Protezione contro i contatti diretti ed indiretti: la nuova scheda IA 025 | Ingegneri.info

Protezione contro i contatti diretti ed indiretti: la nuova scheda IA 025

Da Anie - Itaca la scheda aggiornata IA 025 sulla protezione contro i contatti diretti ed indiretti

image_pdf

Anie – Itaca a luglio 2017 rendono disponibile la nuova Scheda IA 025 – Protezione contro i contatti diretti ed indiretti. La scheda, che rientra nei Capitolati Tecnici Anie Itaca disponibili a questo link, annulla e sostituisce la precedente versione.

Riportiamo di seguito il testo della scheda.

La norma CEI 64-8 prevede varie misure di protezione contro i contatti diretti e indiretti. Per quanto riguarda gli impianti elettrici si rammentano le disposizioni dell’articolo 6 del D.M. n. 37/2008.

Protezione mediante bassissima tensione di sicurezza e di protezione (sistemi SELV e PELV)
Questa tipologia di protezione prevede una tensione di alimentazione, che prevede una tensione ≤ 50 V in c.a. e ≤ 120 V in c.c., e, inoltre, comporta che siano soddisfatte le seguenti condizioni:
a) Alimentazione da:
– trasformatore di sicurezza o altra sorgente con caratteristiche di sicurezza similari
– sorgente elettrochimica (es. batteria)
– altre sorgenti indipendenti da circuiti FELV o da circuiti a tensione più elevata (es. gruppo elettrogeno).
b) Circuiti così composti:
– le parti attive e le masse non collegate a terra
– circuiti elettricamente separati
– prese a spina non intercambiabili con quelle degli altri sistemi nè con contatto di terra (eccetto PELV per il solo contatto di terra)

• Prescrizioni riguardanti solo i circuiti PELV
Il circuito, a differenza del sistema SELV, presenta un punto collegato a terra, quindi la protezione nei confronti dei contatti diretti deve essere assicurata mediante i seguenti requisiti addizionali:
a) involucri o barriere aventi grado di protezione non inferiore a IP2X o IPXXB
b) con isolamento capace di tenere 500 V per un minuto

Protezione mediante bassissima tensione di protezione funzionale (sistemi FELV)
Quando si utilizza una tensione ≤ 50 V in c.a. o ≤ 120 V in c.c., e per ragioni funzionali non sono soddisfatte tutte le prescrizioni dei sistemi SELV e PELV, si devono adottare le seguenti protezioni:
• Protezione contro i contatti diretti:
– mediante involucri o barriere aventi grado di protezione non inferiore a IPXXB, o
– per superfici superiori orizzontali mediante involucri o barriere aventi grado di protezione non inferiore a IP4X o IPXXD, oppure
– con isolamento principale corrispondente alla tensione nominale del circuito primario della sorgente.
• Protezione contro i contatti indiretti:
– mediante interruzione automatica con collegamento delle masse del circuito FELV al conduttore di protezione del sistema del primario
– in un sistema alimentato con la misura di protezione mediante separazione elettrica si devono collegare le masse del circuito FELV al conduttore equipotenziale isolato non collegato a terra.
– le prese a spine devono avere il contatto di messa a terra

Protezione totale
Protezione mediante isolamento delle parti attive:
– tutte le parti attive devono essere adeguatamente isolate
– l’isolamento deve essere rimosso solo mediante distruzione
– l’isolamento dei quadri elettrici deve soddisfare le relative Norme
Protezione mediante involucri o barriere:
– gli involucri o le barriere devono assicurare un grado di protezione IPXXB e per le superfici orizzontali superiori, a portata di mano, devono assicurare il grado IPXXD.
Questo è necessario aprire un involucro o rimuovere una barriera, ciò deve essere possibile solo:
a) con uso di chiave o attrezzo
b) se, dopo l’interruzione dell’alimentazione alle parti attive contro le quali le barriere o gli involucri offrono protezione, il ripristino dell’alimentazione sia possibile solo dopo la sostituzione o la richiusura delle barriere o degli involucri stessi
c) se, quando una barriera intermedia con grado di protezione non inferiore a IPXXB protegge dal contatto con parti attive, tale barriera possa essere rimossa solo con l’uso di una chiave o attrezzo

Protezione parziale
• Protezione mediante ostacoli
Possono essere rimossi senza l’uso di chiave o attrezzo ma devono essere fissati in modo tale da impedire la rimozione accidentale. Gli ostacoli devono impedire:
– l’avvicinamento non intenzionale a parti attive
– il contatto non intenzionale con parti attive durante lavori sotto tensione
• Protezione mediante distanziamento
Parti simultaneamente accessibili a tensione diversa non devono essere a portata di mano.

