La nuova etichetta energetica in discussione al Parlamento Europeo | Ingegneri.info

La nuova etichetta energetica in discussione al Parlamento Europeo

In discussione al Parlamento Europeo un nuovo sistema di etichetta energetica basata su una scala semplificata con classi da A a G da attivare entro 5 anni

energy_classification
image_pdf

Entro 5 anni, una scala semplificata di classi da A a G per l’etichettatura degli apparecchi che utilizzano energia dovrebbe sostituire l’attuale con le proliferazioni di classi superiori (A+, A++, A+++), secondo le indicazioni formulate dalla Commissione Industria, Ricerca ed Energia del Parlamento Europeo. La proposta intende assicurare che, specialmente nel settore degli elettrodomestici, i consumatori non siano indotti a pensare che un apparecchio di classe A sia uno dei più efficienti sul mercato, mentre con l’attuale classificazione è di fatto uno dei meno efficienti.

Infatti, il significato pratico dei segni “+”, in termini di maggiore efficienza energetica, non è sempre considerato nel suo valore, che varia da prodotto a prodotto. Secondo l’Enea:
• frigoriferi e congelatori in classe A+++ sono il 60% più efficienti dei modelli in classe A
• lavatrici in classe A+++ sono il 32% più efficienti dei modelli in classe A
• lavastoviglie in classe A+++ sono il 30% più efficienti dei modelli in classe A.

L’emendamento alla bozza di direttiva propone di riclassificare le etichette dei gruppi di prodotto esistenti in modo da fornire una scala omogenea A-G, con un periodo di validità di almeno 10 anni, da attivarsi:
– quando il 25% dei prodotti venduti nell’Unione ricade nella classe A, oppure
– quando il 50% dei prodotti venduti nell’Unione ricade nelle due classi A-B.

La nuova etichetta
La nuova etichetta dovrebbe contenere informazioni sulla classe di efficienza energetica del modello di prodotto e il suo consumo in kWh per un anno o altro rilevante periodo di tempo. I produttori e i rivenditori dovranno indicare la classe del prodotto in ogni pubblicità visiva e nel materiale tecnico promozionale.

Per ogni nuova revisione dell’etichettatura energetica, la classe A dovrà essere tenuta inizialmente vuota per poter accogliere i nuovi prodotti energeticamente migliorati e più efficienti, mentre i prodotti con efficienza energetica inferiore alle classi F-G dovranno essere accompagnati da un’etichetta grigia. La gamma dal verde scuro al rosso dovrebbe riguardare i prodotti che ricadono nelle classi intermedie.

La Commissione parlamentare raccomanda di costituire un catalogo di prodotti consultabile sul web, accessibile ai consumatori in tutte le lingue dei paesi in cui un prodotto è commercializzato, e corredato da informazioni sull’attività delle autorità di controllo.

Esenzioni
Dalle nuove norme dovrebbero essere esclusi:
– i prodotti di seconda mano,
– i mezzi di trasporto fissi, come ascensori, elevatori e nastri trasportatori.
La bozza di direttiva passa ora all’esame del Parlamento Europeo, che dovrà votarla in sessione plenaria per far partire il negoziato con il Consiglio dei Ministri Europeo.

Leggi anche: Il bonus elettrodomestici vale su un casa acquistata già ristrutturata?

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
La nuova etichetta energetica in discussione al Parlamento Europeo Ingegneri.info