Solar Farm: il guinness mondiale apparterrà alla Cina | Ingegneri.info

Solar Farm: il guinness mondiale apparterrà alla Cina

La Cina supererà l’Inghilterra nella leadership del guinness per la fabbrica solare galleggiante più grande del mondo

© Sungrow
© Sungrow
image_pdf

Era febbraio 2016, quando fuori Londra veniva installata la più grande fabbrica galleggiante ad energia solare e l’auspicio era quello che anche gli altri Stati, non solo europei, seguissero quella strada.

A distanza di un anno il primato mondiale londinese sarà surclassato dall’impianto galleggiante che sarà allestito nella città di Huainan (Cina): una potenza di 40 MegaWatt, utile a soddisfare il fabbisogno di 15.000 case.

È singolare che sia uno Stato come la Cina a battere il primato mondiale: una grande potenza mondiale e commerciale abbandona le fonti energetiche classiche a favore di quelle rinnovabili. La Cina è il più grande produttore di energia solare al mondo, 77.42 GigaWatt.
Già alla periferia di Londra su un vasto lago artificiale, lo scorso febbraio 2016, era iniziato l’allestimento della “Solar Farm”: un investimento di 6 milioni di sterline.
Si tratta di un impianto utile a produrre energia elettrica sufficiente ad alimentare gli impianti locali di trattamento dell’acqua, fornendo acqua potabile pulita ad una popolazione di circa 10 milioni di persone dislocate a Londra e nell’sud-est dell’Inghilterra (Fonte: The Guardian).

Oggi le energie rinnovabili cinesi rappresentano al momento l’11% dell’energia totale prodotta ma questa percentuale è destinata ad aumentare e ad arrivare alla soglia del 20% entro il 2030.
L’impianto cinese, costituito da pannelli solari, sorgerà su un’area dismessa, precedentemente sede delle miniere di carbone, su cui attualmente sorge un lago artificiale formatosi a seguito delle importanti piogge e dei fenomeni di subsidenza che hanno interessato l’area.

Esempio di distrubuzione

Esempio di distribuzione

Esempio di distribuzione

Esempio di distribuzione

La profondità del lago varia tra i 4 e i 10 m; sulla sua superficie saranno disposti pannelli solari che, grazie alla presenza dell’acqua ne sarà favorito il funzionamento poiché saranno di fatto limitati effetti di surriscaldamento che inficiano sul rendimento dell’impianto stesso.

A realizzare il progetto sarà Sungrow Power Supply che mantiene uno stretto riserbo sulle effettive dimensioni e proprietà della piattaforma che sarà installata.

Leggi anche: L’impianto solare Archimede: da Casaccia al Tibet

Copyright © - Riproduzione riservata
Solar Farm: il guinness mondiale apparterrà alla Cina Ingegneri.info