Protezione addizionale
L’uso di interruttori differenziali, con corrente differenziale nominale di intervento non superiore a 30 mA, è riconosciuto come protezione addizionale contro i contatti diretti in caso di insuccesso delle altre misure di protezione o di incuria da parte degli utilizzatori. La protezione a mezzo di interruttore differenziale con Idn ≤ 30 mA è comunque richiesta nei seguenti impianti:
– domestici per circuiti di prese a spina fino a 20 A
– nel caso di circuiti che alimentano prese a spina fino a 32 A destinate ad apparecchi mobili usati all’esterno devono essere considerati come protezione addizionale contro i contatti diretti e da impiegare un unitamente ad una delle altre misure di protezione totale o parziale.

Protezione con impiego di componenti di classe II o con isolamento equivalente (isolamento doppio o rinforzato)
Questa misura si basa sulla scarsa probabilità che si verifichi una situazione di pericolo nell’impianto elettrico, dovuti a due cedimenti contemporanei dell’isolamento.

Protezione per separazione elettrica
Mediante una sorgente con almeno una separazione semplice, e la tensione del circuito separato non deve superare 500 V.
Le caratteristiche del circuito separato devono essere le seguenti:
– tensione nominale non superiore a 500 V
– lunghezza massima del circuito 500 m
– il prodotto della tensione nominale in volt per la lunghezza in metri non deve superare il valore di 100.000 V•m
– le parti attive non devono essere collegate a terra nè collegate a nessun altro circuito
– la separazione verso eventuali altri circuiti elettrici deve essere almeno equivalente a quella richiesta tra gli avvolgimenti del trasformatore d’isolamento.
E’ consigliabile usare cavi o conduttore distinti, oppure:
– si devono impiegare cavi multipolari sotto guaina non metallica
– si devono impiegare cavi unipolari posati in condotti isolati
Le masse non devono essere collegate intenzionalmente nè con la terra nè con le masse, o con i conduttori di protezione di altri circuiti, nè con masse estranee.
Se il circuito separato alimenta un solo apparecchio non si deve effettuare il collegamento equipotenziale.
Se il circuito separato alimenta più apparecchi si devono osservare le seguenti prescrizioni:

1) le masse del circuito separato, devono essere collegate tra loro con conduttori equipotenziali isolati non collegati a terra. E’ vietata l’interconnessione fra questi conduttori con il conduttore di protezione, le masse di altri circuiti e le masse estranee
2)  tutte le prese a spina del circuito separato devono avere un contatto di terra collegato al conduttore cui al punto precedente
3) tutti i cavi flessibili degli apparecchi elettrici (escluso quelli di classe II) devono avere un conduttore di protezione da utilizzare come conduttore equipotenziale
4) la protezione contro il doppio guasto verso massa di due fasi distinte deve intervenire entro i tempi previsti dalla tabella 41A e da quelle dei “tempi di interruzioni massimi” (CEI 64-8)

Protezione per mezzo di locali isolanti
Da non applicarsi agli edifici civili e similari.

Protezione per mezzo di locali resi equipotenziale e non connessi a terra
Da non applicarsi agli edifici civili e similari.

Protezione contro i contatti indiretti nei sistemi di I categoria senza propria cabina di trasformazione “Sistema TT”
Protezione con interruzione automatica del circuito
Per i sistemi di I categoria, senza propria cabina di trasformazione, sistema TT, la protezione contro i contatti indiretti deve essere attuata mediante impianto di terra locale, coordinato esclusivamente con interruttori automatici differenziali.
Tale condizione si ritiene soddisfatta con l’applicazione della seguente formula:

RE x Idn < UL

Dove:
RE è la resistenza del dispersore
Idn e la corrente differenziale nominale
UL e la tensione di sicurezza o di contatto limite (50 V)

