicurezza

Nell’Allegato I sono elencati tutti i requisiti che gli ascensori devono soddisfare, tra i quali segnaliamo:

  • l’accessibilità della cabina da parte dei disabili;
  • l’affidabilità degli elementi di sospensione e di sostegno della cabina, compresi i collegamenti e gli attacchi terminali, per ridurre al minimo il rischio di caduta della cabina;
  • la predisposizione di dispositivi per impedire la caduta libera della cabina o suoi movimenti incontrollati, in caso d’interruzione dell’alimentazione di energia o di guasto dei componenti;
  • la dotazione di mezzi che consentano di liberare e di evacuare le persone imprigionate nella cabina e di mezzi di comunicazione bidirezionali che consentano di ottenere un collegamento permanente con un servizio di pronto intervento.

Mancano nel regolamento norme per la ricostituzione delle commissioni di esame per il conseguimento dell’abilitazione alla manutenzione degli ascensori e l’obbligo di adeguare alle norme di sicurezza i circa 700.000 impianti di elevazione installati prima del 1999.

Leggi anche: Buon compleanno ascensore, da 160 anni sempre più in alto

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Ascensori, in arrivo il nuovo regolamento: le novità Ingegneri.info