La fotografia dell'eolico in Europa | Ingegneri.info

La fotografia dell’eolico in Europa

wpid-21459_eolico.jpg
image_pdf

Nei giorni scorsi le associazioni dell’industria eolica italiana avevano tracciato il bilancio molto negativo per l’eolico nazionale, che nel 2013 ha registrato un crollo della potenza installata di oltre il 65%. A confermare il momento calante per l’energia del vento sono i nuovi dati pubblicati dall’Ewea, la European Wind Energy Association.

Nell’Europa a 28 Stati la potenza installata nel 2013 è pari a 11.159 MW, l’8% in meno rispetto al 2012. Complessivamente nell’Eu-28 vi sono 117.289 MW installati, che coprono l’8% della domanda di energia complessiva, oltre a ulteriori 4.188 MW nel resto d’Europa.

Al pari dell’Italia, vi sono anche altri Paesi che hanno subito crolli decisamente rilevanti, in particolare Spagna, -84%, e Francia, -24%. Di contro, il 46% delle nuove installazioni è avvenuto in soli due Stati, Germania e Regno Unito. In generale, appare una situazione più polarizzata, mentre in passato le nuove installazioni erano distribuite in modo più omogeneo.

“Le installazioni di energia eolica in Europa nel 2013 hanno subito l’impatto negativo di mercato, leggi e incertezza politica diffuse su tutto il continente”, ha dichiarato Justin Wilkes, Deputy Ceo dell’Agenzia. “Le architetture legislative destabilizzate per l’energia del vento hanno causato investimenti ridimensionati e messo a rischio la crescita verde, il lavoro e la sicurezza energetica”.

“E’ fondamentale che i capi di Stato riaffermino nel Consiglio di marzo l’impegno dell’Ue verso le rinnovabili, e fissino per gli Stati importanti e ambiziosi obiettivi per il 2030”, conclude Wilkes.

In ogni caso, precisa l’Ewea, il dato negativo sul 2013 va visto alla luce dei progressi fatti negli anni precedenti: le installazioni energetiche di eolico, pur calanti, nel 2013 hanno rappresentato il 31% della capacità energetica complessiva installata, meglio del gas (21%), poco meno del solare (32%). Significativa anche la crescita dell’offshore, con 1.6 GW aggiunti, un mercato che dovrebbe rimanere stabile nei prossimi due anni.

Copyright © - Riproduzione riservata
La fotografia dell’eolico in Europa Ingegneri.info