In presenza di correnti di guasto non alternate non devono essere utilizzati differenziali di tipo AC.
Nel caso in cui si ritenga opportuno ottenere una più efficace protezione addizionale contro i contatti diretti è possibile installare un interruttore automatico differenziale ad altissima sensibilità Idn = 0,01A.
Va tenuto presente che gli interruttori differenziali ad altissima sensibilità possono determinare interventi intempestivi e vanno pertanto usati solo per circuiti finali.
L’impiego di questa protezione addizionale può essere previsto soprattutto a protezione dei locali ove le persone sono più vulnerabili nel caso di contatti con le parti conduttrici (esempio bagni, lavanderie, camere bambini, …).
Nel caso di più dispositivi di protezione si considera la corrente di intervento più elevata. Inoltre:
– le masse dell’impianto utilizzatore devono essere collegate all’impianto di terra locale a mezzo apposito conduttore di protezione.
– Ove necessario le masse estranee devono anch’esse essere collegate all’impianto di terra mediante conduttori equipotenziali principali o supplementari (es. bagni, piscine) o supplementari.
– Tutte le prese a spina di apparecchi utilizzatori per i quali è prevista la protezione contro i contatti indiretti mediante collegamento a terra delle masse, devono avere il polo di terra collegato al conduttore di protezione.

Protezione contro i contatti indiretti nei sistemi di I categoria con propria cabina di trasformazione “Sistema TN”
Per i sistemi di I categoria, con propria cabina di trasformazione, sistema TN, la protezione contro i contatti indiretti deve essere effettuata mediante messa a terra di un punto del sistema (solitamente il neutro dei trasformatori MT/BT) e collegamento delle masse a quel punto, tramite conduttore di protezione.
A tale conduttore di protezione devono essere collegate ove necessario tutte le masse estranee mediante conduttori equipotenziali principali o supplementari.
Tutte le spese a spina di apparecchi utilizzatori per i quali è prevista la protezione contro i contatti indiretti mediante collegamento a terra, devono avere il polo di terra delle masse collegato al conduttore di protezione.
La protezione deve essere coordinata in modo tale da assicurare, per i circuiti di distribuzione, l’interruzione del circuito guasto entro 5 s.
Per tutti i circuiti terminali protetti con dispositivi di protezione da sovracorrenti aventi correnti nominali ≤ 32 A il tempo di intervento deve essere in accordo con le tabelle 41A oppure con quella dei “Tempi di interruzione massimi (CEI 64-8) per il coordinamento con interruttori differenziali.
Per soddisfare tale prescrizione si deve verificare la seguente condizione:

Ia ≤ U0/ZS

dove:
U0 = è il valore in volt della tensione nominale c.a., valore efficace tra fase e terra
ZS = è il valore totale dell’impedenza, in ohm, del circuito guasto, per guasto franco a terra
Ia = è il valore, in ampere, della corrente d’intervento del dispositivo di protezione (di massima corrente a tempo inverso o dispositivi differenziali).
Si raccomanda che le protezioni siano realizzate per i circuiti terminali con dispositivo differenziale per le difficoltà che si possono avere nell’ottenere valori sufficientemente bassi di ZS e per tener conto di possibili guasti a terra con valori di impedenza significativi.

Riepilogo misure di protezione
• Contro i contatti diretti e indiretti:
[ ] mediante bassissima tensione di sicurezza (sistema SELV) ……… (*)
[ ] mediante bassissima tensione di protezione (sistema PELV) ……… (*)
[ ] mediante bassissima tensione funzionale (FELV) ……… (*)
• Contro i contatti diretti:
[ ] Protezione totale
[ ] mediante isolamento delle parti attive ……… (*)
[ ] mediante involucri o barriere ……… (*)
[ ] Protezione parziale
[ ] mediante ostacoli ……… (*)
[ ] mediante allontanamento ……… (*)
• Contro i contatti indiretti:
[ ] Senza interruzione automatica del circuito
[ ] mediante impiego di componenti in classe II o con isolamento equivalente ……… (*)
[ ] mediante separazione elettrica ……… (*)
[ ] Con interruzione automatica del circuito
[ ] nei sistemi di I categoria senza propria cabina di trasformazione, sistema TT ……… (*)
[ ] nei sistemi di I categoria con propria cabina di trasformazione, sistema TN-S ……… (*)
[ ] nei sistemi di I categoria con propria cabina di trasformazione, sistema TN-C ……… (*)

(*) indicare tipo di locali, impianti piani o reparti

Note: ………………………………………..

Leggi anche: Sicurezza elettrica: recepite le Direttive 2014/30/UE e 2014/35/UE

Copyright © - Riproduzione riservata
Protezione contro i contatti diretti ed indiretti: la nuova scheda IA 025 Ingegneri.info